Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

AmbienteWeb - Ambientalismo, Pacifismo, Diritti, Libera Comunicazione

 

 

Il sistema partitico cinese è un grande contributo alla civiltà politica

Il sistema cinese è nuovo, ha spiegato Xi, perché unisce tutti i partiti politici e le persone senza affiliazione di partito verso un obiettivo comune, evitando efficacemente i difetti dell'assenza di supervisione nel governo a partito unico

da Xinhua


Il presidente Xi Jinping ha definito il sistema di cooperazione multipartitica e consultazione politica guidato dal Partito Comunista Cinese (PCC) "un grande contributo alla civiltà politica dell'umanità".

È "un nuovo tipo di sistema partitico che nasce dal territorio cinese", ha dichiarato Xi, anche segretario generale del Comitato Centrale del PCC e presidente della Commissione Militare Centrale, in occasione della partecipazione a una tavola rotonda con i consiglieri politici della Lega Democratica Cinese e il China Zhi Gong Party, i senza affiliazione di partito e gli esponenti del settore dei cinesi d'oltremare rimpatriati, alla prima sessione del 13° Comitato Nazionale della Conferenza Consultiva Politica del Popolo Cinese (CPPCC).

Xi ha detto che il sistema è nuovo perché combina le teorie marxiste sui partiti politici con la realtà cinese, e in modo reale, estensivo e a lungo termine rappresenta gli interessi fondamentali di tutte le persone e di tutti i gruppi etnici e soddisfa la loro aspirazione, evitando i difetti del sistema dei partiti vecchio stile che rappresenta solo i pochi o interessi personali.

Il sistema cinese è nuovo, ha spiegato Xi, perché unisce tutti i partiti politici e le persone senza affiliazione di partito verso un obiettivo comune, evitando efficacemente i difetti dell'assenza di supervisione nel governo a partito unico, o la rotazione del potere e la cattiva concorrenza tra più partiti politici.

Il sistema cinese è nuovo, ha detto Xi, anche perché raggruppa idee e suggerimenti attraverso accordi istituzionali, procedurali e standardizzati e sviluppa un meccanismo decisionale scientifico e democratico.

Prende le distanze da un'altra debolezza del vecchio sistema partitico, in cui il processo decisionale e la governance, viene limitato da interessi di diversi partiti, classi, regioni e gruppi, che fanno a pezzi la società, ha affermato.

Adattare la realtà cinese e la cultura tradizionale, è "un grande contributo alla civiltà politica dell'umanità", aggiunge il leader cinese.

Xi ha inoltre detto che sostenere la leadership del PCC non significa farla finita con la democrazia.

Invece, mira a creare una forma di democrazia che sia più ampia e più efficace.

Il sistema guidato dal PCC di cooperazione multipartitica e consultazione politica sottolinea sia la leadership del PCC che la democrazia socialista e comprende la consultazione politica, la partecipazione alla deliberazione degli affari di stato e la supervisione democratica, ha evidenziato.

Riconoscendo il loro contributo ai risultati ottenuti negli ultimi cinque anni, Xi ha invitato i partiti non comunisti e le persone senza affiliazione al partito a rafforzare la fiducia nel percorso, nella teoria, nel sistema e nella cultura del socialismo con caratteristiche cinesi, consolidare l'orientamento politico e offrire attivamente il loro suggerimenti.

I partiti non comunisti e le persone senza affiliazione ai partiti dovrebbero comportarsi da buoni consulenti, assistenti e collaboratori del PCC migliorando al tempo stesso la loro capacità di consultazione.

Ha esortato, infine, gli intellettuali a dare l'esempio nel sostenere i valori fondamentali socialisti e le organizzazioni dei cinesi d'oltremare rimpatriati per unire e mobilitare i cinesi d'oltremare.

Anche Wang Yang, membro del Comitato Permanente dell'Ufficio politico del Comitato Centrale del PCC, ha partecipato alla discussione.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

da: www.lantidiplomatico.it

Pin It