Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Spazio Radio on line
 
 

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

 

“Casa”, una poesia sull’immigrazione scritta da un’immigrata

“Casa”, una poesia sull’immigrazione scritta da un’immigrata(Foto di Medici senza Frontiere)

 

Pubblichiamo qui di seguito la bellissima poesia “Casa” di Warsan Shire, giovane britannica di origine somala.

Nessuno lascia la propria casa
a meno che casa sua non siano le mandibole di uno squalo
verso il confine ci corri solo
quando vedi tutta la città correre
i tuoi vicini che corrono più veloci di te
il fiato insanguinato nelle loro gole
il tuo ex-compagno di classe
che ti ha baciata fino a farti girare la testa dietro alla fabbrica di lattine
ora tiene nella mano una pistola più grande del suo corpo
lasci casa tua quando è proprio lei a non permetterti più di starci.
Nessuno lascia casa sua a meno che non sia proprio lei a scacciarlo
fuoco sotto ai piedi
sangue che ti bolle nella pancia
Non avresti mai pensato di farlo
fin quando la lama non ti marchia di minacce incandescenti
il collo
e nonostante tutto continui a portare l’inno nazionale
sotto il respiro
soltanto dopo aver strappato il passaporto nei bagni di un aeroporto
singhiozzando a ogni boccone di carta
ti è risultato chiaro il fatto che non ci saresti più tornata.
Dovete capire
che nessuno mette i suoi figli su una barca
a meno che l’acqua non sia più sicura della terra
Nessuno va a bruciarsi i palmi
sotto ai treni
sotto i vagoni
nessuno passa giorni e notti nel ventre di un camion
nutrendosi di giornali a meno che le miglia percorse
non significhino più di un qualsiasi viaggio.
Nessuno striscia sotto ai recinti
nessuno vuole essere picchiato
commiserato
Nessuno se li sceglie i campi profughi
o le perquisizioni a nudo che ti lasciano
il corpo pieno di dolori
o il carcere,
perché il carcere è più sicuro
di una città che arde
e un secondino
nella notte
è meglio di un carico
di uomini che assomigliano a tuo padre
Nessuno ce la può fare
nessuno lo può sopportare
nessuna pelle può resistere a tanto
Andatevene a casa neri
rifugiati
sporchi immigrati
richiedenti asilo
che prosciugano il nostro paese
negri con le mani aperte
hanno un odore strano
selvaggio
hanno distrutto il loro paese e ora vogliono
distruggere il nostro
Le parole
gli sguardi storti

come fai a scrollarteli di dosso?
Forse perché il colpo è meno duro
che un arto divelto
o le parole sono più tenere
che quattordici uomini tra
le cosce
o gli insulti sono più facili
da mandare giù
che le macerie
che le ossa
che il corpo di tuo figlio
fatto a pezzi.
A casa ci voglio tornare,
ma casa mia sono le mandibole di uno squalo
casa mia è la canna di un fucile
e a nessuno verrebbe di lasciare la propria casa
a meno che non sia stata lei a inseguirti fino all’ultima sponda
A meno che casa tua non ti abbia detto
affretta il passo
lasciati i panni dietro
striscia nel deserto
sguazza negli oceani
annega
salvati
fatti fame
chiedi l’elemosina
dimentica la tua dignità
la tua sopravvivenza è più importante
Nessuno lascia casa sua se non quando essa diventa una voce sudaticcia
Che ti mormora nell’orecchio
Vattene,
scappatene da me adesso
non so cosa io sia diventata
ma so che qualsiasi altro posto
è più sicuro che qui.

