Ultime da Aginform

"Speriamo che Grillo regga"

"Nella situazione determinata dal convergere attorno all'affabulatore Renzi delle forze che vogliono un'Italia decisionista per affrontare, dal punto di vista padronale, la crisi economica dobbiamo ancora una volta affidarci a Beppe Grillo".

Notizie Ambiente

'Ecofuturo', ecotecnologie, cibo, mobilità, rinnovabili

Festival delle ecotecnologie e dell’autocostruzione al fine di condividere e diffondere nuove idee e tecnologie, dal cibo alla mobilità passando per le energie rinnovabili. Gubbio, dal 26 luglio al 2 agosto.

Notizie Diritti Umani

La finestra delle iniziative locali n. 28/2014

La finestra di questa settimana presenta iniziative a Santa Marinella (RM), Fagnano Olona (VA), Formia (LT).

NO alla pena di morte!

USA, un'altra esecuzione andata male, abolire pena di morte

L’esecuzione di Joseph Wood, avvenuta in Arizona il 23 luglio e durata due ore, costituisce un ulteriore monito per le autorita’ statunitensi: l’unica soluzione e’ abolire la pena di morte.

Notizie Diritti Infanzia

Bambino Gesù, un aiuto economico per il Villaggio SOS

L’Ospedale Bambino Gesù accoglie bambini provenienti da ogni parte d’Italia e del Mondo, che necessitano di specifiche cure, per malattie molto gravi. Il Villaggio SOS di Roma offre ospitalità ai nuclei familiari dei piccoli degenti.

Notizie Sindacato

Roma, P.I. protesta per fernare approvazione del DL 90/2014

Un nutrito gruppo di delegati USB e lavoratori del pubblico impiego ha protestato questo pomeriggio in Piazza Monte Citorio a Roma, davanti alla sede del Parlamento, per chiedere di non convertire in legge il DL 90/2014.

Adottiamo i cani in gabbia!

BauBau.eu

AmbienteWeb ascolta....

Radiorock.to the original

Ambiente Media

è realizzato da



Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Disponibile da oggi on-line nuova investigazione su allevamenti da pelliccia PDF Stampa E-mail
Mondo Animalista - Comunicati Stampa
Scritto da A.D.I - Agire Ora   
Martedì 02 Marzo 2010 18:12

Animal Defenders International e AgireOra Network hanno organizzato la proiezione pubblica di una scioccante investigazione sotto copertura.

 

[COMUNICATO STAMPA]
L'ORRORE DEGLI ALLEVAMENTI PER LE PELLICCE
SVELATO DURANTE LA SETTIMANA DELLA MODA 2010.
ORA DISPONIBILE VIDEO E DOSSIER IN ITALIANO.
26 febbraio 2010

Animal Defenders International e AgireOra Network hanno organizzato la proiezione pubblica di una scioccante investigazione sotto copertura. Ora disponibile on-line video e dossier.

Nel ringraziare i giornalisti presenti alla conferenza stampa di oggi, comunichiamo anche, per tutti coloro che non sono potuti intervenire di persona, che:

- il video è disponbile on-line in streaming e per il download sul sito di TV Animalista alla pagina:
http://www.tvanimalista.info/video/animali/allevamenti-pellicce/

- il dossier complero in italiano è scaricabile da:
http://www.tvanimalista.info/site_media/download/allevamenti-pellicce-dossier-adi.pdf

- alle redazioni che ne facciano richiesta è possibile inviare una copia del dvd o (in quantità limitata) del miniDV del documentario;

- la redazione di AgireOra Network è disponibile per interviste in voce o via mail.

Il 26 febbraio è stato lanciato in Italia un nuovo dossier e un video inedito sull'industria della pelliccia, intitolato "Un prodotto insanguinato - il vero costo della pelliccia", che rivela le orribili condizioni in cui sono tenuti gli animali in 30 allevamenti in Finlandia (un esempio tipico, perché tutti gli allevamenti sono uguali, in tutto il mondo).

Il video e il dossier sono stati presentati a Milano da Animal Defenders International - ADI e dal network animalista AgireOra. Helder Costantino di ADI e Marina Berati di AgireOra sono intervenuti alla conferenza stampa per illustrare i risultati dell'investigazione e chiedere un divieto totale degli allevamenti di animali per la pelliccia in Italia.

Anche la modella assurta a icona degli anni '60, "Twiggy", rilascia una dichiarazione contro l'uso delle pellicce e a sostegno della campagna di ADI: "Mi dispiace molto vedere che alcuni stilisti ancora usano la pelliccia vera, quando ci sono alternative sintetiche così facili da ottenere e così efficaci. Spero che questo dossier di ADI aiuti l'industria della moda a capire che questi poveri animali sono tenuti in condizioni terribili e inumane. Davvero questa crudeltà è giustificabile solo per la moda? Penso di no".

Lo straziante reportage mostra animali con ferite aperte e infette; evidenti segni di infezioni non curate; occhi infetti, o mancanti; code strappate a morsi; zampe deformate e ferite; gengive gonfie in modo patologico per una malattia diffusa, che rende difficile e doloroso bere e mangiare; cuccioli con le zampe intrappolate nella rete metallica delle gabbie; gabbie e altre strutture danneggiate e pericolose; ciotole per l'acqua vuote, sporche, rotte; una diffusa sofferenza degli animali, e mancanza di cure.

Il video mostra che le affermazioni dell'Associazione Pellicciai finlandese secondo cui "Tutti gli animali da pelliccia in Finlandia sono allevati in modo da rispettare il loro benessere", semplicemente non riflette la realtà, e nasconde la sofferenza di questi animali.

