Ascolta Spazio Radio

Ultime da Aginform

'Serve un luglio '60 contro Renzi e il neoliberismo'

"E' chiaro ormai che per bloccare il governo Renzi, uno dei tentativi autoritari più pericolosi degli ultimi decenni, c'è bisogno di una reazione del tipo di quella che nel luglio del 1960 ci fu contro il governo Tambroni".

Notizie Ambiente

Roma, torna la pedonalizzazione natalizia totale ai Fori

Nuova pedonalizzazione totale di Via dei Fori durante il periodo Natalizio, dal 25 dicembre al 7 gennaio. "Si prosegua liberando definitivamente dal traffico automobilistico la strada e il Colosseo".

Notizie Diritti Umani

Milano 18 dicembre, conferenza su migranti e asilo nell'UE

Amnesty International organizza la conferenza “La gestione dei flussi migratori verso l’Europa durante il semestre europeo italiano: Triton e l’eredità di Mare Nostrum”. Milano, 18 dicembre - dalle ore 15:00 alle 18.00.

NO alla pena di morte!

Voto Onu moratoria delle esecuzioni, 'Successo importante'

"Il voto di oggi in Assemblea generale è un successo importante. Segna un ulteriore passo in avanti nel lungo cammino verso l'abolizione della pena di morte nel mondo".

Notizie Sindacato

Ilva, USB sarà parte civile a proceso

Nell’udienza preliminare del Tribunale di Taranto, il Gup Wilma Gilli ha ammesso la richiesta di costituzione civile nel processo Ilva presentata dalla Confederazione nazionale USB.

Adottiamo i cani in gabbia!

BauBau.eu

Ambiente Media

è realizzato da



Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

"L'opposizione sindacale si organizza" PDF Stampa E-mail
Sindacato - Comunicati Stampa
Scritto da USB   
Domenica 27 Maggio 2012 18:42

Si è conclusa l’assemblea nazionale indetta a Roma, presso il Teatro Ambra Jovinelli, da lavoratori e lavoratrici, eletti RSU, ed RSA, delegati di diverse organizzazioni sindacali conflittuali.

 

 

COMUNICATO STAMPA

ASSEMBLEA NAZIONALE DELEGATI ED ELETTI RSU
L'OPPOSIZIONE SINDACALE SI ORGANIZZA



L'assemblea ha ha visto la partecipazione di oltre 500 delegati, in prevalenza aderenti alla USB ed alla Rete 28 aprile nella Cgil, provenienti da tutta Italia e da tutti i settori del mondo del lavoro
Ben 28 gli Interventi, fa cui quello di Pierpaolo Leonardi per la USB e Giorgio Cremaschi della Rete 28 aprile nella Cgil, che hanno dato il pieno sostegno da parte delle loro organizzazioni alle iniziative assunte dall'assemblea.
L'assemblea ha approvato all'unanimità l’ordine del giorno (in allegato) in cui si delibera una piattaforma che vede nel 8 e 9 giugno prossimi i primi momenti di forte mobilitazione, con scioperi, presidi, manifestazioni e blocchi in tutta Italia.

Roma, 26 maggio 2012
Ufficio Stampa USB


Unione Sindacale di Base
00185 Roma, V.le Castro Pretorio 116 - Tel. 0659640004 - web: http://www.usb.it e-mail: usb@usb.it
 

 

*******

L' assemblea convocata da RSU e RSA a Roma il 26 maggio ha raccolto la spinta di chi sta lottando contro l'aggressione scatenata dal governo verso il mondo del lavoro. Ma siamo soprattutto indignati per la rassegnazione o, perfino, l’assenso con cui le direzioni confederali CGIL, CISL e UIL hanno accompagnato e favorito questa aggressione.

L'Assemblea condivide quanto proposto nella relazione e raccoglie le indicazioni e i contributi emersi dal dibattito.

Le pensioni sono in via di essere ridotte a sussidi di sopravvivenza e l’età di quiescenza è stata portata a livelli inediti in Europa.

Centinaia di migliaia di lavoratori messi fuori dalle aziende con accordi spesso ricattatori vengono messi in condizione di non avere più né un salario, né una pensione, né un ammortizzatore sociale.

I salari sono fermi da almeno 20 anni, mentre i prezzi galoppano. I contratti nazionali sanciscono la riduzione delle retribuzioni, l’aumento degli orari di fatto e la regola delle deroghe.

La precarietà è diventata la forma generalizzata di assunzione: un esercito di milioni di giovani vive quotidianamente senza diritti e nell’incertezza più totale sul proprio futuro.

La disoccupazione tocca livelli inediti ed è destinata a crescere ulteriormente, per la chiusura di tante fabbriche ma anche attraverso la drastica riduzione dell’occupazione nel pubblico impiego.

I servizi sono stati privatizzati, peggiorandone la qualità e aumentandone i costi per l’utenza, mentre si faceva cassa sui diritti e sulle retribuzioni degli addetti.

Il padrone sceglie i sindacati da legittimare, mentre gli altri in particolare FIOM e sindacati di base, vengono cacciati dalla porta delle aziende.

