Volontariato

"L'impatto con la realtà fa sempre un rumore troppo forte"

Scritto da Emergency. Postato in Volontariato - news

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

 

Logo di EMERGENCY
 
  Una visita all'ambulatorio di EMERGENCY a Polistena
Dona ora
EMERGENCY.IT
“L’IMPATTO CON LA REALTÀ
FA SEMPRE UN RUMORE TROPPO FORTE”
Il contesto di Polistena visto dalla navetta di EMERGENCY
Le storie dei braccianti che lavorano nelle campagne del Sud Italia le avevo lette. La rivolta di Nardò, la tendopoli di San Ferdinando, gli atti di violenza. Forse sapevo cosa aspettarmi. Ma l’impatto con la realtà fa sempre un rumore troppo forte. Quando sono arrivata in Calabria, prima a Lamezia, poi a Rosarno e infine a Polistena, continuavo a guardami attorno. Cercavo di capire il contesto, di entrarci in qualche modo.

La mia permanenza a Polistena si è aperta con l’incontro con lo staff: da quel momento, ogni aspetto dell’intervento tra i servizi sanitari offerti e l’orientamento socio-sanitario mi era chiaro. Visite mediche, colloqui con i pazienti, accompagnamenti in ospedale. Tutto apparentemente semplice.

Cammino per Polistena, “La Perla della Piana”, così viene chiamata. Fatico a capire il perché di questo nome, ma è nelle campagne che riesco a comprendere, a trovare delle risposte. Il Poliambulatorio ha un posizionamento particolare. È un ambulatorio fisso – nella scheda del progetto è descritto così – ma è anche di più. Due volte al giorno, una navetta raggiunge i luoghi più isolati della Piana di Gioia Tauro. Lo staff incontra i pazienti, parla con loro, li accompagna al Poliambulatorio. Mi colpisce subito questa relazione costante tra mobilità e stanzialità. Non saprei spiegarne il motivo, forse è semplicemente necessaria.


Cercare le risposte a ogni mia singola domanda in soli quattro giorni è impossibile. E allora mi concentro sugli aspetti più piccoli di questo viaggio, sugli episodi. Sulle persone.


M. è incinta, l’abbiamo accompagnata in ospedale per fare degli esami, ride e mangia di nascosto delle patatine che tiene nella borsa.


F. fa visita al Poliambulatorio ogni giorno, è diabetico, ha bisogno di controlli costanti ma forse dovrà spostarsi a Foggia, per lavorare.


I., S. e J. si addormentano sulle sedie della sala d’attesa prima di ritornare in tendopoli.


Il Poliambulatorio di Emergency a Polistena è anche questo: una pausa, uno spazio di sospensione dalla realtà.
Che è lì, subito fuori. Nel viaggio di ritorno verso la tendopoli, insieme a tutti i pazienti, vado anche io. Il mio sguardo durante quella visita mi fa capire quanto diamo per scontata una serie di aspetti “normali” della nostra quotidianità. Avere una casa, una strada su cui camminare, del cibo. Ma cos’è la normalità? Ecco Polistena: mettere in discussione ogni punto, ogni certezza, ogni significato. I confini, ad esempio, qui esistono. E niente esiste per caso: le condizioni di marginalità della tendopoli sono cercate, create. Le biografie in quella sala d’attesa raccontano traiettorie obbligate, determinate da intenzioni politiche, normative. Anche queste tende hanno una voce, chiara e forte, quella di chi ci vive: “Non abbiamo acqua, da giorni”.

Mi tornano in mente le parole di Giorgio, infermiere, dopo avermi chiesto come sto.
“È giusto vedere tutto questo”. Non c’è niente di più vero.


— Serena, da Polistena

Le attività del nostro Poliambulatorio a Polistena
CONDIVIDI SU:
SOSTIENICI
TU, CON I NOSTRI MEDICI IN PRIMA LINEA
Giorgia, infermiera di EMERGENCY a Kabul, si prende cura di un bambino ferito
Stare al nostro fianco significa offrire ai nostri medici, infermieri e operatori sul campo la certezza di un sostegno costante, su cui contare ogni giorno.

Prenditi cura di bambini, donne e uomini che non avrebbero altre possibilità di essere curati. 

Scegli di esserci oggi e domani, con i nostri medici in prima linea.
 
Attiva la tua donazione regolare
CONDIVIDI SU:
INIZIATIVE
FORME DI PACE,
STORIE DA SCOPRIRE: AFGHANISTAN
Banner del percorso multimediale
Da oggi a domenica ti aspettiamo all'Internet Festival a Pisa per l'installazione multimediale "Forme di pace | Storie da scoprire: Afghanistan", un percorso nella vita quotidiana dei medici e dei pazienti negli ospedali di Emergency.
Leggi il programma
“UNA STORIA PER EMERGENCY”, BANDO PER SCENEGGIATURE
Il logo del bando
Emergency incontra il cinema con "Una storia per Emergency", bando per sceneggiature di corti rivolto agli under 25 sul tema dei diritti, della pace, della solidarietà e dell’accoglienza, in collaborazione con Wildside e Rai Cinema.
Partecipa al bando
TUTTE LE INIZIATIVE DEI VOLONTARI DI EMERGENCY IN ITALIA
Banchetti, eventi, incontri di approfondimento… Sul nostro sito puoi trovare tutte le iniziative organizzate dai nostri volontari in Italia e sapere dove incontrarli per avere informazioni sulle attività umanitarie di Emergency.
Scopri tutte le iniziative
GADGET
L'impermeabile ripiegabile di EMERGENCY
I GADGET DI EMERGENCY ONLINE
L'impermeabile ripiegabile, le tazze, i libri... sul sito shop.emergency.it trovi tutti i nostri gadget. Acquistali e sostieni le nostre attività umanitarie nel mondo e in Italia!
CONDIVIDI SU:
Acquista
EMERGENCY 
Anche quest'anno siamo charity partner dell'Internet Festival. Saremo presenti a Pisa da oggi a domenica con l'installazione multimediale "Forme di pace | Storie da scoprire: Afghanistan" un percorso interattivo che permetterà ai visitatori di esplorare la realtà in cui vivono i medici e i pazienti nei nostri ospedali.
https://bit.ly/2QDtToo
Emergency
La vita a Lampedusa e il dramma dei migranti nel Canale di Sicilia: #casaemergency a #Milano ospita #Fuocoammare di Gianfranco Rosi, la terza delle cinque proiezioni di "D(i)ritti all'immagine" Partecipa: https://goo.gl/xxLaQm
EMERGENCY
Segui EMERGENCY su Google+ e ricevi i nostri aggiornamenti e le nostre notizie.
Dona ora
EMERGENCY.IT
DONA IL TUO 5x1000 A EMERGENCY
CODICE FISCALE 97147110155
Emergency - Via Santa Croce 19 - 20122 Milano Tel (+39) 02 881881 Fax (+39) 02 86316336

 

Pin It

è realizzato da