Ascolta Spazio Radio

Ultime da Aginform

"L'imperialismo e la tigre di carta"

"Che sul piano economico, militare e strategico il fronte imperialista che fa capo agli USA si trovasse in crisi è apparso evidente da molto tempo, anzi la sua crisi si può datare dai risultati dello scontro militare in Medio Oriente".

Notizie Ambiente

Abbattimento chioschi abusivi Ostia, 'Plauso a iniziativa'

Iniziata l'operazione di abbattimento dei chioschi abusivi sul lungomare di Ostia nell'area di Castel Porziano, dopo gli accertamenti della Procura e le sentenze del Tar.

Notizie Diritti Umani

Mediterraneo, 'numero migranti morti aumentato oltre 50 volte'

"La costante negligenza dei governi europei di fronte alla crisi umanitaria in atto nel mar Mediterraneo ha fatto sì che il numero dei migranti e dei rifugiati morti dall’inizio dell’anno sia aumentato di oltre 50 volte rispetto allo scorso anno".

NO alla pena di morte!

Nel 2014 allarmante aumento delle condanne alla pena capitale

Nel 2014 gli stati hanno fatto ricorso alla pena di morte nel futile tentativo di contrastare criminalità, terrorismo e instabilità interna.

Notizie Diritti Infanzia

Campagna “Fiori d’Azzurro” contro violenza sui bambini

Telefono Azzurro, violenza sui bambini: #NonStiamoZitti dal 13 al 19 aprile la Campagna “Fiori d’Azzurro” per rompere il silenzio sul bullismo e sui mille volti della violenza.

Notizie Sindacato

Roma, incontro pubblico 'Privatizzazione C.R.I. a chi giova?'

La USB Pubblico Impiego - Croce Rossa Italiana organizza per il 21 aprile prossimo, dalle ore 17.00 alle ore 19.00, un incontro pubblico dal titolo “La privatizzazione della C.R.I.: a chi giova?”

Adottiamo i cani in gabbia!

BauBau.eu

Ambiente Media

è realizzato da



Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Rifiuti, Municipi Roma XV e XVI: "Ministro irresponsabile" PDF Stampa E-mail
Ambientalismo - Comunicati Stampa
Scritto da Municipio Roma XV   
Martedì 29 Maggio 2012 18:17

"L’ostinazione con cui il ministro Clini continua a proporre siti limitrofi a Malagrotta come sede per la nuova discarica, lascia davvero esterrefatti".

 

 

RIFIUTI A VALLE GALERIA,PARIS e BELLINI : QUESTO MINISTRO E’ UN IRRESPONSABILE



Per convincere il Ministro dell’Ambiente a desistere, evidentemente non sono sufficienti i dati relativi alla mortalità per tumore che l’Università Roma Tre ha accertato essere superiore alla media cittadina del 28%. Non è bastato neanche il livello d’inquinamento di acqua e aria nella zona che l’ISPRA ( Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale) valuta 1200 volte superiori alla media nazionale.

Non se ne può più! Il ministro Clini dovrebbe ormai escludere definitivamente la Valle Galeria dai siti proponibili per la nuova discarica di Roma.

Questo governo dovrebbe avere le risorse tecniche e la sensibilità per comprendere il forte risentimento sociale che si leva da questi territori.

La manifestazione di ieri, bloccando in modo improvviso il traffico sulla via Aurelia, ha dimostrato come ormai in questa zona stia crescendo una sacrosanta ma grave esasperazione. La protesta che fino a ieri si è mantenuta su un terreno civile, oggi, potrebbe sfociare in atti e gesti cruenti che neanche più noi, come istituzioni locali, potremmo riuscire a contenere.

E’ ora di chiudere immediatamente Malagrotta e individuare un sito con le caratteristiche necessarie per ospitare la nuova e temporanea discarica di Roma. E’ ora che si attivino gli impianti di trattamento dei rifiuti e si promuova un tavolo per delocalizzare immediatamente la Raffineria di Roma che, insieme alla discarica, ha reso il territorio della Valle Galeria drammaticamente inquinato e invivibile.

E ribadiamo: Non se ne può più!


I presidente dei Municipi XV e XVI
Gianni Paris e Fabio Bellini


Presidenza Municipio XV ARVALIA PORTUENSE – Ufficio stampa

 

Articoli correlati

Popoli liberi e sovrani

Nuove Resistenti n.539

Notizie Elettrosmog

Il governo vuole innalzare i limiti di esposizione ai CEM

Costituita una Task Force per ostacolare l'intenzione del governo di innalzare i limiti di esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. Inviata una lettera aperta alle Istituzioni nazionali ed europee.

AmbienteWeb documenta

Archivio fotografico

Cerca