“Taverna comunale”

Per riconoscere insieme i mondi nuovi che resistono all’assalto di uno sviluppo mercificato e velenoso, da dicembre la piccola redazione di Comune diventa nomade.