Sostieni Ai.Bi.

Il tuo 5 X 1000 ad Ai.Bi.

Ultime da Aginform

"Speriamo che Grillo regga"

"Nella situazione determinata dal convergere attorno all'affabulatore Renzi delle forze che vogliono un'Italia decisionista per affrontare, dal punto di vista padronale, la crisi economica dobbiamo ancora una volta affidarci a Beppe Grillo".

Notizie Ambiente

Piano Casa Roma 'nessuna deroga. Stop al consumo di suolo!'

Legambiente: “Nessuna proroga sia ammessa, chiediamo al presidente Zingaretti che il Piano Casa diventi uno strumento per dire stop al consumo di suolo e per rilanciare il settore edilizio in chiave di rigenerazione urbana”

Notizie Diritti Umani

La finestra delle iniziative locali n. 28/2014

La finestra di questa settimana presenta iniziative a Santa Marinella (RM), Fagnano Olona (VA), Formia (LT).

NO alla pena di morte!

USA, un'altra esecuzione andata male, abolire pena di morte

L’esecuzione di Joseph Wood, avvenuta in Arizona il 23 luglio e durata due ore, costituisce un ulteriore monito per le autorita’ statunitensi: l’unica soluzione e’ abolire la pena di morte.

Notizie Diritti Infanzia

Bambino Gesù, un aiuto economico per il Villaggio SOS

L’Ospedale Bambino Gesù accoglie bambini provenienti da ogni parte d’Italia e del Mondo, che necessitano di specifiche cure, per malattie molto gravi. Il Villaggio SOS di Roma offre ospitalità ai nuclei familiari dei piccoli degenti.

Notizie Sindacato

'Parlamento non converta in legge decreto 90', presidio in piazza

Lunedì 28 luglio approderà in Aula alla Camera il Dl 90/2014, parte della più complessa riforma della pubblica amministrazione annunciata da Renzi. Sindacati in piazza con presidio davanti Monte Citorio.

Adottiamo i cani in gabbia!

BauBau.eu

AmbienteWeb ascolta....

Radiorock.to the original

Ambiente Media

è realizzato da



Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

"Lavoro umanitario in Yemen sempre più sotto attacco" PDF Stampa E-mail
Volontariato - Comunicati Stampa
Scritto da Intersos   
Martedì 22 Maggio 2012 06:29

Un attentato è avvenuto durante le prove della parata militare che si sarebbe dovuta tenere domani per l’anniversario dell’unità dello Yemen, al momento si contano 96 morti e oltre 300 feriti.

 

 

COMUNICATO STAMPA

Sana’a 21 maggio 2012


STRAGE IN YEMEN: INTERSOS ‘CONTINUIAMO A PORTARE AIUTO, MA IL LAVORO UMANITARIO E' SEMPRE PIU’ SOTTO ATTACCO’



‘Eravamo nel nostro ufficio di Sana’a, e abbiamo sentito l’esplosione, le urla e le sirene delle ambulanze che hanno iniziato a arrivare a piazza al-Sabain, nel centro della capitale’ dichiara William Strangio, responsabile INTERSOS in Yemen. ‘Il nostro lavoro continua, i nostri centri di accoglienza per rifugiati sono aperti, abbiamo fatto però rientrare a casa il nostro staff yemenita questo pomeriggio per rassicurare le famiglie e garantire la loro incolumità. L’assistenza umanitaria è sotto attacco, gli operatori umanitari sono divenuti obiettivi di rapimenti, i combattimenti e l’instabilità del paese rendono difficilissimo il nostro aiuto ai civili. La gente dello Yemen vive in condizioni di vera crisi umanitaria, oltre ad essere vittima di una dura guerra civile. L’accesso umanitario deve essere garantito, dobbiamo poter continuare a soccorrere gli sfollati e rifugiati in un momento così difficile per lo Yemen’ continua Strangio.

Oltre 100.000 persone sono sfollate nei sobborghi di Aden e ricevono assistenza da INTERSOS. Le famiglie fuggite dagli scontri armati tra truppe governative e milizie fondamentaliste a Zinjibar, nella regione di Abyan, sono alloggiate dall’estate scorsa in 75 scuole della città e in alloggi di fortuna.

‘Quello di oggi, è stato un durissimo attacco, il Ministro della Difesa che era presente si è salvato per puro caso, lo Yemen è dentro una spirale di violenza gravissima mentre la povertà estrema è in crescita così come la malnutrizione infantile. Gli aiuti umanitari sono ostacolati proprio nelle zone del Sud dove il conflitto armato tra forze separatiste, milizie estremiste e esercito governativo sta infuriando da giorni’ spiega William Strangio da Sana’a.

Quasi un milione di bambini di età inferiore ai cinque anni soffre di malnutrizione acuta e più di un quarto tra loro è a rischio di decesso. La crisi umanitaria in cifre è davvero allarmante: circa 11 milioni di persone, metà della popolazione yemenita, non mangiano a sufficienza per i prezzi alle stelle dei prodotti alimentari.

INTERSOS dall’inizio delle violenze e dei disordini nel 2011 sta portando soccorso alla popolazione yemenita sfollata a San’a, ad Aden e ad Harad, a pochi chilometri dal confine con l’Arabia Saudita, continuando il lavoro che svolge dal 2008 in favore dei rifugiati e migranti dal Corno d’Africa. Lo staff formato da oltre 100 operatori umanitari nazionali e internazionali in Yemen indirizza l'aiuto non solo sulle esigenze fisiche dei più fragili tra le vittime, ma interviene anche nell'aspetto psico-sociale e sui bisogni di assistenza psicologica, di protezione, di accesso all'acqua potabile e di miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie.


Ufficio Stampa INTERSOS

 

Volontariato

Attacco a Gaza, comunicazione urgente ad Autorità israeliane

"Devono essere adottate tutte le misure di sicurezza per evitare di colpire il personale medico e di mettere in pericolo le strutture sanitarie mentre continuano i combattimenti nella Striscia di Gaza".

Popoli liberi e sovrani

Nuove Resistenti n.508

Notizie Elettrosmog

Campi elettromagnetici e tumori

Il 24 Aprile scorso, l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), organismo dell’OMS, ha pubblicato la Monografia sulla Valutazione dei Rischi Cancerogeni per l’Uomo.

AmbienteWeb documenta

Archivio fotografico

Cerca