Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Popoli liberi e sovrani

Nicaragua, la USAID finanzia il golpe

Scritto da maxblumenthal.com.

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 
 

Mentre alcuni media corporativi hanno ritratto il violento movimento di protesta che intrappola il Nicaragua come un movimento progressista di base, gli stessi studenti del paese hanno dimostrato il contrario. All'inizio di giugno, un piccolo gruppo di attivisti dell'opposizione dal Nicaragua si è recato a Washington, DC, con la testa del gruppo di difesa dello Stato americano di destra, Freedom House

Il gruppo di opposizione, noto come M19, era lì per chiedere aiuto a Donald Trump e ad altri funzionari di destra del governo degli Stati Uniti per aiutarli nella loro lotta contro il presidente nicaraguense Daniel Ortega.

Durante un tour nella capitale degli Stati Uniti, i leader del M19 posarono per le foto con alcuni dei neoconservatori più famosi del Congresso degli Stati Uniti: i senatori Ted Cruz e Marco Rubio e la rappresentante Ileana Ros-Lehtinen. Gli M19 sono stati inoltre guidati alle riunioni con alti funzionari del Dipartimento di Stato e l'organizzazione di potere bellico USAID. Lì, gli fu assicurato che avrebbero avuto il pieno sostegno di Washington.

Un mese prima degli incontri del M19 con i legislatori ultraconservatori a Washington, una pubblicazione finanziata dal braccio operativo per il cambio di regime, diretta dal governo degli Stati Uniti, la National Endowment for Democracy (NED), dichiarò apertamente che le organizzazioni sostenute dal NED hanno passato anni e milioni di dollari "gettano le basi per l'insurrezione" in Nicaragua.

Questo articolo, che riflette apertamente l'interferenza degli Stati Uniti, è stato pubblicato sul sito web di notizie incentrato sull'America Latina, Global Americans, ed è stato scritto dall'accademico americano Benjamin Waddell, direttore accademico della International Training School in Nicaragua. Dopo la pubblicazione di questo articolo, il Global Americans ha sostituito il termine "insurrezione" con la parola più innocua "cambiamento". Tuttavia, il titolo originale può ancora essere visto nell'URL dell'articolo.

Nonostante l'alterazione cosmetica, l'articolo di Waddell offre una valutazione notevolmente sincera dell'impatto degli investimenti sostenuti dalla National Endowment for Democracy sulla società civile nicaraguense. Le conclusioni dell'autore hanno inavvertitamente echeggiato quelle del presidente del Nicaragua Daniel Ortega e dei suoi sostenitori, che hanno inquadrato le proteste come un complotto accuratamente assemblato e sostenuto da Washington.

"La stampa internazionale ha descritto la rapida escalation dei disordini civili in Nicaragua come un'esplosione spontanea del malcontento collettivo, innescata dalle modifiche del governo al sistema di sicurezza sociale". Waddell ha scritto che "è sempre più chiaro che il sostegno degli Stati Uniti ha contribuito a svolgere un ruolo nella promozione delle rivolte attuali".

In un altro passo sorprendente, Waddell ha concluso: "l'attuale partecipazione del NED nel nutrire gruppi della società civile in Nicaragua fa luce sul potere del finanziamento transnazionale di influenzare i risultati politici nel 21° secolo".

 

Una storia di ingerenza

La NED è l’agente principale del soft power degli Stati Uniti ed è stato coinvolto negli affari di altri paesi sin dalla sua fondazione, al culmine della Guerra Fredda, nel 1983. Il suo primo successo si è svolto in Nicaragua, dove ha incubato costumi anti-sandinisti come il giornale La Prensa, attraverso un prodotto chiamato PRODEMCA, anch'esso finanziato segretamente dagli alleati di Oliver North.

