Società

Spagna: campagna per la liberazione del sindaco di Riace

Scritto da Pressenza. Postato in Società

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

Spagna: campagna per la liberazione dell’italiano Domenico Lucano, sindaco di Riace

Spagna: campagna per la liberazione dell’italiano Domenico Lucano, sindaco di Riace(Foto di A través de eldiario.es)

 

Diversi movimenti sociali spagnoli stanno conducendo una campagna per chiedere il rilascio di Domenico Lucano, sindaco di Riace, agli arresti domiciliari con l’accusa di favorire l’immigrazione clandestina. Questa località è un esempio di solidarietà e integrazione con gli immigrati arrivati nel loro paese.

La campagna consiste in un invio massivo di lettere indirizzate all’Ambasciatore italiano in Spagna, Stefano SANNINO, per chiedere il rilascio di Lucano. Il testo è il seguente:

All’Ambasciatore d’Italia in Spagna.

Madrid, …. ottobre 2018.

Spettabile Sig.:

Oggi abbiamo sentito parlare degli arresti domiciliari di Domenico Lucano, sindaco di Riace, accusato di favorire l’immigrazione clandestina.

Le organizzazioni e gli individui che aderiscono a questa richiesta denunciano da anni le politiche ostili dei paesi dell’UE contro le persone costrette a emigrare dai loro paesi. Nella maggior parte dei casi, queste fughe hanno la loro causa nello sfruttamento delle persone e delle risorse naturali da parte delle imprese europee, così come nella vendita di armi ai paesi di origine dei migranti.

Molte delle politiche e delle pratiche migratorie dei paesi dell’UE stanno uccidendo migliaia di persone che cercano di raggiungere paesi come l’Italia e la Spagna. Coloro che riescono a sopravvivere sono di solito affollati nei campi di accoglienza e in altre strutture, dove vengono denunciate continue violazioni dei diritti umani e del diritto internazionale in materia di accoglienza e di asilo.

Di fronte a questa drammatica situazione, i cittadini di Riace e il suo sindaco hanno mostrato al mondo uno sforzo di solidarietà e integrazione che mostra le possibilità dei nostri paesi di essere fedeli alle radici della solidarietà che hanno dato origine alla creazione dell’Europa e che oggi sono fortemente minacciate. Quest’opera è stata riconosciuta in numerosi paesi del mondo, con il sostegno pubblico di numerosi rappresentanti istituzionali e la registrazione e diffusione di diversi documentari che mostrano Riace e il suo sindaco come esempi di solidarietà.

Consideriamo l’arresto di Domenico Lucano come un atto riprovevole che criminalizza la solidarietà e la ricerca di soluzioni umane all’autentico genocidio che l’Europa sta compiendo nei confronti degli immigrati.

Per questo motivo, chiediamo

Che trasmetta questa petizione al suo governo, e che si faccia tutto il possibile affinché Domenico Lucano possa essere immediatamente rimesso in libertà, e possa continuare a lavorare per l’accoglienza e l’integrazione degli immigrati.

Ambasciatore, il sindaco di Riace non è un pericoloso delinquente, ma il rappresentante di un popolo che è un riferimento per l’Europa su come evitare la morte di migliaia di persone. Ci sembra una seria minaccia per il futuro delle nostre società che persone come Domenico Lucano siano trattate come criminali.

Rispettosamente,

Questa lettera deve essere inviata via e-mail al suo indirizzo di posta elettronica:: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Si invita il maggior numero di persone, associazioni e istituzioni ad inviarla all’Ambasciatore.

