Quotidiane repressioni contro chi contesta Renzi

Sono ormai quotidiane le iniziative repressive nei confronti di chiunque osi contestare Renzi e le sue iniziative di smantellamento di tutto ciò che è pubblico, scuola in testa. La USB chiama tutti alla massima mobilitazione.


COMUNICATO STAMPA 

USB SCUOLA: FERMATI DALLA POLIZIA DOCENTI E PRECARI CHE MANIFESTAVANO CONTRO RENZI

UN NUTRITO GRUPPO DI INSEGNANTI DI RUOLO E PRECARI SI ERA DATO APPUNTAMENTO QUESTA MATTINA IN PIAZZA DELLA REPUBBLICA PER CONTESTARE, DA LONTANO GRAZIE AL DIVIETO DELLA QUESTURA, IL PREMIER RENZI CHE A VIA NAZIONALE FESTEGGIAVA IL SUO PRIMO ANNO DI GOVERNO PARLANDO DELLA SCUOLA.

AL TERMINE DEL PRESIDIO LA POLIZIA PRESENTE IN MASSA HA PROCEDUTO ALL’Identificazione di molti presenti ed ha portato in questura due dirigenti sindacali di USB rei di aver cercato di avvicinarsi alla stampa che gremiva il parterre di Renzi, per consegnare il comunicato sull’iniziativa. 

Sono ormai quotidiane le iniziative repressive nei confronti di chiunque osi contestare Renzi e le sue iniziative di smantellamento di tutto ciò che è pubblico, scuola in testa. La USB chiama tutti alla massima mobilitazione per rompere con questo clima repressivo e respingere i provvedimenti del governo come il Jobs Act, la riforma della scuola e quella della pubblica amministrazione. La prima forte azione di contrasto nazionale sarà la manifestazione nazionale del 28 febbraio a Milano proprio su questi temi e a cui l’USB parteciperà in massa.

--  Robert von Hackwitz USB - Unione Sindacale di Base
--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.