Torino, no al nuovo ‘penitenziario’ per animali selvatici

Per scongiurare la riapertura di un nuovo “penitenziario” per animali selvatici e la privatizzazione di un parco pubblico le associazioni animaliste di Torino hanno promosso una raccolta di firme.

 

TORINO: NO AL NUOVO “PENITENZIARIO” PER ANIMALI SELVATICI. INVIA L’APPELLO DI PROTESTA!

C’è un luogo a Torino di cui molti cittadini conservano ancora un brutto ricordo. E’ il parco Michelotti, dove dal 1955 al 1987, leoni, tigri, elefanti e tanti altri animali selvatici sono stati rinchiusi, dopo essere stati strappati violentemente dai loro habitat. Il giardino zoologico di Torino, il primo ad aver chiuso i battenti, il 31 marzo del 1987, ha segnato l’inizio di un’epoca, quella della dismissione progressiva degli zoo in Italia. Per scongiurare la riapertura di un nuovo “penitenziario” per animali selvatici e la privatizzazione di un parco pubblico le associazioni animaliste di Torino, tra cui l’OIPA, si sono riunite in un comitato che ha raccolto 700 firme cartacee, oltre a 5.027 firme on line. Per dare forza a questa azione, vi invitiamo a unirvi alla protesta del Coordinamento NO ZOO nei confronti della Pubblica Amministrazione della città di Torino.

Invia l’appello di protesta!

FRECCIA: DOPO LA TRAGEDIA SFIORATA STA PER INIZIARE UNA NUOVA VITA FELICE, MA PER GUARIRE HA ANCORA BISOGNO DELL’AIUTO DI TUTTI

Vi ricordate di Freccia? Come dimenticare l’involontario protagonista di uno dei salvataggi più difficili messi in atto dalle guardie zoofile OIPA. Freccia era un randagio delle campagne trapanesi ed è stato battezzato così perchè colpito da un dardo che gli si era conficcato nel muso entrando da una narice. Inseguito per tre giorni dalle guardie zoofile OIPA Trapani, è stato infine recuperato, denutrito e ormai allo stremo delle forze, e operato d’urgenza. Anche grazie al grande supporto che ha ricevuto da tutti voi, Freccia è arrivato ad un passo dalla felicità: vi chiediamo di tenerlo ancora per la zampa e di aiutarci a portarlo alla guarigione completa e ad una vita finalmente serena con una nuova famiglia.

 

CARNE DI CANE: CONSUETUDINE IN ASIA, MA E’ NATA UNA PETIZIONE PER CHIEDERE AL GOVERNO VIETNAMITA DI VIETARLA. AGGIUNGI LA TUA VOCE AL NOSTRO GRIDO DI PROTESTA!

Il commercio di carne di cane è una terribile realtà che causa la morte di milioni di cani ogni anno in diversi paesi asiatici come Corea del Sud, Vietnam, Cina, Filippine e Indonesia. Fermare questo commercio non deve essere considerato un’utopia: nel dicembre 2014 la macellazione e il consumo di carne di cane è stato vietato in Tailandia a seguito dell’approvazione della prima legge di protezione degli animali. Ecco perché l’OIPA chiede a gran voce il supporto di tutti per firmare la petizione che l’Asia Canine Protection Alliance (ACPA )ha lanciato e che presenterà al governo vietnamita per porre fine, una volta per tutte, a questo massacro.

ARIANNA, IL LUNGO CAMMINO VERSO LA FELICITA’

Vi ricordate di Arianna? Salvata in extremis dall’OIPA Agrigento dopo che un’auto l’ha investita lasciandola paralizzata a bordo strada, Arianna ha affrontato un delicato intervento chirurgico ed è volata a Salsomaggiore per affrontare un difficile e lungo periodo di riabilitazione e fisioterapia. Il trauma e il dolore che ha dovuto sopportare non le hanno fatto perdere la voglia di vivere e ce la sta mettendo tutta per riprendersi la serenità e la libertà che le sono state strappate. Arianna cerca una famiglia tutta per lei… cosa aspetti? Vieni a conoscerla!

LIBRERIA OIPA
Sull’OIPA Shop non trovi solo gadget e oggetti utili, ma anche tanti libri sulle tematiche che ti stanno a cuore: vegetarismo, sperimentazione animale, diritti animali, cinofilia e molto altro.

Ordinali subito sull’OIPA Shop

5 SECONDI X 1000 AZIONI?
Ti stai chiedendo come puoi aiutare gli animali che ogni giorno vedono calpestati i loro diritti? La risposta è con una firma.Ti serviranno solo 5 secondi, ma il valore sarà quelle di 1000 azioni concrete a sostegno degli animali.Scegliendo di donare all’OIPA il tuo 5xmille, infatti, non stai solo compilando un modulo: stai scendendo in strada a fianco dei volontari che quotidianamente scrivono un finale diverso per la vita degli animali in difficoltà, stai partecipando all’ideazione di una grande campagna di sensibilizzazione dell’opinione pubblica, stai unendo la tua voce al coro di protesta per le tante ingiustizie che gli animali subiscono continuamente. E’ sufficiente apporre la tua firma nella casella “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative e indicare il codice fiscale dell’OIPA: 97229260159

Scopri di più


30 maggio

Vigarano Mainarda (FE)–  1° Giornata del microchip

 


30-31 maggio
Follonica (GR) – Amico Cane


30 maggio – 2 giugno

Lucca – Lucca Vegan friends
 


 

31 maggio
L’Aquila – Presidio scenografico contro il circo Orfei

 

Se non riesci a visualizzare correttamente questa newsletter clicca qui
info@oipa.org“>info@oipa.orgwww.oipa.org

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.