09.10.2018 - Madrid - Redacción Madrid

Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

 


La Romania boccia il referendum contro il matrimonio egualitario

Posted: 08 Oct 2018 12:36 PM PDT

E’ miseramente fallito il referendum romeno contro il matrimonio egualitario. Alla chiusura delle urne, l’affluenza non era arrivata al 20% (19.75%) degli aventi diritto al voto. Perché la consultazione potesse essere valida, era necessario che almeno il 30% degli elettori andassero alle urne. I romeni hanno dunque affossato il referendum che voleva introdurre nella Costituzione […]

Redazione Italia

La verità su Cristoforo Colombo

Posted: 08 Oct 2018 11:01 AM PDT

Oggi Cristoforo Colombo è celebrato come un mitico eroe – con tanto di canzoni, poesie, e fictions – sulla sua grande avventura attraverso l’Atlantico per esplorare la terra maestosa che sarebbe stata poi chiamata America. Negli USA ci sono cinquantaquattro comunità che prendono il nome dall’esploratore, incluso il distretto della Columbia. “Salve, Colombia” è stato […]

Countercurrents

L’arresto di Mimmo Lucano: chi cambia dal basso viene punito?

Posted: 08 Oct 2018 07:57 AM PDT

In migliaia sono scesi in piazza e si sono mobilitati per manifestare la propria solidarietà a Mimmo Lucano, il sindaco di Riace divenuto simbolo mondiale dell’accoglienza diffusa e finito martedì scorso agli arresti domiciliari per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e abuso d’ufficio. Ad essere sotto accusa, da una parte, e difeso, dall’altra, non è solo il […]

Italia che Cambia

“Giù le mani dall’informazione”, domani alle 15 conferenza stampa in FNSI

Posted: 08 Oct 2018 07:45 AM PDT

L’informazione non si può abolire per decreto. È un bene essenziale per la tenuta democratica del Paese. Lo dimostrano le reazioni di numerosi giornalisti e cittadini agli attacchi mossi dal vicepremier Luigi Di Maio a Repubblica, L’Espresso e ai quotidiani del Gruppo Gedi. Contro gli insulti di chi pensa di poter ridurre al silenzio il […]

Articolo 21

Manovra economica: ogni promessa è debito…

Posted: 08 Oct 2018 07:35 AM PDT

Ogni promessa è debito: è forse questa la frase che sintetizza meglio la manovra economica del Governo. In campagna elettorale le due forze politiche che compongono la maggioranza hanno fatto tante promesse agli elettori. Per mantenere quelle promesse adesso bisogna spendere in deficit, poiché le casse dello Stato sono vuote, anzi, sono piene di debiti. […]

Rocco Artifoni

La corsa di Nada, dalla Palestina alle Olimpiadi di Buenos Aires

Posted: 08 Oct 2018 07:20 AM PDT

Quando chiediamo ai nostri atleti quale sia il loro sogno, ci rispondono sempre la stessa cosa: sollevare la bandiera palestinese alle Olimpiadi. Nada, a 16 anni, potrà farlo. Deve tutto alla sua tenacia, ma a noi piace pensare che oggi sia a Buenos Aires anche grazie al nostro aiuto”. A raccontare l’avventura di Nada Ghroof […]

Agenzia DIRE

Giovani. Tra barconi e Balcani

Posted: 08 Oct 2018 07:08 AM PDT

In Bosnia ed Erzegovina abbiamo incontrato, nella recente visita dei campi di migranti della Balkan route, due ventenni di nome Greta e Cristiana. Rispettivamente Corpo Civile di Pace (CCP) e Servizio Civile Internazionale di Ipsia presso il girone infernale di Bihac. In verità avrebbero dovuto lavorare per un progetto ambientale nel paradiso dell’Una National Park ma […]

Unimondo

Elezioni in Brasile: senza perdere la tenerezza

Posted: 08 Oct 2018 05:32 AM PDT

Tolgo lo sguardo dalla TV distratto dalla vibrazione del maledetto cellulare. È una cara amica dal Cile, la sua domanda esigerebbe una lunga spiegazione, vorrei raccontarle la mia desolazione totale. Invece le mando una apatica foto con qualche grafico, percentuali, numeri. Manca poco ormai, i giochi sono fatti. Anche se lo scrutinio dei voti non […]

Paolo D'Aprile

Pin It

è realizzato da