“Stop Vivisection”, raggiunto il milione di firme

Superata la quota di un milione di firme per la petizione contro la vivisezione, ma la raccolta continua per dare maggior forza all’iniziativa che chiede alla UE la tutela degli esseri umani e dei diritti degli animali.

 

STOP VIVISECTION: UN MILIONE DI GRAZIE! MA LA RACCOLTA DI FIRME CONTINUA…

E’ con immenso piacere che l’OIPA, tra le associazioni promotrici di STOP VIVISECTION, vi comunica che abbiamo finalmente raggiunto e superato il milione di firme!

Ricordiamo che l’iniziativa STOP VIVISECTION dà la possibilità ai cittadini di esprimere il proprio NO alla sperimentazione animale e di richiedere con forza all’Unione Europea un percorso scientificamente avanzato, a tutela degli esseri umani e dei diritti degli animali.

Un milione di firme era il traguardo minimo richiesto, ora abbiamo la possibilità fino al 31 ottobre di dare un forte segnale all’Unione Europea, chiedendo con sempre più forza e determinazione di fermare la vivisezione, per sempre.

Ognuno di noi può fare la differenza, firma anche tu su www.stopvivisection.eu

Altre info alla pagina http://www.oipa.org/italia/vivisezione/stopvivisection.html

APPELLO AI SINDACI ITALIANI CONTRO LA STRAGE DEI CANI IN ROMANIA

La situazione in Romania sta peggiorando giorno dopo giorno. I cani vengono letteralmente massacrati senza alcuna pietà e in totale spregio della, seppur ignobile, nuova legge. Le Autorità rumene che hanno deciso di sottostare al volere del Presidente Basescu, allo stesso tempo e come ampiamente prevedibile, non sono in grado di garantire neppure il rispetto di una legge che non farà altro che peggiorare ancora una volta la situazione del randagismo nel Paese. L’Unione Europea continua a rimanere silente di fronte a questa strage nascondendosi dietro ad un’incompetenza verso la gestione del randagismo che di fatto è ancora una prerogativa degli Stati membri.

In collaborazione Save the Dogs, che da anni è impegnata in Romania, l’OIPA ha inviato una lettera ai Sindaci dei Comuni italiani gemellati con quelli rumeni al fine di chiedere un segnale forte per dimostrare l’importanza di tutelare la vita di tutti gli esseri senzienti: la rottura immediata del gemellaggio.

Leggi tutta la notizia http://www.oipa.org/italia/2013/notizie/sindaci.html

LIBERAZIONE BEAGLE-CAVIE IN BRASILE: AUMENTA L’OPPOSIZIONE SULLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE
AUMENTA L’OPPOSIZIONE SULLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE

Nella notte tra il 17 e il 18 ottobre decine di attivisti che nel pomeriggio avevano partecipato a una pacifica manifestazione contro il Royal institute di São Roque, a circa 60 km da São Paulo in Brasile, hanno fatto irruzione all’interno dei laboratori e liberato circa 200 beagle ed alcuni conigli. Gli attivisti hanno poi rivelato le atroci condizioni in cui venivano detenuti gli animali. Infatti, molti di questi presentavano il corpo rasato ed è stato ritrovato un beagle congelato nell’azoto liquido con segni di mutilazione.

Al di là delle modalità utilizzate dagli attivisti che hanno messo in atto l’incursione nel laboratorio, vogliamo sottolineare come sia sempre più palpabile l’intolleranza verso la sperimentazione animale. Dalle raccolte firme agli atti concreti la direzione che stanno prendendo le coscienze è chiara: la vivisezione non è più tollerata, né dal punto di vista etico né scientifico.

Leggi tutta la notizia e guarda le foto http://www.oipa.org/italia/2013/notizie/brasile.html

IL “FRUTTO” DELLA MANCATA STERILIZZAZIONE: GATTINI MALATI E IN CERCA DI CASA

Sterilizzare cani e gatti può sembrare un atto forzato, imposto dall’uomo contro la natura dell’animale, che verrebbe privato di chissà quali vantaggi. Eppure, le cucciolate di cani e gatti randagi non godono di nessun beneficio, anzi, la probabilità che sopravvivano in strada è molto ridotta. Non sempre, infatti, hanno la fortuna di essere assistite, come accaduto ai quattordici gattini soccorsi dai volontari OIPA Firenze lo scorso luglio. Nati all’interno di una colonia felina di quindici gatti adulti non sterilizzati, i piccoli erano in pericolo di vita, affetti da numerose patologie: pieni di pulci, zecche, parassiti intestinali e ancora allattati dalle loro mamme, sono stati sottoposti a terapie antibiotiche. Grazie anche agli aiuti pervenuti, i volontari sono riusciti a sterilizzare alcune femmine adulte e molti piccoli sono stati accolti presso famiglie disposti ad adottarli.

L’emergenza, però, non è ancora terminata. Gli ultimi soccorsi sono otto gattini che dovranno iniziare dei cicli di cure per problemi agli occhi, alla respirazione e per debellare i parassiti intestinali. Mancano, inoltre, ancora molte femmine adulte da sterilizzare.

Aiutaci ad aiutarli! Scopri come http://www.oipa.org/italia/2013/sezioni/firenze-gattino.html

COSA FARE AD HALLOWEEN? VIENI ALLA CONFERENZA OIPA “MISTERI BESTIALI – SFATIAMO IL MITO DEL GATTO NERO E DI ALTRI ANIMALI”

L’OIPA, in collaborazione con Radiobau e Luoghi Misteriosi, presenta a Milano una serata all’insegna del mistero e degli animali. Perché si dice che il gatto nero porti sfortuna? Perché i pipistrelli mettono paura? Lupi e licantropi sono davvero così negativi?
Vi porteremo indietro nel tempo alla ricerca delle origini dei miti, per sfatare false credenze e tradizioni che hanno portato a temere erroneamente alcuni animali.

Vi aspettiamo numerosi!

Scopri di più http://www.oipa.org/italia/appuntamenti/ottobre_halloween.html

GLI ALTRI APPUNTAMENTI OIPA IN TUTTA ITALIA

Questa settimana ti segnaliamo:

– Cosenza, 26 ottobre: Fido T’affido http://www.oipa.org/italia/appuntamenti/ottobre_cosenza26.html
– Mesagne (BR): Incontriamoci http://www.oipa.org/italia/appuntamenti/ottobre_brindisi27.html
– 26-27 ottobre: Tavoli raccolta firme STOP VIVISECTION http://www.oipa.org/italia/appuntamenti/appuntamenti.htm

OIPA Italia Onlus

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.