Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Mondo Animalista

Nel Monferrato un "Angolo di paradiso" per Fido

Scritto da Administrator. Postato in Mondo Animalista

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

 

 

PONTE DELL’ARCOBALENO, NEL MONFERRATO UN ANGOLO DI “PARADISO A QUATTROZAMPE”

 

La protagonista della nostra storia si chiama Amelia Vozza. Amelia viveva a Milano ed era una donna in carriera; era stata una delle prime agenti immobiliari d’Italia, nonché perito del tribunale di Milano. Ma la sua vita era destinata a cambiare. Accade che un giorno Amelia partecipa all’inaugurazione del canile gestito dall’associazione “Vita da Cani (Milano); vicino alla struttura, nuova di zecca, Amelia nota quello che a prima vista le sembra un pollaio. Di polli però neanche la minima traccia. C’erano, invece, una decina di cani anziani: alcuni di loro erano cardiopatici, altri ciechi; ad accomunarli lo stesso vissuto di abbandoni e, spesso, di maltrattamenti. Una volontaria le spiega che di lì a poco i quattrozampe sarebbero stati trasferiti nella nuova struttura. Molti di loro – le dice sempre la volontaria - non sarebbero mai riusciti ad integrarsi; alcuni forse non sarebbero sopravvissuti al cambiamento. Spesso si pensa che le decisioni importanti - quelle che ti cambiano la vita - siano frutto di un periodo di maturazione interiore, siano la conseguenza di scelte ponderate, di un’attenta valutazione del rapporto tra costi e benefici. Ma per Amelia, che pure era abituata - per via della sua professione - a soppesare con cautela ogni dettaglio, non fu così. Infatti quel giorno, non ci furono né filtri né calcoli razionali: la decisione di adottarli tutti i cani del vecchio pollaio venne dal cuore, come fosse la scelta più sensata da fare. A dispetto dei problemi che essa avrebbe potuto causare. Accudire più di dieci quattrozampe può essere una impresa proibitiva, specie quando vivi in città e già ne accudisci altri cani. Fu così che Amelia, sempre più convinta di quello spontaneo moto dell’animo, tagliò i ponti con il proprio passato: vendette la casa, l’ufficio, e si trasferì sulle colline del Monferrato (in Piemonte) dove ristrutturò un casale del ‘700, trasformandolo in un angolo di paradiso per Fido. La cascina è aperta a tutti coloro che non sanno dove andare con gli amici pelosi, niente qui è vietato; hanno persino una piscina tutta per loro e 10mila metri quadrati recintati. Posso fare pensione e soprattutto, a prezzi modici, una casa famiglia per i cani in stallo.», racconta Amelia con orgoglio. «E con il ricavato della nuova attività – nell’agriturismo vengono organizzate anche degustazioni enogastronomiche – l’ex agente immobiliare aiuta i suoi amici a quattrozampe. Ci piacerebbe chiudere questa splendida fiaba con il consueto “… e vissero tutti felici e contenti”. Purtroppo, però, non è questo il caso. E' vero: La crisi economica sta mettendo a dura prova la caparbietà di Amelia, e la serenità dei suoi “amici” che vivono serenamente nella loro nuova casa. Ma qualcuno andrà pure in vacanza e magari non sapeva se poteva portare con se i propri beniamini... Ecco qua: un bellissimo soggiorno nel verde del Monferrato....

 

PONTEArcobalenodiAmelia

Per Info: www.pontedellarcobaleno.com

Pin It