Secondo quanto riferito dal colonnello statunitense Ryan Dillon, portavoce della cosiddetta coalizione anti-ISIS guidata Washington, le truppe siriane sono arrivati a 55 chilometri dalla base nordamericana al posto di frontiera di Al-Tanf, tra la Siria e l'Iraq e vicino al triangolo di confine siriano, iracheno e giordano.

 

 

Le Forze siriane circondano la base USA vicino al confine con la Giordania

Le forze pro-governo siriane hanno lanciato un'offensiva anti-terrorismo nel sud-est del paese arabo, giungendo a 55Km dalla base militare statunitense di Al-Tanf.



Secondo quanto riferito dal colonnello statunitense Ryan Dillon, portavoce della cosiddetta coalizione anti-ISIS guidata Washington, le truppe siriane sono arrivati a 55 chilometri dalla base nordamericana al posto di frontiera di Al-Tanf, tra la Siria e l'Iraq e vicino al triangolo di confine siriano, iracheno e giordano.
 
"C'è stato un raid nella zona di de-escalation", ha riferito Dillon, alla CNN, segnalando che la coalizione ha informato degli eventi alla Russia. Dopo tale relazione, le forze pro-Damasco si sono ritirate, ha detto.

L'uso del canale di comunicazione tra Stati Uniti e le forze russe giunge in mezzo a nuove accuse formulate dalla Russia, secondo la quale l'ISIS agisce con la copertura degli Stati Uniti nei suoi attacchi contro le forze siriane.
 
In particolare, il portavoce del Ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov, ha spiegato in una recente conferenza stampa che l'ISIS ha effettuato una serie di attacchi da un'area entro un raggio di 50 chilometri intorno alla città di Al-Tanaf "dove è situata una missione militare statunitense ".
 
"Gli americani non hanno permesso alle truppe siriane (Al-Tanaf) di avvicinarsi quando hanno attaccato i terroristi", ha affermato il militare russo, notando che le truppe governative dovevano fare sforzi reali per neutralizzare gli estremisti in quella zona.

Fonte: CNN

Notizia del: 05/10/2017

Pin It
Joomla templates by a4joomla