Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Popoli liberi e sovrani

Giornalista peruviano conferma: l'attentato contro Maduro pianificato a Miami

Scritto da Fabrizio Verde.

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

 

Giornalista peruviano conferma: l'attentato contro Maduro pianificato a Miami



Il giornalista peruviano Jaime Baylly, residente a Miami, ha confessato di aver preso parte a una riunione nella città statunitense dove era in corso di pianificazione l’attentato contro il presidente venezuelano Nicolas Maduro

di Fabrizio Verde


La denuncia di Maduro era chiara: dietro il fallito attentato ci sono Stati Uniti e Colombia. Dopo aver appreso che gli autori materiali dell’attentato terroristico sono stati addestrati in Colombia, giunge una conferma ulteriore. Mentre i fake media italiani cianciano ancora, imperterriti, su presunti dubbi, bombole di gas inesistenti, o piani orditi dal ‘dittatore’ venezuelano per poter avere mano libera sulla repressione. Insomma, si scoprono complottisti. 

Tornando alle conferme circa le accuse di Maduro, il giornalista peruviano Jaime Baylly, residente a Miami, ha confessato di aver preso parte a una riunione nella città statunitense dove era in corso di pianificazione l’attentato contro il presidente venezuelano Nicolas Maduro.

Il giornalista dice di aver preso parte a questa riunione alcuni giorni prima si verificasse il fallito attentato contro il dirigente bolivariano. «Le mie fonti mi invitarono e io partecipai - spiega - mi dissero sabato ammazziamo Maduro». 

I golpisti sono militari e poliziotti, alcuni ancora in Venezuela, afferma il conduttore peruviano. 

Baylly poi dice che vi saranno altri attacchi, e che i golpisti possono contare sul sostegno «logistico e tecnologico» degli Stati Uniti. 

In ultima analisi possiamo affermare che Maduro è sopravvissuto, il giornalismo italiano no.  

da: www.lantidiplomatico.it

Pin It