Traduzione dall’inglese di Pina Piccolo

07.06.2018 - Redazione Italia

Quest'articolo è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo

 


Ventimiglia: la “caccia al nero” e la solidarietà che resiste

Posted: 07 Jun 2018 12:58 PM PDT

L’ultimo è stato trovato venerdì 25 maggio, nell’orrido del Frejus. Il corpo del ragazzo migrante, morto mentre cercava di attraversare il confine italiano verso la Francia, era in avanzato stato di decomposizione, e ovviamente senza documenti: come per gli altri prima di lui, ci vorrà del tempo prima di arrivare a una identificazione. E’ accaduto con Blessing, 21 anni, caduta […]

Unimondo

Ergastolano suicida in carcere a Livorno

Posted: 07 Jun 2018 12:30 PM PDT

L’Associazione Liberarsi, la Comunità Papa Giovanni XXIII, l’Associazione Yairaiha e altri aderenti stanno organizzando il terzo giorno di digiuno nazionale per martedì 26 giugno 2018, data in cui l’ONU dedica una giornata alle vittime della tortura, quindi anche ai detenuti condannati alla pena dell’ergastolo. La notizia che un ergastolano di 58 anni si è suicidato […]

Carmelo Musumeci

Sabato 9 giugno la Peace Boat a Cagliari: una nuova occasione per dire basta alle armi nucleari

Posted: 07 Jun 2018 09:55 AM PDT

Appuntamento nel capoluogo sardo con la nave che ospita gli Hibakusha, sopravvissuti alle atomiche di Hiroshima e Nagasaki accolti anche da Rete Disarmo e Senzatomica. Una nuova occasione per rilanciare, insieme alle organizzazioni pacifiste della Sardegna, la volontà di un mondo libero dagli arsenali nucleari e per dire al nuovo governo “Italia, ripensaci” e partecipa […]

Rete Italiana per il Disarmo

Arabia Saudita, distribuite le prime patenti di guida alle donne

Posted: 07 Jun 2018 09:29 AM PDT

E’ iniziato oggi il rilascio delle prime patenti di guida alle donne saudite, le ultime a livello mondiale a non vedersi ancora riconosciuto il diritto a condurre un veicolo a motore. Il decreto reale è entrato in vigore tre settimane fa e ora la Direzione generale per la circolazione ha avviato la sostituzione delle patenti […]

Agenzia DIRE

Tutela donne immigrate: lettera alla Camusso

Posted: 07 Jun 2018 09:06 AM PDT

Cara Susanna, questa lettera è inviata a tutte le organizzazioni sindacali, ma ci rivolgiamo in particolare a te, con cui molte di noi hanno partecipato al movimento “Usciamo dal Silenzio“. Il 4 giugno alla Casa delle Donne di Milano abbiamo incontrato Stefania Prandi, autrice di “Oro rosso: fragole, pomodori, molestie e sfruttamento nel Mediterraneo“. Abbiamo visto […]

Redazione Italia

Jeremy Corbyn: “Il sostegno dell’Occidente alla violenza israeliana è vergognoso”

Posted: 07 Jun 2018 08:47 AM PDT

teleSUR Il leader del Partito Laburista del Regno Unito, Jeremy Corbyn, ha criticato l’uccisione israeliana di manifestanti palestinesi – insieme al “silenzio” e “sostegno” dei governi occidentali – bollandola come “vergognosa”. “L’uccisione di Razzan Najjar, il volontario medico ventiduenne a cui un cecchino israeliano ha sparato a Gaza venerdì scorso, è l’ultimo tragico promemoria della […]

L'Antidiplomatico

Al via la terza edizione di YouTopic Fest, il festival di Rondine dedicato al conflitto

Posted: 07 Jun 2018 07:42 AM PDT

Da venerdì 8 a domenica 10 giugno, tante le occasioni di incontro e confronto alla Cittadella della Pace di Arezzo   (Arezzo, 05 giugno 2018). Tutto pronto per YouTopic Fest, l’evento-network organizzato dal 2016 alla Cittadella della Pace di Rondine ad Arezzo che da venerdì 8 a domenica 10 giugno affronterà il tema della trasformazione del conflitto […]

Redazione Italia

Sulla fusione Bayer-Monsanto

Posted: 07 Jun 2018 06:15 AM PDT

di Ruchi Shroff – Navdanya International Cancellare il nome della Monsanto, mantenendo solo quello della Bayer, non significa poter dimenticare le malefatte di una compagnia che, secondo il verdetto del Tribunale Monsanto de L’Aia, si è macchiata di crimini di ecocidio; cercare di portare lo scontro sul terreno dell’ideologia, così come sta provando a fare […]

Redazione Italia