Ascolta Spazio Radio

Ultime da Aginform

"L'imperialismo e la tigre di carta"

"Che sul piano economico, militare e strategico il fronte imperialista che fa capo agli USA si trovasse in crisi è apparso evidente da molto tempo, anzi la sua crisi si può datare dai risultati dello scontro militare in Medio Oriente".

Notizie Diritti Umani

Cordoglio per l'uccisione di Lo Porto e Weinstein

Amnesty International Italia ha espresso il suo cordoglio per la morte di Giovanni Lo Porto, il cooperante italiano ucciso nel gennaio 2015 nel corso di un’operazione antiterrorismo al confine tra Afghanistan e Pakistan.

NO alla pena di morte!

Nel 2014 allarmante aumento delle condanne alla pena capitale

Nel 2014 gli stati hanno fatto ricorso alla pena di morte nel futile tentativo di contrastare criminalità, terrorismo e instabilità interna.

Notizie Diritti Infanzia

Campagna “Fiori d’Azzurro” contro violenza sui bambini

Telefono Azzurro, violenza sui bambini: #NonStiamoZitti dal 13 al 19 aprile la Campagna “Fiori d’Azzurro” per rompere il silenzio sul bullismo e sui mille volti della violenza.

Notizie Sindacato

25 Aprile, protesta davanti i centri commerciali

L'Unione Sindacale di Base questa mattina è scesa in piazza all'Auchan di Merate, alla Coop di Livorno, al Superconti di Civita Castellana, etc... Per dire NO allo shopping nel giorno della Liberazione.

Adottiamo i cani in gabbia!

BauBau.eu

Ambiente Media

è realizzato da



Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Giù le Mani dai Bambini aderisce a "Stop DSM" PDF Stampa E-mail
Diritti Infanzia - Comunicati Stampa
Scritto da Giù le mani dai Bambini   
Giovedì 07 Giugno 2012 15:06

"Giù le Mani dai Bambini" appoggia "Stop DSM", il manifesto internazionale lanciato a Barcellona contro la medicalizzazione dei comportamenti umani.

 

 

Giù le Mani dai Bambini aderisce a "Stop DSM"


(Poma, giornalista) "L'invadenza delle case farmaceutiche sta rasentando l'assurdo: siamo circondati da messaggi che ci inducono a prendere farmaci per ogni tipo di disagio" (Costa, psichiatra, La Sapienza): "Ormai anche un lutto rischia di venire classificato come malattia mentale". (Ajmone, psicoterapeuta): "Basta con il mito dello psichiatra come distributore automatico di pillole della felicità"


Giù le Mani dai Bambini, la più visibile campagna italiana di farmacovigilanza pediatrica ( www.giulemanidaibambini.org ), ha aderito al manifesto Stop DSM ( http://stopdsm.blogspot.it/2011/04/manifiesto-favor-de-una-psicopatologia.html ), il manifesto internazionale contro la medicalizzazione del disagio e dei comportamenti, lanciato in Spagna, a Barcellona, al quale hanno già aderito numerose organizzazioni ed esperti. Tra gli obiettivi della piattaforma, vi è il "porre un limite all'incremento delle classificazioni statistiche internazionali delle malattie psichiatriche, e di lavorare con criteri di classificazione che abbiano una solida base psicopatologica, provenienti esclusivamente dalla pratica clinica". E' evidente il riferimento polemico alla nuova imminente edizione del DSM, il Manuale Diagnostico Statistico dei disturbi mentali, atteso per il 2013, ricco di nuove classificazioni elaborate a tavolino di medici spesso consulenti delle case farmaceutiche che producono i medicinali che dovrebbero curare tali sindromi.

Luca Poma, giornalista e portavoce di Giù le Mani dai Bambini, ha dichiarato al riguardo: "L'invadenza delle case farmaceutiche sta rasentando l'assurdo: ormai siamo circondati da messaggi che ci inducono a prendere farmaci per ogni tipo di disagio anche temporaneo. Il DSM è redatto da esperti in palese conflitto di interessi, e quindi non è più un manuale credibile". Il Manifesto "Stop DSM" sottolinea inoltre come bisogna porre attenzione sulle modalità di formazione dei medici, che troppo spesso sono istruiti unicamente sul rispetto del paradigma delle prescrizioni farmacologiche.

E' intervenuto sul punto anche Claudio Ajmone, psicologo e psicoterapeuta, tra i massimi esperti italiani di ADHD, la sindrome dei bambini troppo agitati e distratti: "Al giorno d'oggi si fa strada il mito del distributore automatico di pillole della felicità: la chimica è vista come soluzione rapida ad ogni disagio, è questo è terrificante, specie quando riguarda i più deboli di noi, i bambini". Lo stesso coordinatore della precedente edizione del DSM - il Dott. Allen Frances - è sceso in campo per criticare quella che la psichiatra Emilia Costa dell'Università "La Sapienza" di Roma ha definito "bulimia classificatoria dei colleghi psichiatri, in preda a vere e proprie mode diagnostiche", e denunciando come "anche la semplice tristezza, un lutto, o l'astinenza da caffeina stanno diventando malattie mentali".

Poma conclude: "A livello internazionale non si contano più le prese di posizione contro queste malepratiche mediche e questa cultura ipersemplicistica della gestione del disagio: a quando una dichiarazione sul tema del nostro Ministro della Salute Renato Balduzzi?".

Oltre a Giù le Mani dai Bambini, tra gli aderenti alla piattaforma si segnalano: l'USP - Union Syndicale de la Psychiatrie, la Sociedad Española de Psiquiatría y Psicoterapia del Niño y del Adolescente (SEPYPNA), Psycorps (Ecole Belge de Psychothérapie Psychanalytique à Médiations), la Fédération Professionnelle des psychologues cliniciens et des psychologues psychothérapeutes (Belgio) e molti esperti e specialisti.


Campagna Nazionale "GIU' LE MANI DAI BAMBINI"
Non ETICHETTARE tuo figlio, ASCOLTALO!
www.giulemanidaibambini.org - www.donttouchthechildren.org


 

 

Volontariato

Crisi migranti: 'La foglia di fico dell'Unione Europea'

Le misure approvate dal Consiglio Europeo per affrontare la situazione nel Mediterraneo appaiono gravemente inadeguate. Una foglia di fico per nascondere, neanche troppo bene, un ennesimo e sostanziale fallimento.

Popoli liberi e sovrani

Nuove Resistenti n.540

Notizie Elettrosmog

Il governo vuole innalzare i limiti di esposizione ai CEM

Costituita una Task Force per ostacolare l'intenzione del governo di innalzare i limiti di esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. Inviata una lettera aperta alle Istituzioni nazionali ed europee.

AmbienteWeb documenta

Archivio fotografico

Cerca