Cicogne, falchi cenerini, libellule, farfalle di ogni tipo e colore. Ma anche un immenso patrimonio di alberi da frutta: 5 varietà di mele, 63 di pere, 30 di prugne, 19 di pesche. È il tripudio della biodiversità quello che farà da cornice alla prossima tappa della GP EcoRun del 21 maggio a Giussago (PV) partenza ore 10 (ritrovo ore 9:00).


 

 

GP EcoRun 2017, alla scoperta di territori amici dell’ambiente

Vieni a toccare con mano la biodiversità in un percorso da 5/10 km

Cicogne, falchi cenerini, libellule, farfalle di ogni tipo e colore. Ma anche un immenso patrimonio di alberi da frutta: 5 varietà di mele, 63 di pere, 30 di prugne, 19 di pesche.

È il tripudio della biodiversità quello che farà da cornice alla prossima tappa della GP EcoRun del 21 maggio a Giussago (PV) partenza ore 10 (ritrovo ore 9:00).

Chi si iscrive (online su gpecorun.it ma anche in loco la mattina stessa) avrà modo di correre, camminare in un polmone verde dove in vent'anni sono state piantate oltre un milione di alberi e arbusti autoctoni che hanno permesso di ricreare un habitat simile a quello del primo millennio.

E siamo solo a una trentina di chilometri da Milano. Focus anche sulla coltivazione sostenibile del riso: i partecipanti riceveranno giusto appunto una confezione di prodotti Riso Vignola che sta sperimentando un nuovo metodo di semina e raccolta certificato bio.
 

 

Organizzata da Edizioni Green Planner in collaborazione con il Parlamento Europeo e con il patrocinio di Ministero dell’Ambiente, Enea, Patto dei Sindaci oltre a associazioni ambientaliste e sociali del territorio, la tappa è aperta ai runner ma anche le famiglie e i bambini.

La manifestazione è pet friendly: ben accetti anche i cani che possono partecipare e tenuti al guinzaglio. Anche questa tappa della GP EcoRun ospita e dà visibilità ad associazioni impegnate nel sociale: in particolare sarà con noi Aicra (www.aicra.it), una onlus impegnata nel diffondere la conoscenza della craniostenosi e supportare psicologicamente le famiglie con bambini affetti da craniostenosi (malattia rara che colpisce un bambino ogni 2.200 nati vivi, comporta la chiusura precoce di una o più suture craniche)

 



Costi iscrizione: 5 € (gratuito bambini sotto i 4 anni)
Ricco pacco gara per i primi 300 iscritti e premi per tutti!

Anche per questa tappa la consulenza dell'EcoIstituto di Bolzano si calcolerà tutta la CO2 prodotta dall'organizzazione e dalla partecipazione alla gara e la si andrà a compensare consegnando ai concorrenti semi di piante autoctone da far crescere con cura.

Ma non solo, Edizioni Green Planner - cui si deve l’ideazione del format patrocinato da Ministero dell’Ambiente, Patto dei Sindaci ed Enea e quest’anno anche in collaborazione con il Parlamento europeo - fornisce ai partecipanti tutta una serie di buone pratiche per giungere alla tappa in piena “mobilità sostenibile”.

Sul sito (gpecorun.it), infatti, si posso recuperare:

  • gli orari dei treni su cui caricare le biciclette per raggiungere la partenza
  • gli scambi di passaggi attraverso i siti di car sharing (se attivati in zona)
  • le informazioni sulle modalità di car pooling
  • le piste ciclabili da percorrere per giungere alla partenza senza inquinare

Nel dettaglio le GP EcoRun prevedono anche:

  • l'uso allargato di prodotti certificati come sostenibili
  • mezzi di comunicazione a impatto zero o con compensazione
  • stampa di locandine su carta certificata FSC e in loco (a cura dei Comuni)
  • prodotti il più possibile a km zero (altrimenti anche questi saranno oggetto di calcolo della CO2 prodotta)
  • raccolta differenziata in loco
  • l'acqua distribuita è quella del Sindaco


Tutti i dettagli delle tappe sul sito gpecorun.it
Per ulteriori informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  - cell 339/7070810

https://ecorun.greenplanner.it/

 

Joomla templates by a4joomla