Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Pacifismo

"Italia in guerra"

Scritto da labottegadelbarbieri.org. Postato in Pacifismo

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

 

Italia in guerra

Le considerazioni di FRANCO ASTENGO a partire da un’analisi del generale Mini e da alcuni tristi conteggi (le “nostre” 34 operazioni militari)

 

Pregandovi di tenere sempre a mente il testo dell’articolo 11 della nostra Costituzione: «L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo» proviamo a divulgare quanto contenuto in un articolo a firma del generale Mini e apparso sul numero 5/2018 di «Limes» dedicato al tema «Quanto vale l’Italia».

L’articolo del generale Mini appare sotto il titolo: «Siamo servi di Serie B e non serviamo a niente».

L’occhiello recita: «Il finto dibattito italiano sull’uscita dal sistema euroatlatico a guida USA. I tentativi di essere ammessi ai tavoli dei potenti, senza sapere che dirvi. La nostra parabola in ambito ONU, UE e NATO non ha giovato alla nostra reputazione. Ma a che ci servono le alleanze?».

La parte più interessante dell’articolo riguarda la partecipazione dell’Italia a missioni militari all’estero, al riguardo delle quali l’articolista – al riguardo del “con chi stiamo? – commenta: «La risposta che viene dai documenti ufficiali sembra essere chiara: con tutti e con nessuno».

Veniamo ai dati, senza commento, chiedendo a ciascuno di riflettere su questo tema che non viene mai affrontato nel dibattito pubblico e non è stato sicuramente oggetto di interesse nella recente campagna elettorale.

L’Italia sta partecipando a 34 operazioni militari di cui 32 all’estero e 2 in Italia.

All’estero operano 6.698 donne e uomini e in patria circa 7.250 nelle operazioni “Strade sicure” e “Task Group Genio” per collaborare alla rimozione delle macerie nei Comuni colpiti dal terremoto.

Oggi i militari italiani sono impegnati nell’ambito di queste missioni:

ONU

Mali (Minusma); Libano (Unifil); Cipro ( Unficyp); India – Pakistan ( Unmogip).

UNIONE EUROPEA

Acque Somalia (Atalanta – Ocean Shield); Somalia (Eucap), Somalia (Eutm), Afghanistan ( Eupol), Kosovo (Eulex), Mali (Eucap Sahel), Mediterraneo Centrale (Joint Operation Themis), Bosnia – Erzegovina ( Eufor – Althea) EunfavorMed – Operazione Sophia, Mediterraneo Mare Sicuro.

NATO

Bosnia – Erzegovina ( Nato Hq Sarajevo), Afghanistan (Resolute Support), (Mediterranean Sea Guardian e forze navali NATO), Acque Somalia ( Atalanta – Ocean Shield), Macedonia ( Fyron – Nato Liasion Office Skopje), Kosovo ( Kfor Joint Enterprise), Turchia ( Activre Fence) , Serbia ( NATO Military Liason Office Belgrado), Lettonia ( FP Baltic Guardian).

Sempre in ambito NATO pattugliamento aereo in Islanda e contingente in Estonia.

ALTRE OPERAZIONI INTERNAZIONALI avviate su base bi/multilaterale

Somalia (Miadit 9), Palestina (Miadit 8), Libia (Miasit), Nigeria (Misin), Malta (Miccd), Emirati Arabi Uniti ( Task Force Air- Al Minhad), Hebron (Tihp), Libano (Mibil), Egitto (Mfo), Iraq – Kuwait ( Prima Parthica).

Il costo aggiuntivo per il bilancio della Difesa è di 1,505 miliardi di euro.

Intanto si stanno preparando altre missioni in Tunisia, Sahara Occidentale, Repubblica Centrafricana.

Con quale esito questo sforzo economico e bellico ? Riportiamo ancora senza commento e in conclusione il titolo dell’articolo del generale Mini dal quale i dati sono stati tratti: «Siamo servi di Serie B e non serviamo a niente».

L’IMMAGINE – scelta dalla “bottega” – E’ DI GIULIANO SPAGNUL.

Redazione

da: www.labottegadelbarbieri.org

Pin It