Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

AmbienteWeb - Ambientalismo, Pacifismo, Diritti, Libera Comunicazione

AmbienteWeb - Ambientalismo, Pacifismo, Diritti, Libera Comunicazione

Il ruolo della Russia negli ultimi 2 mesi in Medio Oriente

Scritto da L'Antidiplomatico. Postato in Popoli liberi e sovrani

I finanziamenti e gli investimenti Cinesi uniti alla estrema abilità diplomatica Russa, supportata da una potenza militare notevole, hanno ormai creato i pilastri e i presupposti per una lenta ma inesorabile transizione dall’ordine mondiale neoliberal attuale. Mosca assume sempre più un ruolo centrale di mediazione diplomatica e supporto militare con Pechino.

 

Il ruolo della Russia negli ultimi 2 mesi in Medio Oriente: l'ordine mondiale a tre superpotenze è realtà

di Federico Pieraccini



Mosca media tra Tehran e Riyad.
Mosca media tra Ankara e Damasco.
Mosca media tra Seul e Pyongyang.
Mosca è pronta a mediare tra Doha e Riyad.
Mosca media tra Tel Aviv e Damasco.
Mosca media tra Iraq-Iran-Turchia-Siria e i Curdi.

E questo solo negli ultimi 2 mesi in Medio Oriente e per la crisi in Corea.

I finanziamenti e gli investimenti Cinesi uniti alla estrema abilità diplomatica Russa, supportata da una potenza militare notevole, hanno ormai creato i pilastri e i presupposti per una lenta ma inesorabile transizione dall’ordine mondiale neoliberal attuale.

Mosca assume sempre più un ruolo centrale di mediazione diplomatica e supporto militare con Pechino che accompagna l’azione da un punto di vista geo-economico.

La combinazione di questi elementi permette l’emergere di potenze regionali egemoni alleate, come visto in Medio Oriente con l’Iran o in Nord Africa con l’Egitto.

La protezione militare-economica-diplomatica sino-russa è talmente efficace da poter sostenere una nazione come il Venezuela che si trova a poche centinaia di chilometri dagli Stati Uniti.

La strategia del ‘America First’ è in linea con il naturale evolversi degli eventi: Washington meno protagonista, meno coinvolta, meno decisore finale. Non è questione che l’amministrazione USA sia o meno favorevole ad una transizione del genere o se abbia intenzione o meno di sabotare l’inevitabile.

Il lento attraversamento verso un ordine mondiale con più superpotenze e centri di potere (Washington, Pechino e Mosca) è già una realtà.

Dubbi ? Chiedete ad Assad che doveva essere rimosso sei anni fa o guardate una cartina e vedrete che la Crimea è Russia.

I media e i politici occidentali fanno finta di niente ma noi europei in particolare se non prendiamo atto del cambiamento in corso continueremo a subire decisioni prese oltreoceano negli interessi di altri.

Notizia del: 11/10/2017

da: www.lantidiplomatico.it

Pin It