Il lancio di ADI e AgireOra Network coincide con la Settimana della Moda (24 febbraio - 3 marzo 2010) e ha lo scopo di portare gli stilisti faccia a faccia con la realtà delle pellicce, in particolare quelle di volpe, il cui mercato è dominato dai produttori finlandesi.

In Italia, il fatturato delle vendite di pellicce è diminuito del 7% dal 2007 al 2008 (da 725 milioni di euro a 675 milioni di euro) e, secondo il report del 2008 dell'Associazione Italiana pellicceria, ci si aspettava dal 2008 al 2009 una diminuzione di un ulteriore 9%. Il numero di animali allevati in Italia per le pellicce è passato da 250.000 nel 2002 (dati della Camera di Commercio) ai 150.000 del 2008 (dal report 2008 della European Fur Breeders' Association).

Nel mondo, la vendita di pellicce è diminuita del 13,25%, passando da 15,02 miliardi di dollari nel 2007 a 13,03 miliardi nel 2008.

Il Direttore Esecutivo di ADI, Jan Creamer, afferma: "Nonostante i consumatori stiano voltando le spalle sempre di più alla pelliccia, alcuni esponenti dell'industria della moda hanno deciso di chiudere i loro occhi e i loro cuori alla verità sulla produzione di pellicce. Questa investigazione vuole risvegliare le coscienze - non è più accettabile ignorare la sofferenza, e gli stilisti devono prendersi le proprie responsabilità per il modo in cui le pellicce vengono prodotte. I clienti degli stilisti che usano la pelliccia nei loro prodotti sarebbero sgomenti nello scoprire il modo inumano e cruento in cui sono trattati gli animali la cui pelle viene usata nelle collezioni di moda. Speriamo sinceramente che il nostro dossier fornisca a tutti le evidenze necessarie a fare una scelta realmente informata sull'utilizzo di pelliccia vera nella moda".

"Anche se l'uso della pelliccia intera è sempre meno diffuso" dichiara Marina Berati, di AgireOra Network, "moltissimi animali vengono fatti soffrire e morire per servire da decorazione a cappotti e giubbini, in forma di colli, polsini e altri inserti. Non perché i clienti lo richiedano, ma perché gli stilisti e chi progetta i capi d'abbigliamento hanno deciso così. Occorre dunque rifiutare questa 'moda' fatta di morte, e non comprare mai nulla con inserti in pelliccia, anche quando sembra finta, perché non lo è quasi mai, sono animali uccisi".

L'allevamento di animali per le pellicce è vietato nel Regno Unito, in Austria e in Croazia. La Danimarca ha vietato l'allevamento di volpi e nei Paesi Bassi è in corso di discussione in Parlamento una legge che mette al bando tutti gli allevamenti per le pellicce. L'UE ha vietato l'importazione e la vendita di prodotti di foca e in Israele il Knesset sta discutendo una legge per vietare l'importazione, esportazione e vendita di tutte le pellicce.

DATI SULLA PRODUZIONE DI PELLICCE

Vengono usate le pelli di 15-20 volpi o 60-80 visoni per una pelliccia. Le volpi in natura vivono 3-4 anni (ma possono arrivare anche a 10 o 15) e i visoni vivono 8-10 anni, mentre negli allevamenti tutti gli animali vengono tenuti in vita 8 mesi. Ogni anno vengono fatti nascere nuovi cuccioli, e quelli che non hanno la pelliccia della qualità adatta vengono subito uccisi.

Note e contatti

Video e dossier sono disponibili anche in download dal sito www.tvanimalista.info

 

- Foto in alta risoluzione sono disponibili su richiesta.

Animal Defenders International:

Animal Defenders International è nata per informare, creare consapevolezza e alleviare la sofferenza degli animali e lavora per proteggere gli animali selvatici e l'ambiente attraverso le sue sedi di Londra, San Francisco e Bogotà.

L'investigazione sotto copertura di ADI sugli allevamenti per le pellicce "Un prodotto insanguinato" è stata già lanciata a Londra e a Helsinki. Dopo la conferenza stampa a Milano, sarà lanciata alla Settimana della Moda di Parigi il 4 marzo.

http://www.ad-international.org

AgireOra

AgireOra Network è un insieme di iniziative, campagne, progetti e consulenti per la difesa degli animali. Tutti gli animali, senza distinzione di specie, come indica il nostro logo: una mano umana che fa un patto di aiuto e amicizia con la zampa di un cane (a simboleggiare gli animali d'affezione) e quella di un bovino (a simboleggiare gli animali d'allevamento e in generale tutti gli animali "usati" dagli umani).

AgireOra Network fa informazione e incentiva e fornisce strumenti per l'attivismo animalista. Sono queste le due anime del progetto: l'informazione per chi "non sa" e l'attivismo per chi sa già ma vuole aiutare gli animali in prima persona.

AgireOra ha sede a Torino ed è attivo in tutta Italia grazie alla rete di attivisti in contatto quotidiano attraverso Internet.

http://www.agireora.org

 

Volontariato

"L'auspicabile ritorno al diritto internazionale"

La presente lettera prende spunto dal Suo articolo “L’auspicabile ritorno del Diritto Internazionale” (Il Sole 24 Ore, 25 luglio 2014).

Popoli liberi e sovrani

Nuove Resistenti n.509

Notizie Elettrosmog

Campi elettromagnetici e tumori

Il 24 Aprile scorso, l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), organismo dell’OMS, ha pubblicato la Monografia sulla Valutazione dei Rischi Cancerogeni per l’Uomo.

AmbienteWeb documenta

Archivio fotografico

Cerca