Appello per aiutare il Pakistan in ginocchio

Dopo oltre un mese di piogge monsoniche continue, il Pakistan è in ginocchio. La popolazione necessita di un intervento umanitario di vasta portata.

 

INTERSOS è un’organizzazione umanitaria senza fini di lucro che opera a favore delle popolazioni in pericolo, vittime di calamita naturali e di conflitti armati.

PER AIUTARE IL PAKISTAN IN GINOCCHIO VAI SU WWW.AGIRE.IT
DONA 2€ INVIANDO UN SMS AL 45504
dal 4 al 27 settembre DA CELLULARI TIM, VODAFONE, TRE, NOVERCA E COOP VOCE O CHIAMANDO LO STESSO NUMERO DA RETE FISSA TELECOM ITALIA.

 Il più grave disastro della storia del gia martoriato Pakistan. INTERSOS, in coordinamento con AGIRE, Agenzia Italiana per la Risposta alle Emergenze, dopo avere monitorato nei giorni scorsi la regione del Khyber Pakhtunkhwa, sta portando soccorso in particolare, nel distretto  di Nowshera. Abbiamo distribuito beni alimentari  agli sfollati più bisognosi dei villaggi di Khesghy Payiam e Aman Garth.  Dopo i primi aiuti saremo li per sostenere le comunita nel riprendere la vita, ridando loro i mezzi di sostentamento: agricoltura, commercio e bestiame.
VISITA IL NOSTRO SITO www.intersos.org

PER AIUTARE IL PAKISTAN IN GINOCCHIO VAI SU WWW.AGIRE.IT
O DONA CON UN SMS AL NUMERO
45504 dal 4 al 27 settembre

ALLUVIONI PAKISTAN, IL POPOLO DELL’AUTOSTRADA. TRA CAMION PER SOPRAVVIVERE. L’INTERVENTO DI INTERSOS

Testimonianza di Alda Cappelletti, INTERSOS

Il serbatoio dell’acqua è messo in modo tale che per raccoglierne un poco occorre scendere dallo spartitraffico. Un camion, di quelli che si vedono da queste parti spesso sovraccarichi e lanciati a tutta velocita, sfreccia dietro la schiena del bambino. Lui non si gira e continua barcollando a raccogliere l’acqua nella tanica, ma mi si è fermato il respiro. Ha finito di raccogliere l’acqua e ora torna alla tenda della sua famiglia. Questa volta è andata bene.
Le famiglie dell’autostrada, cosi le chiamiamo noi, sono centinaia di famiglie che lasciate le case sommerse dall’alluvione dai villaggi di Janghi e Awanabad (nel distretto di Charsadda) hanno trovato rifugio nel posto che hanno ritenuto più asciutto e sicuro: lo spartitraffico dell’autostrada Islamabad – Peshawar. Non potevamo lasciare che la tragedia di queste famiglie continuasse, siamo intervenuti per aiutarli, per spostare le loro tende improvvisate in una zona sicura e portando loro aiuto in modo sicuro e dignitoso.
Approfondisci

IL PAKISTAN, I NOSTRI VALORI E IL NOSTRO FUTURO

Un commento di Nino Sergi, presidente di INTERSOS.

E se ciò che sta avvenendo in Pakistan fosse il segnale che l’Occidente, con i suoi valori  solennemente affermati ma troppo spesso non praticati, stia esaurendo la sua spinta propulsiva?
L’interrogativo sembra assurdo ma l’atteggiamento delle nostre società verso le sofferenze di 17 milioni di persone, in un paese allagato e distrutto, potrebbe esserne un tremendo sintomo. Abbiamo davanti  a noi l’occasione per comunicare concretamente, in un’area molto problematica del mondo, i nostri valori di umanità, solidarietà, convivenza pacifica e per creare le condizioni per un nuovo e diverso sguardo verso di noi, a dispetto di qualsiasi altra affermazione, propaganda e strumentalizzazione, ma la stiamo stupidamente perdendo.
Approfondisci

Per informazioni: INTERSOS, via Nizza 154, 00198 Roma. Tel 06 8537431 email: sostenitori@intersos.org o AGIRE, www.agire.it

DONA ORA!

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.