COMUNICATO STAMPA                                                                                                      
CS238-2017

SENTENZA DELLA CASSAZIONE SULLA MORTE DI MICHELE FERRULLI: IL COMMENTO DI AMNESTY INTERNATIONAL ITALIA

A seguito della sentenza del 2 ottobre con cui la Corte di cassazione ha confermato le assoluzioni per i quattro poliziotti imputati per la morte di Michele Ferrulli, deceduto a Milano per arresto cardiaco il 30 giugno 2011, mentre agenti della polizia lo stavano ammanettando a terra, il presidente di Amnesty International Italia Antonio Marchesi ha rilasciato il seguente commento:

“La chiusura, con la sentenza della Cassazione, della vicenda di Michele Ferrulli lascia l'amaro in bocca e alcuni interrogativi aperti. Nessuno pretendeva, ovviamente, che per la sua morte venissero condannate persone giudicate a più riprese non colpevoli. Ma è lecito domandarsi, dopo oltre sei anni, come e perché un uomo sia morto durante il suo arresto nel centro di Milano e se le modalità seguite nell'arrestare Ferrulli, così come altre persone in Italia, siano davvero adeguate a scongiurare epiloghi tragici o se non debbano essere riviste”. 

FINE DEL COMUNICATO                                                                                      
Roma, 3 ottobre 2017

Joomla templates by a4joomla