Appello degli operai e delle operaie del porto di Napoli

Ai Camaldoli a Napoli dal 22 al 27 luglio Festa della Riscossa Popolare
 

ORGANIZZARSI E COORDINARSI

Appello degli operai e delle operaie  del porto di Napoli

PER L’ASSEMBLEA NAZIONALE – 25 LUGLIO 2015

Abbiamo deciso di resistere all’attacco da parte dei padroni e contro il governo il cui decreto Sblocca Italia prevede, tra le altre cose, l’eliminazione di gran parte delle Autorità Portuali, organi di governo dei porti, ulteriore avanzata del processo di privatizzazione delle strutture produttive e di eliminazione di posti di lavoro. Solo nel porto di Napoli sono 500 i lavoratori a rischio! Abbiamo deciso di occuparci delle nostre aziende per impedire che vengano chiuse, ridimensionate, delocalizzate.

Per quanto sia ragionevole, giusto, legittimo rivendicare “più diritti”, “più lavoro”, protestare contro questo corso delle cose, finché gli operai e gli altri lavoratori lasciano nelle mani delle attuali autorità il compito di trovare soluzioni e attuare le misure di emergenza che sono necessarie, le cose non possono cambiare e non cambieranno. La nostra è un’iniziativa con cui intendiamo promuovere lo sviluppo del coordinamento per i lavoratori dei porti di tutta Italia, di Ancona, di Genova, di Livorno, di Salerno, di Taranto, di Trieste e di tutti gli altri, e mira a coordinarsi anche con le lotte di tutti gli operai, di tutti i lavoratori e di tutte le masse popolari del paese. [leggi tutto]

 

 

 

Adesioni al 18 luglio:

Collettivi Operai e Lavoratori
Comitato di Lotta Cassintegrati e Licenziati FCA di Pomigliano d’Arco
Cobas Richard Ginori, Sesto Fiorentino
Comitato Lavoratori del Golfo di Gaeta
Coordinamento Lavoratori Portuali di Trieste


 

Operai,  lavoratori singoli, studenti
Mimmo Mignano per i cinque licenziati politici FCA, Pomigliano d’Arco
Mimmo De Stradis, RSA FIOM FCA Melfi – Coordinamento dei Lavoratori FCA del Centro SUD
Franco Rizzo, RSU USB ILVA Taranto
Emanuele Salvati, operaio AST,  Terni
Domenico Loffredo, RSA FIOM  FCA Pomigliano
Nunzia Amura, operaia Alenia, coordinatrice Fronte Unito dei Lavoratori della Campania, Napoli
Giuseppe Iapicca, RSU FIOM GKN, Campi Bisenzio (FI)
Gabriele Ravì, operaio, GKN, Campi Bisenzio, Firenze.
Andrea Tortora, operaio FCA Pomigliano
Paolo Casole,   operaio Piaggio  Pisa
Mario Maddaloni, RSU CGIL (area SAC) ENI-NAPOLETANAGAS, Napoli
Claudio Goffi, operaio, attività ferroviarie, Roma
Amedeo Testa, operaio ENI-NAPOLETANAGAS, Napoli
Giuseppe Severgnini, operaio SAME, Brignano
Luiso Francesco, operaio SAME, Arcene
Defendini Roberto, operaio SAME, Treviglio
Soldati Cristiano, operaio SAME, Treviglio
Pucci Pasquale, operaio SAME, Pagazzano
Massimiliano Finardi, operaio SAME
Barbeta Savino, operaio SAME, Treviglio
Cozzi Davide, operaio SAME, Caravaggio
Tresoldi Gabriele, operaio SAME, Treviglio
Roglio Ivana, operaia SAME, Treviglio
Missoni Daniela, operaia SAME, Treviglio
Seresini Noris, operaio SAME, Fara D’Adda
Tarenghi Livia, impiegata SAME, Treviglio
Claudio Boccardi, archivista SAME, Treviglio
Piero Azzoli, operaio, FCA Cassino
Maurizio Getti, operaio (disoccupato), Spoleto
Michele Caligiana, operaio, Perugia
Riccardo Giustanini, operaio Whirlpool, Siena
Rita Vada, operaia Whirlpool, Siena
Massimo Scali, operaio Whirlpool, Siena
Giuseppe Furi, operaio Whirlpool, Siena
Serena Sani, operaia Whirlpool, Siena
Carlo Nieri, operaio Whirlpool, Siena
Laura Lenzini, operaia Whirlpool, Siena
Cristiano Bisogni, operaio Whirlpool, Siena
Fiorenzo Bertocchi, operaio, Segretario provinciale PRC Brescia.
Angelo Davoli,   autista Amt   Genova
Maurizio Nesci, ATM, Milano
Raffaele D’Angelo, ATM, Milano
Massimiliano Pedrarenetti, Impiegato ATM, Milano
Paolo Vittori, operaio in ATM, Milano
Vincenzo Signovello, operaio in ATM, Milano
Anna Maria Cariglia, ATM, Milano
Francesco Mariani, ATM, Milano
Gaetano Bellavia, ATM, Milano
Giancarlo Di Lairano, operaio in ATM, Milano
Salvatore Daniello, operaio in ATM, Milano
Giovanni Vezzoli, operaio in ATM, Milano
Oscar Gerosa, operaio in ATM, Milano
Davide Stoppini, impiegato in ATM, Merate (MI)
Alessandro Botton, operaio in ATM, Milano
Vincenzo Iovine, operaio in ATM, Brugherio (MI)
Gioacchino Terrasi, elettrauto in ATM, Pozzuolo Martesana (Milano)
Stefano Santinoli, impiegato in ATM, Voghera (PV)
Ruocco Gennaro, operaio in ATM, Milano
Andrea Manca, autista ATM, Milano
Monica Bassi, autista ATM, Milano
Stefano Norcini, infermiere, delegato RSU, promotore del Comitato Lavoratori Utenti Ospedale Meyer, Firenze
Emanuele Falsetti, operatore sociale, Coordinamento USB Appalti, Firenze
Barbieri Pietro, capotreno, Bergamo
Scalise Raffaele, macchinista Trenord, Bergamo
Alberto Bonavoglia, capostazione, Bergamo
Carissimi Serafino, ferroviere Trenord, Bergamo
Lorenzelli Vittorio, ferroviere Trenord, Bergamo
Corsini Giacomo, ferroviere, Bergamo
Piccoli Vera, capotreno, Bergamo
Ginocchi Loreto, macchinista, Bergamo
Spadafora Carmine, macchinista (LC)
Crisalli Antonino, capotreno, Bergamo
Caracciolo Domenico, capotreno, Bergamo
Not Federica, capotreno Milano- PG
Zema Luciano, capotreno Milano- PG 
Martino Domenico, ferroviere, Bergamo
Giuseppe Ceprano, ferroviere, Bergamo
Mendola Giuseppe, ferroviere, Bergamo
Antonio Panella, ferroviere, Bergamo
Nazzareno Condina, macchinista Trenord, Verdellino (BG)
Daniele Paparotto, capotreno, Bergamo
Franco Damele, ferroviere, Milano
Claudiano Borriello, ferroviere, Milano
Minelli Giuseppe, ferroviere, Brescia
Mora Roberto, contadino pensionato, Caravaggio
Pedrini Lorenza, pensionata, Bergamo
Pedrini Angiola, pensionata, Bergamo
Roberta Vavassori, commessa, Seriate
Geneletti Patrizia, insegnante, Bergamo
Luigi Carpentiero, medico, Medicina Democratica, sezione Pietro Mirabelli, Firenze.
Marco Spezia, ingegnere, esperto di sicurezza sul lavoro, La Spezia.
Claudia Mumoli, insegnante, COBAS scuola, Napoli
Stefano Moreno, operatore culturale, Napoli
Daniele Erasmo, VVD, USB, Napoli
Raffaele Mangiapili, VVD, USB, Napoli
Rochi Geneletti, macchinista TreNord, Bergamo
Giovanni Carlo Donati, pensionato, Spoleto
Michele Panico, disoccupato, Maggione (PG)
Sergio Bisiani, operatore sanitario, Cooperativa Sorriso sul Mare, Gaeta
Aldo Tosi, collaboratore scolastico, Perugia
Marco Nassini, medico, Bernareggio, Bergamo
Alberto Bocchini, progettista, Spoleto
Maria Soranidis, pedagogista, Spoleto
Paolo Patella,  disoccupato, militante NO TAV Val Susa
Valerio Colombardi, pensionato, militante NO TAV Val Susa
Ezio Richetto, pensionato, militante NO TAV Val Susa
Carmine Fungillo, ASIA, RSU CGIL Napoli
Canzio Visentin,  dipendente pubblico   Ravenna
Michele Venturoni, studente, Manerba del Garda (BS)
Samuel Magarotto, disoccupato, Gardone Riviera (BS)
Sacha Pino, disoccupata, Torino
Alessandro Scattolo, studente, Desenzano del Garda (BS)
Alessandra Zanini, dietista, Brescia
Guido Fissore, militante NO TAV Val Susa, ex consigliere comunale di Villar Focchiardo imputato nel maxi processo per i fatti del luglio 2011 a Chiomonte