Infine l’articolo 18, quella norma che giusto 42 anni fa ha posto un limite all’arbitrio e all’autoritarismo padronali, è in procinto di essere cancellata, sopprimendo la funzione deterrente della reintegra e ripristinando l’effetto intimidatorio della minaccia di licenziamento contro chi si attiva politicamente o sindacalmente o contro chi, comunque, ha un comportamento non gradito al padrone e ai capi.

In queste settimane in molte aziende c’è stata una massiccia reazione contro questo stravolgimento dell’articolo 18, con fermate, scioperi, picchettaggi, blocchi stradali e manifestazioni. Ma se stessimo all’azione del sindacalismo confederale di CGIL CISL e UIL tutto ciò sta passando senza una resistenza degna di questo nome o addirittura con un vero e proprio consenso, in nome della governabilità e della nuova “unità nazionale” che sostiene il governo dei “tecnici” diretta emanazione della Bce, dell' Unione Europea e del Fondo monetario internazionale, della Confindustria e del sistema bancario italiano. Noi non ci riconosciamo in questa unita' nazionale ma anzi ci battiamo per cacciare il governo Monti Fornero.

Il movimento di lotta nelle fabbriche e nei posti di lavoro a cui anche molti dei delegati e delle delegate qui presenti hanno dato vita nei giorni scorsi deve continuare, con l’obiettivo di impedire la trasformazione in legge del disegno Fornero. Siamo disponibili a valutare e sostenere ogni iniziativa di mobilitazione che persegua gli stessi obiettivi.

Ma questa mobilitazione dovrà rimettere in campo non solo la difesa dell’articolo 18 e la sua estensione ai milioni di lavoratrici e di lavoratori che non ne sono tutelati (i precari e i dipendenti delle piccole aziende), ma anche una piattaforma complessiva, per invertire la tendenza a far pagare la crisi ai lavoratori e alle classi popolari. intendiamo elaborare questa piattaforma in maniera compiuta in un prossimo appuntamento assembleare analogo a questo. In ogni caso gia' da oggi proponiamo alcuni punti irrinunciabili


 

  • Il blocco dei licenziamenti;

  • Il rinnovo di tutti i contratti attraverso piattaforme costruite con la partecipazione democratica dei lavoratori

  • la riduzione degli orari di lavoro a parità di salario

  • Un aumento dei salari e delle pensioni generalizzato e consistente;

  • Il ripristino di una scala mobile dei salari e delle pensioni per tutelarli dalla nuova inflazione;

  • La riconquista del pensionamento di vecchiaia a 60 anni di importo adeguato

  • No ai fondi pensione privati

  • La definitiva abolizione di tutte le forme contrattuali precarie;

  • Il blocco delle privatizzazioni e la ripubblicizzazione dei servizi gia' privatizzati

  • Una politica fiscale di forti sgravi sul lavoro dipendente e sulle pensioni compensati dall'aumento della progressività delle aliquote e da una patrimoniale sulle rendite e sulle ricchezze.

  • Il diritto al reddito, alla casa e alla gratuita' di tutti i servizi pubblici per precari e disoccupati

  • La elezione libera dei propri rappresentanti sindacali, senza alcuna limitazione da parte del padrone e senza riserva per nessuno

  • abolizione della Bossi/Fini e uguali diritti per i migranti

Si tratta delle rivendicazioni minime e essenziali per preservare livelli di vita e di dignità basilari in un paese civile. Se sembrano incompatibili con il pagamento del debito, diciamo: è il debito che non va pagato.

Per questi motivi, e per difendere l’articolo 18 nel suo valore di fondo e nella sua essenza simbolica, noi invitiamo tutte le RSU, le RSA, le organizzazioni e le aree sindacali che condividono queste esigenze a organizzare nelle prossime giornate dell’8 e del 9 giugno momenti di lotta: fermate, scioperi, azioni di protesta, presidi.

Indiciamo per il pomeriggio dell’8 maggio, a partire dalle 16,00 a piazza Montecitorio un presidio della Camera dei deputati che sta dibattendo del futuro dei nostri diritti

Invitiamo tutte e tutti, RSU, RSA, organizzazioni e aree sindacali a rendere permanente la lotta anche nei giorni successivi, fino all’ultimo giorno utile per impedire l’approvazione parlamentare della controriforma Fornero e ancora oltre nei prossimi mesi.


 

 

Volontariato

Giornata del Migrante

"La  mobilità umana esiste da sempre e, in un mondo globalizzato e connesso, è destinata ad assumere dimensioni sempre più ampie".

Popoli liberi e sovrani

Nuove Resistenti n.524

Notizie Elettrosmog

Roma, richiesta modifica delibera su localizzazione antenne telefonia

Il Coordinamento dei Comitati di Roma Nord ha inviato al Sindaco di Roma Capitale le proprie richieste di emendamenti della proposta di deliberazione riguardante la localizzazione degli impianti della telefonia mobile.

AmbienteWeb documenta

Archivio fotografico

Cerca