Ascolta Spazio Radio

Ultime da Aginform

"Il giacobino ha colpito ancora"

Uno degli aspetti più vergognosi di questo regime a guida PD è stato l'allineamento di stampa e televisioni alle direttive renziane, e non solo per la vicenda del referendum del 4 dicembre, ma anche rispetto a tutte le balle sulla situazione economica e sui risultati delle riforme.

Notizie Ambiente

Domenica ecologica a Largo Preneste

Il Circolo Città Futura di Legambiente anima la domenica ecologica del 22 gennaio 2017 con una visita in bus o in bici al MAAM )e presenta le 10 proposte per abbattere l’inquinamento a Roma.

Notizie Diritti Umani

Commutazione della condanna di Chelsea Manning 'decisione importante'

Il presidente degli Usa Barack Obama ha commutato la condanna di Chelsea Manning, che stava scontando una pena di 35 anni per aver rivelato informazioni relative a possibili crimini di diritto internazionale commessi dall’esercito statunitense.

NO alla pena di morte!

"Tre a zero per la pena di morte? Non proprio"

In crisi da vent’anni, ignorata nei dibattiti presidenziali, la pena di morte americana avrebbe segnato tre punti lo scorso otto novembre: ma non è proprio vero.

Notizie Diritti Infanzia

Orentano (PI), al via l’ottava 'Marcia della Zizzi' a scopo benefico

Domenica 10 luglio 2016 avrà luogo l'ottava edizione della 'Marcia della Zizzi'. L'iniziativa ludico-sportiva, a scopo benefico, si snoderà all'interno dei boschi di Orentano (PI) nei percorsi di 1, 5, 9 e 15 km.

Notizie Sindacato

Usb licenzia Rossella Lamina storico ufficio stampa

Il licenziamento in tronco, per il quale vengono addotti motivi economici, è il brusco epilogo giunto dopo mesi di “mobbing”, durante i quali la dignità professionale e umana di Rossella è stata mortificata ed osteggiata. Promossa una petizione on line.

Adottiamo i cani in gabbia!

BauBau.eu

Ambiente Media

è realizzato da



Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Alitalia-Magliana, Legambiente: primi frutti avvelenati del piano casa PDF Stampa E-mail
Ambientalismo - Comunicati Stampa
Scritto da Legambiente Lazio   
Giovedì 07 Giugno 2012 14:32

L'edificio di Alitalia, dismesso da molti anni, “grazie” al Piano casa, si trasformerà in alloggi.  Un cambio di destinazione d'uso di ben 1.400 case segneranno il futuro della centralità Alitalia-Magliana.

 

Legambiente Lazio – Comunicato stampa

Roma, 6 giugno 2012

Alitalia-Magliana, Legambiente: primi frutti avvelenati del piano casa



“Ecco i primi frutti avvelenati del piano casa regionale, potremmo parafrasare così il vice presidente Ciocchetti, grazie a un cambio di destinazione d'uso ben 1.400 case, secondo le nostre stime, segneranno il futuro della centralità Alitalia-Magliana -dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-.

Da Milano, arriva la notizia: proprio oggi sarebbe stato presentato il “primo progetto importante” del piano casa che ha per oggetto l'ex edificio dell'Alitalia, al parco della Muratella, alla Magliana. Un edificio dismesso da molti anni che, “grazie” al Piano casa, si trasformerà in alloggi, per il 70% a mercato libero e per il 30% il restante a canone calmierato. 390 alloggi affittati per 15 anni a 5 euro al metro quadro a giovani coppie o a forze dell'ordine, militari e persone che non possono rivolgersi al mercato privato, in cambio di altri 910 alloggi da piazzare invece sul mercato.

La Centralità ex Alitalia/Magliana, è stata pianificata attraverso due successivi Accordi di Programma, il primo ratificato dal Consiglio Comunale addirittura nel 1997, il secondo invece ratificato dal Consiglio stesso nel 2000, Accordi di Programma recepiti integralmente dal nuovo Prg della città, a sua volta adottato nel 2002 e approvato in via definitiva nel 2008. Il quadro della pianificazione della Centralità Ex Alitalia/Magliana è il seguente: complessivi 498.509 metri cubi, articolati in mc 104.000 destinati a uffici/direzionale privato –21% del totale delle cubature previste-, mc 132.000 per strutture ricettive –26%-, mc 102.509 per strutture per il tempo libero –21%-, mc 10.000 per servizi privati –2%-, e, infine, mc 150.000 a destinazione residenziale –30%. Come è evidente, questo quadro presenta un equilibrato mix di funzioni, nel quale le cubature con destinazione non residenziale “pesavano” sul totale delle cubature previste addirittura per il 70%. Un quadro urbanistico coerente, questo, per una Centralità immediatamente prossima all’Aereoporto della Capitale d’Italia, infrastruttura questa attorno alla quale è giusto collocare funzioni con quelle destinazioni d’uso.

“Mentre una parte della pianificazione del PRG, in area pubblica, è ferma, si attivano metri cubi di Alitalia, attraverso un semplice cambio di destinazione d'uso, al di fuori di quanto previsto dal piano stesso -conclude Parlati-. Si scassa, in questo modo, il piano regolatore a colpi di permessi a costruire, ancor più grave in una centralità, attraverso lo sciagurato piano casa. Cosa ha da dire l'Assessore Corsini sulla pianificazione in territorio romano, diretta dalla Regione? E l'area pubblica della centralità come sarà regolata? E' mai possibile che i comparti privati di una centralità siano già stati tutti disciplinati, mentre invece la parte pubblica resta senza arte né parte? Ebbene, se il pubblico si ritira anche dalle centralità, lasciando campo libero ai privati cosa resta della dimensione pubblicistica del Prg della città?”

L'Ufficio stampa Legambiente Lazio

 

Articoli correlati

Volontariato

"L'ennesima morte annunciata"

A.M. è morto nell’incendio divampato la scorsa notte, l’11 gennaio, nello stabile occupato dell’ex mobilificio Aiazzone nel Comune di Sesto Fiorentino. A.M. aveva trentotto anni, era di origine somala, titolare di protezione internazionale in Italia.

Popoli liberi e sovrani

"1917, centenario della gloriosa Rivoluzione d’Ottobre, la svolta nella storia dell’umanità"

La rivoluzione socialista e la rivoluzione di nuova democrazia sono la via all’instaurazione del nuovo sistema di relazioni sociali e internazionali di cui l’umanità ha bisogno.

Notizie Elettrosmog

Antenne telefoniche, Tar respinge ricorso di Wind a Sesto S. Giovanni

Il TAR di Milano ha respinto il ricorso di Wind contro la normativa urbanistica di Sesto San Giovanni (Milano), che vieta le installazioni nei pressi di scuole, parchi gioco, ospedali e in generale al di fuori della aree indicate dal comune.

AmbienteWeb documenta

Archivio fotografico

Cerca