Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/?id=http%3A%2F%2Fwww.ambienteweb.org%2Fjoomla%2Findex.php%2Fpopoli-liberi-2%2F13677-in-che-mani-siamo-oltre-gerusalemme): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /web/htdocs/www.ambienteweb.org/home/joomla/plugins/content/fastsocialshare/fastsocialshare.php on line 173

AmbienteWeb - Ambientalismo, Pacifismo, Diritti, Libera Comunicazione

 

In che mani siamo... (Oltre Gerusalemme)

"La politica americana sembra l’espressione di una geometrica incapacità a comprendere il mondo"

di Alberto Negri*

 

vignetta di Latuff


Spostare l’ambasciata Usa a Gerusalemme avrà l’effetto di compattare l’intero mondo arabo-musulmano.

Se finora il punto focale degli alleati degli americani come i sauditi, le monarchie del Golfo e i giordani era fermare l’influenza iraniana della regione, adesso si sposterà ancora nel cuore della questione palestinese e nei territori occupati. Se l’Iran fa passi avanti, anno dopo anno, questo è dovuto soprattutto agli errori dei suoi avversari.

Un solo sospetto: Trump forse solleva un polverone in Medio Oriente per allontanare l’attenzione dal Russiagate. In ogni caso la politica americana sembra l’espressione di una geometrica incapacità a comprendere il mondo. O magari segue soltanto il vecchio detto “tanto peggio, tanto meglio”, quello del “caos creativo” delle amministrazioni americane degli ultimi anni. In che mani siamo.


*Post Facebook del 5 dicembre. Pubblichiamo su gentile concessione dell'Autore

da: www.lantidiplomatico.it

Pin It