Ascolta Spazio Radio

Ultime da Aginform

"Chi fa la rivoluzione a metà ci scava la fossa"

In Francia, all'epoca della grande rivoluzione, il motto non era esattamente questo, ma: chi fa la rivoluzione a metà si scava la fossa, per dire che i rivoluzionari devono andare fino in fondo se non vogliono fare una brutta fine.

Notizie Ambiente

La Domenica Ecologica di Roma

Presentato il dossier PM10 2015 a Roma, 23 giorni in più di superamenti rispetto al 2014 anche con lo stesso numero di giorni di pioggia. Da inizio 2016 già 8 giorni di smog a Tiburtina e Cinecittà.

Notizie Diritti Umani

Francia, misure d'emergenza sproporzionate

"Misure sproporzionate, tra cui irruzioni notturne nelle abitazioni e obblighi di residenza assegnata, hanno calpestato i diritti di centinaia di uomini, donne e bambini, provocando traumi e stigmatizzazione.

NO alla pena di morte!

Osservazioni su Hurst v Florida

Questa sentenza non è una vittoria dell’abolizionismo e se lo fosse non si spiegherebbe la presenza dei forcaioli Scalia e Thompson.

Notizie Diritti Infanzia

Newsletter Gennaio 2016 'Io sono diverso'

A volte ci sembra di essere tutti quanti parte di un meccanismo matematico e assolutamente perfetto e chi si discosta da esso è visto con sospetto, come fosse un sovversivo da eliminare o almeno da tenere a debita distanza.

Notizie Sindacato

P.A., 'licenziamento in 48 ore inutile e propagandistico'

Si è svolto oggi al dipartimento della Funzione Pubblica il tavolo di informativa sul decreto legislativo di modifica dell’articolo 55 quater D.Lgs. 165/01, noto come “licenziamento in 48 ore”.

Adottiamo i cani in gabbia!

BauBau.eu

Ambiente Media

è realizzato da



Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Un badge per i bambini degli asili nido a Roma! PDF Stampa E-mail
Società - Comunicati Stampa
Scritto da USB   
Martedì 05 Giugno 2012 15:58

L’assessore alle Politiche Educative di Roma Capitale, De Palo, ripropone la delirante idea di fornire il badge ai bambini degli asili nido.

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

ROMA CAPITALE: USB, ALL’ASILO NIDO COME  IN FABBRICA

DE PALO RIPROPONE IL BADGE PER I BAMBINI. USB CHIEDE LE SUE DIMISSIONI

 

 

De Palo afferma che far timbrare i bambini sarà utile per la loro sicurezza e non spiega come questo avverrà, tanto più che in bilancio sono diminuite le risorse disponibili per i servizi ed i municipi  enunciano l’impossibilità di attuare perfino le manutenzioni ordinarie.

Secondo USB,  attraverso l’introduzione del badge si metterà invece a rischio proprio la sicurezza fisica e psicologica dei bambini, che  come in fabbrica, diventeranno un numero identificato da un codice. Verificando il numero dei bambini effettivamente presenti, dividendo questo numero per le educatrici in forze su tutto l’orario di apertura, si otterrebbe l’ottimizzazione del servizio. Questo arido calcolo non solo non considera che, come con i più piccoli, il rapporto è spesso di carattere individuale, ma appare puramente finalizzato ad applicare la legge regionale in cui si consente di aumentare il rapporto educatrice/bambino, portandolo da 1/6 frontale a 1/7 sul totale degli iscritti.

Invece di aprire le strutture  (su tutto il territorio 6 sono pronte ma rimangono inspiegabilmente chiuse) e dare risposta ai quasi 9.000 bambini in lista di attesa, questa amministrazione ormai sta portando gli asili ad una aberrante spersonalizzazione, espropriandoli della loro funzione educativa: a quando la proposta di un codice speciale per i bambini disabili?

USB metterà in campo tutte le iniziative possibili per bloccare l’ennesima sperimentazione perpetrata ai danni dei bambini, coinvolgendo anche i genitori affinché rifiutino questa schedatura. I nostri bambini non meritano un simile trattamento, Roma non merita queste politiche, e a questo punto si rendono necessarie le dimissioni immediate di De Palo.

 

Roma, 6 giugno 2012

Ufficio Stampa USB

 

Volontariato

"Reato di immigrazione irregolare. Clandestina è la legge"

Oggi 2 febbraio si è tenuto davanti a Palazzo Chigi un flash mob a cui hanno partecipato diciotto associazioni, per riaccendere l’attenzione dell’opinione pubblica e del dibattito politico sul reato di immigrazione irregolare.

Popoli liberi e sovrani

Nuove Resistenti n.574

Notizie Elettrosmog

Antenne telefoniche, Tar respinge ricorso di Wind a Sesto S. Giovanni

Il TAR di Milano ha respinto il ricorso di Wind contro la normativa urbanistica di Sesto San Giovanni (Milano), che vieta le installazioni nei pressi di scuole, parchi gioco, ospedali e in generale al di fuori della aree indicate dal comune.

AmbienteWeb documenta

Archivio fotografico

Cerca