Ascolta Spazio Radio

Ultime da Aginform

"Chi fa la rivoluzione a metà ci scava la fossa"

In Francia, all'epoca della grande rivoluzione, il motto non era esattamente questo, ma: chi fa la rivoluzione a metà si scava la fossa, per dire che i rivoluzionari devono andare fino in fondo se non vogliono fare una brutta fine.

Notizie Ambiente

Regione Lazio, tavolo su qualità aria a Frosinone

Si è riunito ieri il primo tavolo tecnico dell'assessorato all'ambiente della Regione Lazio, per discutere ed affrontare il grave problema delle polveri sottili nell'aria di Frosinone e provincia. Presenti anche i sindaci dei comuni coinvolti.

Notizie Diritti Umani

In Messico 'devastante crisi dei diritti umani'

Il paese sta affrontando una crisi dei diritti umani di dimensioni epidemiche, di cui sparizioni, torture e brutali omicidi costituiscono il tratto dominante.

NO alla pena di morte!

"Viva la Repubblica Romana"

Tutti conoscono le parole con cui Winston Churchill nel 1940 promise al suo popolo sangue, sudore e lacrime: "I have nothing to offer but blood, toil, tears and sweat".

Notizie Diritti Infanzia

Antidepressivi ai minori, si alza rischio aggressività e suicidio

British Medical Journal: il rischio di aggressioni e suicidi conseguenti all’uso di farmaci antidepressivi sui minori sarebbe molto più alto di quanto fino ad oggi ritenuto.

Notizie Sindacato

Bologna. Vigili del Fuoco utilizzati per sgombero edificio

Ancora un altro sgombero questa mattina a Bologna, alla ex scuola Ferrari a Via Toscana; ancora una volta i Vigili del Fuoco sono stati usati come corpi di repressione invece che per il soccorso ai cittadini.

Adottiamo i cani in gabbia!

BauBau.eu

Ambiente Media

è realizzato da



Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

"Che entrino aiuti umanitari a Homs" PDF Stampa E-mail
Diritti Umani - Comunicati Stampa
Scritto da Amnesty International   
Venerdì 24 Febbraio 2012 19:11

Amnesty International ha sollecitato l’immediato e libero accesso delle agenzie umanitarie a Homs e in altre aree della Siria che sono al centro dell’offensiva militare delle forze armate di Damasco.

COMUNICATO STAMPA

SIRIA, AMNESTY INTERNATIONAL SOLLECITA IL GOVERNO A FAR ENTRARE GLI AIUTI UMANITARI A HOMS



A Homs, il quartiere di Bab ‘Amr e’ sottoposto a intensi bombardamenti da piu’ di 17 giorni. Amnesty International ha ricevuto i nomi di 465 persone uccise nella citta’.

‘I resoconti che riceviamo da Homs sono sempre piu’ agghiaccianti, alla popolazione mancano i beni piu’ fondamentali’ – ha dichiarato Ann Harrison, direttrice ad interim del programma Medio Oriente e Africa del Nord di Amnesty International. ‘Le autorita’ siriane devono immediatamente porre fine a questi continui bombardamenti e consentire il pieno, immediato e libero accesso degli aiuti umanitari alle zone colpite’.

Gli abitanti di Bab ‘Amr hanno riferito ad Amnesty International che i bombardamenti e il fuoco incrociato hanno distrutto la rete idrica ed elettrica, che in queste condizioni difficilmente verra’ riparata. A causa della mancanza di elettricita’, gli abitanti non possono conservare gli alimenti in frigorifero e cio’ acuisce la scarsita’ di cibo a disposizione, compreso il latte per i bambini. Nella zona di Homs c’e’ penuria di medicinali e di personale medico. Alcuni abitanti hanno denunciato ad Amnesty International che nell’ospedale improvvisato di Bab ‘Amr e’ rimasto in servizio un solo medico.

Amnesty International ha chiesto agli stati ‘amici della Siria’, che si riuniscono oggi a Tunisi, di porre i diritti umani al centro delle loro discussioni e di valutare l’impatto sui diritti umani di ogni proposta che verra’ esaminata.

Amnesty International ha anche chiesto che venga presa in seria considerazione la formazione di una missione di monitoraggio sui diritti umani a guida Onu e ha rivolto la medesima richiesta agli stati membri delle Nazioni Unite.

Dopo il ritiro degli osservatori della Lega araba, sottolinea Amnesty International, la violenza in Siria e’ fortemente aumentata e la situazione continua a peggiorare. I paesi confinanti con la Siria hanno il dovere di agevolare le persone in fuga annullando ogni limitazione all’ingresso nei loro territori, dando loro protezione e garantendo che non saranno in alcun modo respinti in Siria.

Molti siriani all’estero, compresi coloro che si trovano nei paesi confinanti, hanno denunciato intimidazioni da parte dei servizi segreti di Damasco.

Infine, Amnesty International ha rinnovato la richiesta di deferire la situazione della Siria alla Corte penale internazionale, di imporre un embargo totale sulle armi e congelare i beni patrimoniali del presidente Bashar al-Assad e dei suoi piu’ stretti collaboratori.

Le conclusioni della Commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite, rese pubbliche il 22 febbraio, corroborano quanto gia’ dichiarato da Amnesty International, ossia che i massicci e sistematici attacchi contro la popolazione civile siriana costituiscono crimini contro l’umanita’ e altre gravi violazioni del diritto internazionale dei diritti umani, commessi con la consapevolezza e il consenso dei vertici militari e di alti esponenti del governo siriano.

Secondo Amnesty International, la lista sigillata dei nomi dei presunti autori dei crimini contro l’umanita’, che accompagna le conclusioni della Commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite, va in direzione dell’accertamento delle responsabilita’ e costituisce un’ulteriore ragione per deferire la situazione della Siria alla Corte penale internazionale.

FINE DEL COMUNICATO
Roma, 24 febbraio 2012
 

 

Articoli correlati

Volontariato

"Reato di immigrazione irregolare. Clandestina è la legge"

Oggi 2 febbraio si è tenuto davanti a Palazzo Chigi un flash mob a cui hanno partecipato diciotto associazioni, per riaccendere l’attenzione dell’opinione pubblica e del dibattito politico sul reato di immigrazione irregolare.

Popoli liberi e sovrani

Foibe, facciamo chiarezza

Il portale 'diecifebbraio.info' pubblica un'interessante raccolta di informazioni sul cosiddetto Giorno del Ricordo delle vittime delle Foibe e della Resistenza jugoslava, sottaciute da Istituzioni e dall'informazione di regime.

Notizie Elettrosmog

Antenne telefoniche, Tar respinge ricorso di Wind a Sesto S. Giovanni

Il TAR di Milano ha respinto il ricorso di Wind contro la normativa urbanistica di Sesto San Giovanni (Milano), che vieta le installazioni nei pressi di scuole, parchi gioco, ospedali e in generale al di fuori della aree indicate dal comune.

AmbienteWeb documenta

Archivio fotografico

Cerca