Ascolta Spazio Radio

Ultime da Aginform

"L'imperialismo e la tigre di carta"

"Che sul piano economico, militare e strategico il fronte imperialista che fa capo agli USA si trovasse in crisi è apparso evidente da molto tempo, anzi la sua crisi si può datare dai risultati dello scontro militare in Medio Oriente".

Notizie Diritti Umani

Cordoglio per l'uccisione di Lo Porto e Weinstein

Amnesty International Italia ha espresso il suo cordoglio per la morte di Giovanni Lo Porto, il cooperante italiano ucciso nel gennaio 2015 nel corso di un’operazione antiterrorismo al confine tra Afghanistan e Pakistan.

NO alla pena di morte!

Nel 2014 allarmante aumento delle condanne alla pena capitale

Nel 2014 gli stati hanno fatto ricorso alla pena di morte nel futile tentativo di contrastare criminalità, terrorismo e instabilità interna.

Notizie Diritti Infanzia

Campagna “Fiori d’Azzurro” contro violenza sui bambini

Telefono Azzurro, violenza sui bambini: #NonStiamoZitti dal 13 al 19 aprile la Campagna “Fiori d’Azzurro” per rompere il silenzio sul bullismo e sui mille volti della violenza.

Notizie Sindacato

25 Aprile, protesta davanti i centri commerciali

L'Unione Sindacale di Base questa mattina è scesa in piazza all'Auchan di Merate, alla Coop di Livorno, al Superconti di Civita Castellana, etc... Per dire NO allo shopping nel giorno della Liberazione.

Adottiamo i cani in gabbia!

BauBau.eu

Ambiente Media

è realizzato da



Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

"Lavoro umanitario in Yemen sempre più sotto attacco" PDF Stampa E-mail
Volontariato - Comunicati Stampa
Scritto da Intersos   
Martedì 22 Maggio 2012 06:29

Un attentato è avvenuto durante le prove della parata militare che si sarebbe dovuta tenere domani per l’anniversario dell’unità dello Yemen, al momento si contano 96 morti e oltre 300 feriti.

 

 

COMUNICATO STAMPA

Sana’a 21 maggio 2012


STRAGE IN YEMEN: INTERSOS ‘CONTINUIAMO A PORTARE AIUTO, MA IL LAVORO UMANITARIO E' SEMPRE PIU’ SOTTO ATTACCO’



‘Eravamo nel nostro ufficio di Sana’a, e abbiamo sentito l’esplosione, le urla e le sirene delle ambulanze che hanno iniziato a arrivare a piazza al-Sabain, nel centro della capitale’ dichiara William Strangio, responsabile INTERSOS in Yemen. ‘Il nostro lavoro continua, i nostri centri di accoglienza per rifugiati sono aperti, abbiamo fatto però rientrare a casa il nostro staff yemenita questo pomeriggio per rassicurare le famiglie e garantire la loro incolumità. L’assistenza umanitaria è sotto attacco, gli operatori umanitari sono divenuti obiettivi di rapimenti, i combattimenti e l’instabilità del paese rendono difficilissimo il nostro aiuto ai civili. La gente dello Yemen vive in condizioni di vera crisi umanitaria, oltre ad essere vittima di una dura guerra civile. L’accesso umanitario deve essere garantito, dobbiamo poter continuare a soccorrere gli sfollati e rifugiati in un momento così difficile per lo Yemen’ continua Strangio.

Oltre 100.000 persone sono sfollate nei sobborghi di Aden e ricevono assistenza da INTERSOS. Le famiglie fuggite dagli scontri armati tra truppe governative e milizie fondamentaliste a Zinjibar, nella regione di Abyan, sono alloggiate dall’estate scorsa in 75 scuole della città e in alloggi di fortuna.

‘Quello di oggi, è stato un durissimo attacco, il Ministro della Difesa che era presente si è salvato per puro caso, lo Yemen è dentro una spirale di violenza gravissima mentre la povertà estrema è in crescita così come la malnutrizione infantile. Gli aiuti umanitari sono ostacolati proprio nelle zone del Sud dove il conflitto armato tra forze separatiste, milizie estremiste e esercito governativo sta infuriando da giorni’ spiega William Strangio da Sana’a.

Quasi un milione di bambini di età inferiore ai cinque anni soffre di malnutrizione acuta e più di un quarto tra loro è a rischio di decesso. La crisi umanitaria in cifre è davvero allarmante: circa 11 milioni di persone, metà della popolazione yemenita, non mangiano a sufficienza per i prezzi alle stelle dei prodotti alimentari.

INTERSOS dall’inizio delle violenze e dei disordini nel 2011 sta portando soccorso alla popolazione yemenita sfollata a San’a, ad Aden e ad Harad, a pochi chilometri dal confine con l’Arabia Saudita, continuando il lavoro che svolge dal 2008 in favore dei rifugiati e migranti dal Corno d’Africa. Lo staff formato da oltre 100 operatori umanitari nazionali e internazionali in Yemen indirizza l'aiuto non solo sulle esigenze fisiche dei più fragili tra le vittime, ma interviene anche nell'aspetto psico-sociale e sui bisogni di assistenza psicologica, di protezione, di accesso all'acqua potabile e di miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie.


Ufficio Stampa INTERSOS

 

Volontariato

Crisi migranti: 'La foglia di fico dell'Unione Europea'

Le misure approvate dal Consiglio Europeo per affrontare la situazione nel Mediterraneo appaiono gravemente inadeguate. Una foglia di fico per nascondere, neanche troppo bene, un ennesimo e sostanziale fallimento.

Popoli liberi e sovrani

Nuove Resistenti n.540

Notizie Elettrosmog

Il governo vuole innalzare i limiti di esposizione ai CEM

Costituita una Task Force per ostacolare l'intenzione del governo di innalzare i limiti di esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. Inviata una lettera aperta alle Istituzioni nazionali ed europee.

AmbienteWeb documenta

Archivio fotografico

Cerca