Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Sindacato

Anche la campagna che abbiamo portato avanti contro l’ipotesi di contratto, da noi ritenuto inaccettabile, ha evidenziato questa sostanziale passività. In alcune scuole i lavoratori si sono espressi per il No, ma alla critica non è seguita la necessaria mobilitazione. Permane un’attitudine ad aspettarsi da altri, sindacati o partiti, il necessario cambiamento auspicato. In questo clima di attesa, motivato anche dalle recenti elezioni, abbiamo individuato come possibili punti per un rilancio di una mobilitazione ampia e condivisa:

1) l’organizzazione di un movimento che raccolga tutto il mondo della scuola e, più in generale il mondo del lavoro, contro l’alternanza scuola-lavoro. Centrale è la costruzione dell’unità necessaria con studenti e genitori;

2) analizzare i programmi dei partiti sulla scuola e renderli il più possibile noti, per cominciare a riflettere su come incalzarli verso l'abolizione della 107 e contro un suo ulteriore inasprimento.

In merito al primo punto, consideriamo positivo il lavoro svolto nei quartieri di Roma est da lavoratori (della scuola e non), studenti e genitori contro l’alternanza. Si tratta di un lavoro che ha già visto momenti di incontro e dibattito utili ad informare la cittadinanza e a sensibilizzare i colleghi ad eventuali iniziative di lotta. Auspichiamo che anche nelle altre realtà della città nascano coordinamenti utili a costruire il futuro movimento contro l’alternanza scuola-lavoro imposta dal vecchio governo del Pd.

Relativamente al secondo punto pensiamo che il convegno promosso a Torino dal Manifesto dei 500 possa essere una prima occasione per estendere su scala nazionale un processo che crediamo sia necessario attivare in ogni città, arrivando a quel convegno dopo aver organizzato delle assemblee cittadine. E' importante d'altronde impegnarsi per spingere le forze politiche che più si sono mostrate vicine alle nostre istanze, a spendersi perché le raccolgano e ne facciano un punto centrale della loro azione.

Ci attiveremo per il raggiungimento di questi due obiettivi, sostenendo tutte le iniziative che andranno in tale direzione.

Lavoratori autoconvocati della scuola


Pin It