“Zitti!” (26/06/2012)

L’intero Paese ha spesso tenuto il fiato sospeso cercando di intepretare i monosillabi degli oracoli che a lungo hanno potuto sfruttare la carenza di paternità