Nel 1990, i sandinisti furono sconfitti alle urne dal candidato di destra Violeta Chamorro, la cui famiglia possedeva La Prensa. La vittoria di Chamorro ha rappresentato il culmine di quasi 16 milioni di dollari in sovvenzioni NED a partiti politici e media anti-sandinisti. "Gran parte di ciò che facciamo oggi è stato fatto in modo nascosto 25 anni fa dalla CIA", ha dichiarato Allen Weinstein, fondatore del NED, nel 1991.

Negli anni seguenti, la NED ei suoi partner hanno contribuito a spingere le elezioni per i candidati neoliberisti di destra in Russia e in Mongolia nel 1996; ha fomentato un colpo di Stato che ha espulso dal potere il presidente democraticamente eletto di Haiti, Jean Bertrand Aristide; e investe milioni per lo smantellamento del governo socialista del Venezuela, uno sforzo continuo completato dallo schiacciante aumento delle sanzioni statunitensi.

Le proteste che sono scoppiate in Nicaragua hanno riorientato l'influenza del NED. Secondo Waddell, la NED ha speso 4,2 milioni di dollari nel paese dal 2014, aiutando 54 gruppi a diventare attori importanti nell'arena politica e "gettando le basi per l'insurrezione".

 

La rete sostenuta dagli Stati Uniti dietro le proteste

Le rivolte che hanno paralizzato il Nicaragua sono state innescate dall'annuncio da parte del presidente Daniel Ortega di riforme del sistema di sicurezza sociale quasi in bancarotta. Il Fondo monetario internazionale e un gruppo di coordinamento di aziende locali hanno insistito sui cambiamenti che potrebbero innalzare l'età pensionabile e cliniche sanitarie gradualmente privatizzate, minacciando alcune tra le più importanti conquiste della rivoluzione sandinista.

Quando Ortega ha risposto con una proposta che avrebbe richiesto un maggiore contributo al sistema da parte delle imprese e pensionati, con gli imprenditori a pagarne la maggior parte, una parte del settore pubblico è esploso con indignazione. La rabbiosa reazione al piano di Ortega, rafforzata da un'intensa copertura da parte delle fonti dell'opposizione, è diventata la scintilla delle proteste che hanno letteralmente bruciato il paese in molti casi.

I volti più visibili del movimento anti-Ortega non sono persone in pensione colpite dalle riforme della sicurezza sociale, ma studenti urbani, politicamente non affiliati e che cercano una vittoria totale. Hanno forgiato un'alleanza con l’opposizione di destra.

Nel frattempo, uomini mascherati con pistole e mortai hanno formato la prima linea dei blocchi stradali che hanno già drenato l'economia del Nicaragua di circa 250 milioni di dollari di entrate. Ad oggi, circa 170 persone sono state uccise nel caos. Mentre il bilancio delle vittime aumenta da entrambe le parti, parlare di una nuova guerra civile sembra una possibilità più che remota.

Da quando sono iniziate le rivolte, la NED ha provveduto a nascondere i nomi dei gruppi che finanziava in Nicaragua con la motivazione che potevano affrontare rappresaglie del governo. Ma i principali sostenitori di Washington erano già ben noti nel paese.

Hagamos democracia, è il maggior beneficiario dei fondi NED, avendo ottenuto più di 525.000 dollari in sovvenzioni dal 2014. Il presidente del gruppo, Luciano Garcia, che sovrintende una rete di giornalisti e attivisti, ha detto che Ortega ha fatto del Nicaragua uno "stato fallito" e ha chiesto le sue dimissioni immediate.

L'Istituto di Studi Strategici e Politiche Pubbliche (IEEPP) di Managua, il cui presidente è Felix Maradiaga, ha ricevuto almeno  260.000 dollari dalla NED dal 2014. Le borse di studio sono state assegnate a sostenere il lavoro di IEEPP nella formazione di attivisti per "incoraggiare il dibattito e generare informazioni su sicurezza e violenza ". Il finanziamento ha anche riguardato gli sforzi per monitorare la" maggiore presenza di Russia e Cina nella regione ", un'ovvia priorità per Washington.

Non appena sono iniziate le violente proteste contro Ortega, il direttore di IEEPP, Felix Mariadiaga, ha portato alla luce la sua agenda. L'ex leader globale del Young World Forum, educato a Yale e Harvard, è stato elogiato dalla stampa per "sudare, sanguinare e piangere con i giovani studenti che hanno guidato le proteste in Nicaragua da aprile a fine maggio."

Quando La Prensa gli ha chiesto se ci fosse una via d'uscita dalla violenza senza un cambiamento di regime, Mariadaga è stato franco: "Non riesco a immaginare una via d'uscita in questo momento che non include una transizione verso la democrazia senza Daniel Ortega."

 

"Ci siamo dati un'immagine terribile"

A giugno, Mariadaga ha guidato una delegazione di opposizione a Washington per denunciare il governo di Ortega prima dell'Assemblea generale dell'Organizzazione degli Stati americani. È stato raggiunto da Anibal Toruno, direttore di Radio Darío, un altro media sostenuto da lunga data dalla NED ed uno dei centri chiave dei media anti-Ortega nella città nicaraguense di León.

Mentre Mariadaga era a Washington, la polizia del Nicaragua lo ha accusato di aver supervisionato una rete criminale organizzata che ha ucciso diverse persone durante le violente rivolte che hanno preso il controllo del paese. Mariadaga ha criticato le accuse come una "persecuzione politica" e una "accusa ridicola", ma ha rinviato il suo ritorno in Nicaragua. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti UU. lo ha difeso con una dichiarazione di sostegno veemente.

Allo stesso tempo, un gruppo di manifestanti delle proteste di Ortega era a Washington per premere sul governo Trump per chiedere aiuto nel rovesciare il leader del suo paese. Tra i funzionari degli Stati Uniti, chi ha ricevuto gli studenti è il direttore della USAID, Mark Green. "Abbiamo bisogno di sostenere coloro che difendono le cose in cui dovremmo credere", ha detto Green degli studenti, in un'intervista con McClatchy.

Oltre alla NED, la USAID è stato il promotore più attivo del cambio di regime contro i governi socialisti in America Latina. In Nicaragua, il budget USAID ha superato i 5,2 milioni di dollari nel 2018, con la maggior parte dei fondi destinati alla formazione della società civile e delle organizzazioni dei media.

Il viaggio degli studenti del Nicaragua a Washington è stato finanziato da Freedom House, un partner della NED finanziato dal governo degli Stati Uniti il ​​cui programma è tipicamente allineato con l'ala neoconservatrice dell'establishment della politica estera degli Stati Uniti. La Freedom House ha sviluppato un itinerario per gli studenti che è culminato in un servizio fotografico con alcuni dei repubblicani più bellicosi di Washington: i senatori Ted Cruz e Marco Rubio e la rappresentante Ileana Ros-Lehtinen.

Tornato a Managua, un altro importante leader studentesco, Harley Morales, barcollò disgustato dall'apparizione dei suoi compagni di classe al Campidoglio. "E 'stato terribile", ha detto Morales al quotidiano El Faro. "Loro (Cruz, Rubio e Ros-Lehtinen) sono l'estrema destra repubblicana, siamo molto scontenti di questo viaggio, sono stati pagati dagli Stati Uniti e gli è stato imposto un ordine del giorno, ci siamo dati un'immagine terribile".

Anche se si aspettava "un piano di correzione degli errori", Morales ha ammesso che il controllo di potenti interessi esterni sui manifestanti studenteschi era sempre più severo. "Tutti i movimenti ora hanno consiglieri", ha lamentato. "Motori e agitatori, figli di politici, uomini d'affari ... Hanno una linea politica molto chiara".

fonte: maxblumenthal.com

da: www.altrenotizie.org

Pin It