Assemblea pubblica per il diritto alla casa

125mila sfratti nel 2013 in Italia, queste sono le fosche previsioni del Sunia-Cgil. Assemblea pubblica per il diritto alla casa domenica 3 febbraio – ore 16:30.

 

LA CASA E’ UN DIRITTO:

SOLO CON LA LOTTA LO CONQUISTEREMO!

125mila sfratti nel 2013 in Italia, queste sono le fosche previsioni del Sunia-Cgil. E se le cose non cambiano sul serio altri 150mila sfratti nei due anni successivi. 4 su 10 circa sarebbero anziani, 6 su dieci famiglie con figli, spesso anche minori. A Modena il quadro non è migliore. Dal 2008, quando scoppiò la crisi economica, gli sfratti esecutivi richiesti dai proprietari non sono mai stati meno di 1000 all’anno. Noi non ci stiamo più e abbiamo deciso di organizzarci.

Soltanto a Modena città ci sono 15mila alloggi vuoti e 2800 nuovi invenduti. Ma la Giunta continua a lasciare pieno potere al cosiddetto libero mercato con prezzi degli affitti alle stelle. Così il boom edilizio ha favorito soltanto il padronato edile, la rendita fondiaria e le società di intermediazione finanziaria – circa 2200 in provincia di Modena, un numero eclatante. Nessun piano di case popolari all’altezza dei bisogni, soltanto cento alloggi ERP all’anno di fronte ad una richiesta dieci volte più grande. Ma i problemi non sono solo nel capoluogo. A Vignola gli amministratori che si sono susseguiti negli ultimi 13 anni hanno evitato ogni impegno rivolto a incrementare il patrimonio di case popolari che rimane fermo su 143 unità a fronte di un incremento dei residenti. A Sassuolo la crisi abitativa è forse ancora più aspra. E cosa dire della Bassa, dove il governo non finanzia la ricostruzione post-terremoto al 100%?

Ma non c’è solo il problema degli sfratti. Le case popolari, costruite spesso tra gli anni ’70 e ’90, spesso presentano problemi di manutenzione. Chi deve trovare casa sul mercato privato, poi, si scontra sempre più con proprietari restii a realizzare gli investimenti necessari per dare salubrità agli appartamenti. Bene che vada, i lavoratori sono costretti a mangiarsi una fetta consistente del salario per garantirsi un tetto sopra la testa. Insomma, i padroni ci sfruttano due volte: prima con salari insufficienti per una vita degna e poi con affitti indecenti.

Noi vogliamo case popolari per tutti, che nessuno sia sfrattato, che la si smetta di squarciare il nostro territorio con inutili parcheggi o palazzi di vetro per uffici che nessuno affitterà o comprerà, come quelli che troneggiano di fianco alla Maserati di Modena

 

E’ tempo di riunirsi, organizzarsi e fare massa critica. Unisciti a noi.
 

Partecipa all’ASSEMBLEA PUBBLICA il

 

3 Febbraio alle ore 16.30 a Vignola

presso Circolo Ribalta Via Zenzano

Interverranno:
 

  • Simona Bolelli (Prc Modena)

  • Jalil Boussaguia (Associazione Marocchina Udamer)

  • Massimo Pasquini (Unione Inquilini Roma)

  • Giovanni Iozzoli ( delegato Fiom – Rete 28 Aprile)

 

al termine musiche dal Maghreb e canti di lotta con:
 

  • Orchestra Badr

  • Gruppo Folk Ahwach

  • Banda POPolare dell’Emilia Rossa

 

Comitato Lavoratori

per il diritto alla Casa

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *