Roma, una festa per i diritti umani dei rom

Un pomeriggio di musica, teatro, danza e altre attivita’, per stare insieme in favore dei diritti umani dei rom. Roma, sabato 22 dicembre dalle ore 17:00.

 

 

COMUNICATO STAMPA

AMNESTY INTERNATIONAL CONTRO LA DISCRIMINAZIONE DEI ROM: LUCI, MUSICA, TEATRO E DANZA IN PIAZZA DEL POPOLO A ROMA IL 22 DICEMBRE  

amnesty int - logoSabato 22 dicembre a Roma, in piazza del Popolo, a partire dalle ore 17, Amnesty International Italia, le comunita’ rom e altre associazioni organizzano un pomeriggio di musica, teatro, danza e altre attivita’, per stare insieme in favore dei diritti umani dei rom.

La manifestazione e’ organizzata in occasione della consegna delle quasi 50.000 firme raccolte in tutto il mondo da Amnesty International e indirizzate al presidente del Consiglio, Mario Monti, per chiedere la fine degli sgomberi forzati e della segregazione nei confronti dei rom in Italia.

Per far sentire la voce delle decine di migliaia di persone che hanno firmato l’appello, un’enorme bandiera rom sara’ ricostruita sulla superficie di piazza del Popolo per dire no al razzismo e alla discriminazione dei rom.

La piazza sara’ arricchita di musica, teatro, danza, laboratori e bevande calde.

Negli ultimi anni, in Italia, migliaia di famiglie rom sono state sgomberate senza che venisse offerta loro una sistemazione alternativa. In molti altri casi, le famiglie sono state trasferite in campi ‘autorizzati’ in zone isolate, lontano dagli occhi di tutti; segregate in campi circondati da barriere e telecamere, situazione che rende per loro ancora piu’ difficile accedere ai servizi di base come scuole, negozi e assistenza sanitaria.

Nel settembre 2012, Amnesty International aveva lanciato un appello internazionale rivolto al presidente del Consiglio, sottolineando come tutte queste forme di discriminazione siano vietate dal diritto internazionale e chiedendo al governo di rendere effettiva l’attuazione della Strategia nazionale d’inclusione dei rom, dei sinti e dei camminanti presentata dallo stesso governo alla Commissione europea. L’organizzazione per i diritti umani ha chiesto di impegnarsi per porre fine agli sgomberi forzati e alla segregazione e per promuovere l’inclusione sociale dei rom.

Partecipano alla realizzazione dell’iniziativa l’Associazione 21 luglio, l’European Roma Rights Centre (ERRC), la Federazione delle chiese evangeliche in Italia, Popica Onlus, il gruppo di danza di bambine rom Cheja Chelen, il Progetto Sa’r San, la cooperativa Zajedno e le associazioni Monteverde antirazzista e Beato Zeffirino.

L’evento di piazza del Popolo concludera’ due giorni di iniziative per i diritti dei rom. Venerdi’ 21, sempre a Roma, presso l’Auditorium Unicef in via Palestro 68, a partire dalle 17.30 l’Associazione 21 luglio organizza il convegno ‘Rom, cittadini dell’Italia che verra’’, con la partecipazione tra gli altri di padre Alex Zanotelli, del regista Andrea Segre e del poeta e attivista Paul Polansky.

Roma, 20 dicembre 2012

Per informazioni sull’evento dell’Associazione 21 luglio: http://www.21luglio.org/

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *