ONU, pena di morte, altro importante passo verso abolizione

Il 20 dicembre 2012 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato, con una maggioranza schiacciante, la risoluzione in favore di una moratoria sull’uso della pena di morte.

 

 

COMUNICATO STAMPA

PENA DI MORTE: IL VOTO DELLE NAZIONI UNITE MOSTRA IL CRESCENTE SOSTEGNO ALL’ABOLIZIONE 

amnesty int - logoIl voto con cui il 20 dicembre 2012 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato, con una maggioranza schiacciante, la risoluzione in favore di una moratoria sull’uso della pena di morte dimostra, per Amnesty International, il crescente sostegno globale verso l’obiettivo abolizionista.

Nella quarta risoluzione approvata dall’Assemblea generale dal 2007, 111 paesi hanno votato a favore (due in piu’ rispetto al 2010), 41 hanno votato contro e 34 si sono astenuti.

Tra i paesi che per la prima volta hanno votato a favore figurano Ciad, Repubblica Centrafricana, Seychelles, Sierra Leone, Sud Sudan e Tunisia. Indonesia e Papua Nuova Guinea sono passati dal voto contrario all’astensione.

Invece, Bahrein, Dominica e Oman, che in occasione della risoluzione del 2010 si erano astenuti, stavolta hanno votato conto mentre Maldive, Namibia e Sri Lanka hanno deciso di astenersi anziche’ confermare il loro voto positivo.

‘Questo voto conferma che c’e’ una chiara tendenza globale volta a fare a meno della pena di morte. Oggi, 140 paesi sono abolizionisti per legge o di fatto. Sebbene non vincolante, il voto dell’Assemblea generale esprime la volonta’ della comunita’ internazionale e manda un forte messaggio al mondo attraverso il suo organismo mondiale’ – ha dichiarato Jose’ Luis Díaz, rappresentante di Amnesty International presso le Nazioni Unite a New York.

Roma, 21 dicembre 2012

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *