Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

AmbienteWeb - Ambientalismo, Pacifismo, Diritti, Libera Comunicazione

AmbienteWeb - Ambientalismo, Pacifismo, Diritti, Libera Comunicazione

[Piemonte] Disarmo nucleare, la mobilitazione dell'Aula

Scritto da Consiglio Regione Piemonte. Postato in Società

In un ideale filo rosso con Roma, i consiglieri regionali sono stati protagonisti, su impulso del presidente del Consiglio regionale e presidente del Comitato Diritti Umani Mauro Laus, di una mobilitazione spontanea sul disarmo nucleare e hanno esposto, durante la seduta di giovedì 9 novembre, alcuni cartelli con il logo della campagna “Senzatomica”.

 

 

Disarmo nucleare, la mobilitazione dell'Aula

09 Novembre 2017

 

In un ideale filo rosso con Roma, i consiglieri regionali sono stati protagonisti, su impulso del presidente del Consiglio regionale e presidente del Comitato Diritti Umani Mauro Laus, di una mobilitazione spontanea sul disarmo nucleare e hanno esposto, durante la seduta di giovedì 9 novembre, alcuni cartelli con il logo della campagna “Senzatomica” (www.senzatomica.it).

Il 10 e 11 novembre in Vaticano il disarmo sarà al centro del Simposio Internazionale “Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari e per un disarmo integrale”, dove è attesa la partecipazione del segretario generale Onu, Antonio Guterres, dell’Alto rappresentante per gli affari esteri dell’UE, Federica Mogherini e di 11 premi Nobel, nonché un intervento del Papa.

Un tema che è particolarmente caro all’Assemblea piemontese che ha tenuto alta l’attenzione con il voto di due ordini del giorno e, per voce del Comitato Diritti Umani, ha invitato i parlamentari piemontesi ad attivarsi perché l’Italia firmi il trattato di messa al bando.

Il 26 settembre scorso il Pontefice su Twitter aveva lanciato un messaggio in nove lingue: “Impegniamoci per un mondo senza armi nucleari, applicando il Trattato di non proliferazione per abolire questi strumenti di morte”.Il simposio di Roma è il primo appuntamento globale sul disarmo atomico dopo l’approvazione del “Trattato sul bando delle armi nucleari” firmato il 7 luglio scorso a New York da 122 paesi della comunità internazionale.

da: www.cr.piemonte.it

Pin It