Il codice di condotta per le ONG che operano nel Mediterraneo mette a rischio la vita di migliaia di persone e costituisce un attacco senza precedenti ai principi che ispirano il lavoro delle organizzazioni umanitarie. Emergency ritiene inaccettabile il codice di condotta imposto dal Governo Italiano alle organizzazioni umanitarie impegnate nelle azioni di SAR.

 


 
Staff durante una visita all'interno del Polibus di EMERGENCY
LA DECISIONE DEL GOVERNO ITALIANO DI INVIARE NAVI MILITARI IN LIBIA È UN ATTO DI GUERRA CONTRO I MIGRANTI
Il codice di condotta per le ONG che operano nel Mediterraneo mette a rischio la vita di migliaia di persone e costituisce un attacco senza precedenti ai principi che ispirano il lavoro delle organizzazioni umanitarie.
Emergency è impegnata da anni nell'assistenza a migranti, profughi e sfollati in paesi in guerra come in Italia; pur non essendo attualmente coinvolta in operazioni di ricerca e salvataggio in mare, Emergency ritiene inaccettabile il codice di condotta imposto dal Governo Italiano alle organizzazioni umanitarie impegnate nelle azioni di SAR.

In particolare, la richiesta di consentire l'accesso a bordo di personale militare, presumibilmente armato, è di fatto un'aperta violazione dei principi umanitari che sono il pilastro delle azioni delle ONG in tutto il mondo.

Tale concessione rischia di creare un pericoloso precedente che potrebbe essere mutuato in altre realtà dove da anni siamo riusciti a far accettare il principio per cui le nostre strutture di ricovero e cura sono aperte a tutti coloro che hanno bisogno di assistenza, e dove nessuna persona armata può avere accesso. Ciò non ha mai impedito a governi e istituzioni di vigilare sulla correttezza e sulla trasparenza del nostro operato.

Questo codice di condotta è la foglia di fico di un'Europa che continua a dimostrarsi indisponibile, ancora prima che incapace, a gestire questa crisi con responsabilità e umanità. Lo stesso coinvolgimento delle ONG nelle attività di ricerca e salvataggio in mare si è reso necessario principalmente per colmare una lacuna dei Governi europei, che hanno la responsabilità primaria di queste operazioni.

L'unica risposta sembra essere, ancora una volta, quella militare, sia nel Mediterraneo che nei Paesi di origine e transito. Sempre più spesso i fondi italiani ed europei destinati a progetti di sviluppo vengono deviati verso il potenziamento dei sistemi di sicurezza e degli apparati militari di paesi africani per arginare i flussi migratori. Inoltre, per blindare le proprie frontiere, l'Europa non esita a chiudere gli occhi davanti a gravissime violazioni dei diritti umani, in Libia e non solo.

L'invio di navi militari in Libia, approvato oggi dal nostro Parlamento, è l'evidente negazione dei diritti umani fondamentali di chi scappa dalle guerre e dalla povertà. Migliaia di persone verranno respinte in un paese instabile e saranno esposte a nuovi crimini e violenze, senza alcuna tutela.

Solo con un massiccio impegno in politiche di promozione della pace, di cooperazione e di sviluppo si affronteranno le vere cause delle migrazioni. Solo aprendo canali di accesso legali e sicuri per chi cerca rifugio nel nostro continente si garantirà il rispetto dei diritti contrastando la piaga del traffico di esseri umani. Solo proseguendo con le politiche di accoglienza e integrazione che il Governo italiano ha avviato in questi anni, seppur senza un reale sostegno dell'Unione Europea, si potrà assicurare la gestione dei flussi migratori in maniera lungimirante e sostenibile.
CONDIVIDI SU:
Aisha e Hawa nelle corsie del Centro pediatrico di EMERGENCY a Port Sudan
UN VIAGGIO
LUNGO 4.000 KM

Aisha e Hawa, 2 e 7 anni, arrivano al Centro pediatrico di Port Sudan in gravi condizioni. Vengono dalla Nigeria, accompagnate dalla madre che parla solo l'hausa, una lingua che nessuno del nostro staff conosce: per fortuna, altre madri presenti in ospedale riescono a comunicare con lei e ci aiutano a tradurre [...]

Leggi la storia
CONDIVIDI SU:
INIZIATIVE
METAL FOR EMERGENCY
5 AGOSTO A FILAGO
Metal for EMERGENCY

Non mancare il 5 agosto a Filago, in provincia di Bergamo, a Metal for Emergency. L'ingresso a questa giornata dedicata ai fan della musica metal è gratuito e parte del ricavato andrà a sostegno delle nostre attività.

Vai al sito
TUTTE LE INIZIATIVE DEI NOSTRI VOLONTARI
Un banchetto dei volontari di EMERGENCY

Banchetti, eventi, concerti, incontri di approfondimento… Sul nostro sito puoi trovare tutte le iniziative organizzate dai nostri volontari in Italia e sapere dove incontrarli per avere informazioni sulle attività umanitarie di Emergency.

Tutte le iniziative
GADGET
Il pallone da calcio di EMERGENCY
I GADGET DI EMERGENCY ONLINE

Il pallone da calcio di Emergency, le felpe, i libri...sul sito shop.emergency.it trovi tutti i nostri gadget. Acquistali e sostieni le nostre attività umanitarie nel mondo e in Italia!

CONDIVIDI SU:
Acquista
EMERGENCY
"Quando vedi il sorriso dei pazienti significa che sono felici, rispettano il nostro lavoro qui e quello che facciamo per loro". Anica, infermiera di sala operatoria all'Emergency Hospital di Erbil, racconta perché ha scelto di partire per l'Iraq con Emergency.
[VIDEO]
Emergency
#Afghanistan esplosione nel distretto di Qarabagh, nord di #Kabul. Per ora 12 i feriti portati al nostro ospedale nella capitale #laguerraè
 
Emergency
Attentato ambasciata irachena #Kabul. Abbiamo sentito forte boato e colpi di arma da fuoco. 2 feriti portati a nostro Ospedale #Afghanistan
 
EMERGENCY
Segui EMERGENCY su Google+ e ricevi i nostri aggiornamenti e le nostre notizie.
Dona ora
 
EMERGENCY.IT
Emergency - Via Gerolamo Vida 11, 20127 Milano Tel (+39) 02 863161 Fax (+39) 02 86316336

 

Joomla templates by a4joomla