CUB contro le nuove “af-fondazioni” liriche

Nuovi commissariamenti per decreto ed esternalizzazione degli allestimenti artistici. Trifiletti, CUB: “Dimissioni immediate di Bondi e Nastasi”. 13 maggio 2010. Un nuovo pretesto per commissariare, è più o meno il commento dei lavoratori dinnanzi al varo del decreto Bondi sugli enti lirici.

Nuovi sovrintendenti che si sommeranno ai vecchi, con teatri-contenitori di opere importate, e non più auto-prodotte secondo gli alti standard dei lavoratori della lirica italiana.

“La linea del piano Bondi è quella già messa in atto nelle grandi istituzioni museali, di cui assistiamo ai disastri e di cui restano solo le macerie dei monumenti, come quelle, e non solo in senso figurato, del Colosseo” è il commento di Guido Trifiletti, della CUB.

Un elenco di veri e propri commissariamenti affidati con metodi familistici e nepotisti, ben lontani dai quei requisiti di competenza e professionalità che i beni in questione necessiterebbero.

“La CUB chiede le immediate dimissioni sia Sandro Bondi da ministro che di Salvatore Nastasi da commissario straordinario, essendo in contrasto con il mandato, conferitogli dalla Repubblica Italiana, di tutelare e sviluppare la cultura in quanto bene pubblico nazionale, in netta contraddizione con il ruolo che dovrebbero svolgere” conclude Trifiletti.

Per questa sera è prevista una biciclettata, critical mass, per sensibilizzare la cittadinanza alla questione, mentre per domani sera è molto probabile un’iniziativa di carattere concertistico (vedi il blog http://www.lavoratoriscala.splinder.com/).

——————————————————————

Confederazione Unitaria di Base

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.