Ascolta Spazio Radio

Ultime da Aginform

"Obama e l'Europa"

In molti si sono chiesti quale fosse il vero scopo del recente viaggio di Obama in Europa, un viaggio fuori delle forme tradizionali del protocollo e delle gerarchie istituzionali che normalmente sovraintendono a questi eventi.

Notizie Ambiente

Conclusa l’edizione 2016 di "Magnalonga in bicicletta"

Quest’anno al centro dell’evento, i molteplici sguardi sulla città: punti di vista e osservazione talvolta insoliti, grazie ai quali raccontare una metropoli che cambia.

Notizie Diritti Umani

Yemen, 'anche bambini tra i civili uccisi e feriti dalle bombe a grappolo'

I bambini e le loro famiglie dopo un anno di conflitto tornano a casa nel nord dello Yemen rischiando fortemente di morire o di riportare gravi ferite a causa di migliaia di bombe a grappolo inesplose.

NO alla pena di morte!

In Italia il presidente di un paese europeo che usa la pena di morte

In occasione della visita del presidente della Bielorussia, Aleksandr Lukashenko, Amnesty International Italia sollecita le istituzioni italiane a manifestare al capo dello stato bielorusso preoccupazione e contrarietà a fronte dell'uso della pena di morte nel paese.

Notizie Diritti Infanzia

Orentano (PI), al via l’ottava 'Marcia della Zizzi' a scopo benefico

Domenica 10 luglio 2016 avrà luogo l'ottava edizione della 'Marcia della Zizzi'. L'iniziativa ludico-sportiva, a scopo benefico, si snoderà all'interno dei boschi di Orentano (PI) nei percorsi di 1, 5, 9 e 15 km.

Notizie Sindacato

Commercio, contro abuso e sfruttamento parte Campagna '#iosonosonia'

Sonia è una commessa precaria di ‎Zara che allo scadere del 34esimo mese di lavoro per la stessa azienda si è vista negare il rinnovo contrattuale, a pochi giorni dal traguardo dei 36 mesi che le avrebbero dato diritto all’assunzione.

Adottiamo i cani in gabbia!

BauBau.eu

Ambiente Media

è realizzato da



Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Alitalia-Magliana, Legambiente: primi frutti avvelenati del piano casa PDF Stampa E-mail
Ambientalismo - Comunicati Stampa
Scritto da Legambiente Lazio   
Giovedì 07 Giugno 2012 14:32

L'edificio di Alitalia, dismesso da molti anni, “grazie” al Piano casa, si trasformerà in alloggi.  Un cambio di destinazione d'uso di ben 1.400 case segneranno il futuro della centralità Alitalia-Magliana.

 

Legambiente Lazio – Comunicato stampa

Roma, 6 giugno 2012

Alitalia-Magliana, Legambiente: primi frutti avvelenati del piano casa



“Ecco i primi frutti avvelenati del piano casa regionale, potremmo parafrasare così il vice presidente Ciocchetti, grazie a un cambio di destinazione d'uso ben 1.400 case, secondo le nostre stime, segneranno il futuro della centralità Alitalia-Magliana -dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-.

Da Milano, arriva la notizia: proprio oggi sarebbe stato presentato il “primo progetto importante” del piano casa che ha per oggetto l'ex edificio dell'Alitalia, al parco della Muratella, alla Magliana. Un edificio dismesso da molti anni che, “grazie” al Piano casa, si trasformerà in alloggi, per il 70% a mercato libero e per il 30% il restante a canone calmierato. 390 alloggi affittati per 15 anni a 5 euro al metro quadro a giovani coppie o a forze dell'ordine, militari e persone che non possono rivolgersi al mercato privato, in cambio di altri 910 alloggi da piazzare invece sul mercato.

La Centralità ex Alitalia/Magliana, è stata pianificata attraverso due successivi Accordi di Programma, il primo ratificato dal Consiglio Comunale addirittura nel 1997, il secondo invece ratificato dal Consiglio stesso nel 2000, Accordi di Programma recepiti integralmente dal nuovo Prg della città, a sua volta adottato nel 2002 e approvato in via definitiva nel 2008. Il quadro della pianificazione della Centralità Ex Alitalia/Magliana è il seguente: complessivi 498.509 metri cubi, articolati in mc 104.000 destinati a uffici/direzionale privato –21% del totale delle cubature previste-, mc 132.000 per strutture ricettive –26%-, mc 102.509 per strutture per il tempo libero –21%-, mc 10.000 per servizi privati –2%-, e, infine, mc 150.000 a destinazione residenziale –30%. Come è evidente, questo quadro presenta un equilibrato mix di funzioni, nel quale le cubature con destinazione non residenziale “pesavano” sul totale delle cubature previste addirittura per il 70%. Un quadro urbanistico coerente, questo, per una Centralità immediatamente prossima all’Aereoporto della Capitale d’Italia, infrastruttura questa attorno alla quale è giusto collocare funzioni con quelle destinazioni d’uso.

“Mentre una parte della pianificazione del PRG, in area pubblica, è ferma, si attivano metri cubi di Alitalia, attraverso un semplice cambio di destinazione d'uso, al di fuori di quanto previsto dal piano stesso -conclude Parlati-. Si scassa, in questo modo, il piano regolatore a colpi di permessi a costruire, ancor più grave in una centralità, attraverso lo sciagurato piano casa. Cosa ha da dire l'Assessore Corsini sulla pianificazione in territorio romano, diretta dalla Regione? E l'area pubblica della centralità come sarà regolata? E' mai possibile che i comparti privati di una centralità siano già stati tutti disciplinati, mentre invece la parte pubblica resta senza arte né parte? Ebbene, se il pubblico si ritira anche dalle centralità, lasciando campo libero ai privati cosa resta della dimensione pubblicistica del Prg della città?”

L'Ufficio stampa Legambiente Lazio

 

Articoli correlati

Volontariato

Egitto, 'mai così grave la situazione dei diritti umani'

Nel solo mese di aprile il Nadeem ha documentato 46 esecuzioni extra-giudiziali, 67 casi di tortura e maltrattamenti in carcere, 53 casi di trattamenti medici impropri nei confronti del detenuti.

Popoli liberi e sovrani

"Difendere la Costituzione e organizzarsi per applicarla"

Attuare in modo sistematico e capillare la parola d’ordine “a tutti un lavoro utile e dignitoso” per tenere aperte le aziende che i capitalisti chiudono o delocalizzano, per riconvertire ad altre produzioni quelle inutili o dannose.

Notizie Elettrosmog

Antenne telefoniche, Tar respinge ricorso di Wind a Sesto S. Giovanni

Il TAR di Milano ha respinto il ricorso di Wind contro la normativa urbanistica di Sesto San Giovanni (Milano), che vieta le installazioni nei pressi di scuole, parchi gioco, ospedali e in generale al di fuori della aree indicate dal comune.

AmbienteWeb documenta

Archivio fotografico

Cerca