Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Popoli liberi e sovrani

"E' la Germania (non Trump) che sta distruggendo il commercio internazionale"

Scritto da L'Antidiplomatico.

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

 

Il grafico che lo mostra. E' la Germania (non Trump) che sta distruggendo il commercio internazionale

di Giuseppe Masala


A dimostrazione del fatto che l'elefante che sta distruggendo la cristalleria in materia di commercio internazionale è la Germania.

La Cina ha ridotto dal picco del 2006, quando il suo pil fu per oltre il 35% frutto di esportazioni, fino al 19,6% dell'anno scorso. Evidentemente stanno rivolgendo la produzione al consumo interno rendendosi conto che esportare troppo alla lunga significa colonizzare ed è foriero di guerre perché nessuno può accettarlo alla lunga. 






Lo capiscono tutti, tranne al solito la Germania che a tutt'oggi ha il 47% del Pil frutto di esportazioni.

E non ci vogliono stare a riequilibrare, fanno le vittime.

Lo capisco, riequilibrare significa per loro rischiare una potentissima recessione con milioni di disoccupati e fallimenti a catena (anche di banche, ovviamente).

E vedrete, siccome si arriverà ad un riequilibrio o con le buone o con le cattive a quel punto saranno loro a lasciare l'Euro perché non più utile al loro scopo (tenere artificialmente svalutato/diluito il Marco....si, il Marco, perché se eviti di creare un sistema tributario, di bilancio, e di tutele del lavoro e di welfare in comune con i tuoi soci ti stai in realtà tenendo il Marco sotto mentite spoglie e guadagnando solo dalla svalutazione artificiale).

Ovviamente di fronte ad una tale evidenza meglio buttarla sul rosè... sul Trump cattivo e retrogrado che non vuole le frontiere aperte.

 
Pin It