Società

Piani Educativi che ledono i diritti degli alunni con disabilità

Scritto da superando.it. Postato in Società

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

 

Superando.it

Segnaliamo la pubblicazione in Superando.it dei seguenti articoli

Piani Educativi Individualizzati che ledono i diritti degli alunni con disabilità
«Abbiamo inviato una Diffida al Presidente della Regione Lazio e all’Assessore alla Salute della stessa, oltre ad informare il Garante Regionale dell’Infanzia e dell’Adolescenza, per far sì che cessi la condotta illegittima e discriminatoria perpetrata in danno degli alunni con disabilità e delle loro famiglie»: lo dichiarano dalla Federazione FIRST, denunciando il fatto che nel Lazio, in palese violazione delle norme, il Piano Educativo Individualizzato (PEI) degli alunni con disabilità viene redatto senza il contributo di specialisti e famiglie
(continua...)

Distrofia di Duchenne e Becker: un incontro con le famiglie
Alcuni incontri territoriali, volti ad approfondire, in particolare con le famiglie e le realtà del territorio, tematiche correlate alla gestione clinica dei pazienti: sono quelli organizzati da Parent Project, l’Associazione di pazienti e genitori di bambini e ragazzi che convivono con la distrofia muscolare di Duchenne e di Becker, il prossimo dei quali è in programma per il 19 maggio a Roma
(continua...)

Bimbi che assaggiano la casetta di marzapane di Hansel e Gretel
«Ci sono bambini - ricordano dalla Lega del Filo d’Oro - che le favole devono toccarle con mano: toccare il pelo del lupo di Cappuccetto Rosso, odorare e assaggiare la casetta di marzapane di Hansel e Gretel. Non sono bambini esigenti, sono solo bambini con una storia speciale, che non vedono, non sentono e non parlano»: proprio le favole tattili sono state al centro di un Laboratorio presentato al Salone del Libro di Torino dalla stessa Lega del Filo d’Oro, che tale metodo utilizza nella riabilitazione dei bambini sordociechi e pluriminorati psicosensoriali, per farli uscire dall’isolamento
(continua...)

“Casa Condivisa”: un potente strumento al servizio della pratica inclusiva
«Un progetto di coabitazione come “Casa Condivisa” - scrivono Alice Imola, Cinzia De Pellegrin ed Elisabetta Bacciaglia - può rappresentare un potente strumento al servizio della pratica inclusiva, da realizzare non come “l’appartamento per disabili in mezzo agli altri”, come una sorta di “vetrina” da cui osservare la disabilità che comunque rimane lontana, “altro da noi”, bensì con la possibilità di modulare contesti in cui vivere e condividere le diversità, nel quotidiano, nella vita di tutti i giorni, ponendo, “Durante Noi”, i tasselli giusti per un “Dopo di Noi” possibile e di qualità»
(continua...)

Una nuova Comunità Residenziale ad Ancona
Ospiterà nove persone con disabilità, la nuova Comunità Residenziale Il Samaritano, inaugurata ad Ancona dal Centro Papa Giovanni XXIII, ed è il frutto di un progetto nato dalla collaborazione con l’IKEA di Ancona, che ha contribuito attivamente, fornendo gli arredi e progettando gli spazi della nuova struttura, per renderli accoglienti e funzionali. «Sentirsi a casa è quello che vogliamo per i nostri ospiti - dichiara Giorgia Sordoni, vicepresidente del Centro Papa Giovanni XXIII - e questa non è una struttura, ma un appartamento dove vivere e condividere momenti belli delle proprie vite»
(continua...)

Il volontariato e la disabilità adulta
Oggi, per tutti i volontari impegnati, a qualsiasi titolo, nell’aiuto delle persone con disabilità e delle loro famiglie, è un imperativo categorico essere formati e informati»: partendo da tale assunto, l’Associazione Volontari San Giovanni Bosco ha promosso presso la propria sede di Cascine Vica di Rivoli (Torino), in collaborazione con il Centro Servizi per il Volontariato Vol.To, un ciclo di incontri serali, per rispondere appunto all’esigenza formativa di volontari o aspiranti tali, impegnati nella tutela e nella presa in carico di persone adulte con disabilità
(continua...)

La “Buona Scuola” e quei Decreti della discordia
Promossa dalla Fondazione Besso e dall’AIPD (Associazione Italiana Persone Down), la nuova presentazione in programma per il 16 maggio a Roma del libro di Salvatore Nocera e Nicola Tagliani “La normativa inclusiva nella «Buona scuola». I decreti della discordia”, consentirà di conoscere ancor meglio questo strumento quanto mai utile per coloro che operano nel mondo della scuola, ma anche per i genitori e per gli operatori del Terzo Settore e del Diritto
(continua...)

Un personale alfabeto della bellezza
«Amare il proprio corpo - scrive Francesca Arcadu - prendersene cura, per una donna quarantenne è già di per sé una prova, un momento di passaggio nel quale accettare cambiamenti e coglierne la ricchezza. Per noi donne con disabilità questa prova si fa ancora più intricata, perché amare un corpo così distante dai modelli canonici può essere difficile, a meno che non ci si dimentichi totalmente di essi. Ed è quello che possiamo fare, riscrivendo il nostro personale alfabeto della bellezza»
(continua...)

Offerte e servizi turistici sempre più declinati per tutti
«Individuare punti di forza e criticità, per strutturare offerte e servizi turistici che rispondano sempre più alle esigenze di tutti, con particolare attenzione alle necessità degli anziani e delle persone con disabilità»: è stato questo l’obiettivo di un’indagine promossa da tre Gruppi di Azione Locale del Piemonte, coinvolgendo tour operator italiani e stranieri, e con il supporto scientifico-organizzativo della CPD di Torino (Consulta per le Persone in Difficoltà). I risultati verranno presentati nel giro di una settimana in tre diverse località della Regione, a partire da oggi, 14 maggio
(continua...)

Pin It

è realizzato da