Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Popoli liberi e sovrani

"Sono pronta a tornare in prigione altre 100 volte per il mio Paese"

Scritto da L'Antidiplomatico.

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

 

"Sono pronta a tornare in prigione altre 100 volte per il mio Paese"


La giovane attivista Ahed Tamimi, uscita recentemente dalle carceri israeliane dopo 8 mesi di detenzione per aver schiaffeggiato un soldato israeliano che aveva fatto irruzione nel suo villaggio, ha dichiarato in un’intervista alla versione RT in arabo che “continuerà a combattere per la causa palestinese, nonostante le difficoltà che ha dovuto affrontare in una prigione militare israeliana.”

Tamimi ha sostenuto nel corso dell’intervista che rischierebbe di andare in prigione di nuovo per il suo paese. "Spero che nessuno possa mai passare quello che ho passato io. Sono contenta di essere finita lì per le mie convinzioni. E sono pronta ad andare in prigione altre 100 volte se serve al bene del mio paese".

Tamimi a dicembre era stata filmata spingendo, scalciando e schiaffeggiando due soldati armati dell'esercito che avevano fatto irruzione nel suo villaggio natale, Nabi Saleh, nella West Bank.

"Era il soldato che ha sparato Mohammed quando era già ferito in faccia e quasi morto a causa di ciò", ha dichiarato. "Era lo stesso soldato che sparava contro gli adolescenti vicino a dove vivo".

Un tribunale militare israeliano ha giudicato l'adolescente colpevole di aggressione e incitamento alla violenza. Il suo arresto e la sua detenzione sono stati condannati da numerose organizzazioni per i diritti umani e il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani in Palestina ha chiesto formalmente la a sua liberazione.

da: www.lantidiplomatico.it

Pin It