Organismi
Casa Rossa, associazione politica, Spoleto
ALBAinformazione – per l’amicizia e la solidarietà tra i popoli
ANROS Italia, Napoli

Esponenti istituzionali
Amarylis Gutierrez Graffe, console della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli
Vincenzo Durante, Consigliere comunale Cassino

Artisti
Daniele Sepe, musicista, Napoli
Andrea Tartaglia, cantautore, Napoli
Enrico Capuano, cantante, Roma
Banda Bassotti, Roma
Bisca, gruppo musicale, Napoli
Oyoshe, cantante rap, Napoli
O’ ROM, gruppo musicale, Napoli
Roberto Colella, gruppo La Maschera, Napoli
Blindur, gruppo musicale, Napoli
Pietro De Luca Bossa, batterista dei Delucao, Napoli
Mario Insegna, musicista del Blue Staff, Roma
Musicisti Basso Lazio gruppo musicale Frosinone
Paolo Romano, cantante, Napoli
Malacrjanza Feat Tony Cercola (gruppo musicale, Napoli)
Marcello Coleman, cantante, Napoli
Antonio Cece, chitarrista Swunk Infusion, Napoli
Fernando Alfredo Cabrera, insegnante di tango, Napoli
Gennaro Minopoli, musicista, Napoli,
Massimo Pucci, musicista, Napoli
Francesco Coraggio, musicista, Napoli
Silvia Cannas, musicista, Napoli-Milano
Luca D’Apolito, musicista, Foggia
Vincenzo Salerno, musicista, Napoli
Vincenzo Di Martino, musicista, Napoli
Calatia Ensemble, gruppo di musica popolare, Caserta
Gianluca Di Bonito, cantautore operaio, Napoli
Pierpaolo Iermano, musicista, Napoli
KATAP, gruppo musicale, Napoli
SUDD, gruppo musicale, Napoli
Marco Piscopo, musicista, Napoli
Claudio Cimmino, musicista, Napoli
Collettivo Insorgenza Musica, Napoli
Pierpaolo Capovilla, Teatro degli Orrori e One dimensional man, cantautore, Roma,
Mario Romano, Quartieri Jazz, musicista, Napoli
Aldolà Chivalà, cantante, Napoli

 

 

Dalla crisi nessuno si salva da solo

Intervista a un operaio toscano

Nel suo intervento al IV Congresso, Roberto Rugi (operaio del Comitato degli iscritti FIOM alla CSO di Scandicci) ha illustrato un esempio di costruzione di un’organizzazione operaia in un’azienda capitalista. Nell’intervista che gli abbiamo fatto, ci siamo concentrati sull’azione che essa sta conducendo, insieme all’organizzazione operaia della GKN di Campi Bisenzio, fuori dalla fabbrica. [leggi]

Il nostro futuro marcia sulle gambe delle organizzazioni operaie e popolari o del M5S e degli emuli italiani di Syriza e di Podemos?

Un compagno ci ha consegnato a mano l’intervento che aveva preparato per il IV Congresso ma che alla fine ha deciso di non leggere. Lo pubblichiamo insieme  alla nostra risposta, perché le obiezioni che muove alla linea del Governo di Blocco Popolare (GBP) sono utili a chiarire i concetti e le proposte. Lo ringraziamo e invitiamo tutti coloro che hanno dei dubbi e delle riserve sulla linea del GBP che il P.CARC promuove a fare come lui: esporle apertamente e ad andare a fondo nelle argomentazioni.  [leggi]

 

Piattaforma dei lavoratori per un coordinamento nazionale del trasporto pubblico e mobilità

Mobilitazioni, scioperi, precettazioni, campagne mediatiche che criminalizzano il diritto di sciopero che “crea disagi” ai cittadini… i lavoratori del Trasporto Pubblico Locale (TPL) di Torino e di Genova si sono incontrati il 27 marzo scorso per lanciare una mobilitazione nazionale attorno a una piattaforma comune in sei punti che pubblichiamo qui di seguito.

Qualcuno si domanderà che cosa c’entra una piattaforma di lavoratori del TPL con il Governo di Blocco Popolare di cui il P.CARC promuove la costituzione. Il fatto è che, partendo dal diritto alla mobilità e dai diritti dei lavoratori,  arrivano a parlare apertamente della questione del governo del paese.

 

Trasporto pubblico e mobilità: 6 punti per unire chi dice NO a tagli e privatizzazioni – Apri Piattaforma Trasporti

 

 

Sito: www.carc.it

Strage di Suruç: solidarietà ai compagni della SGDF

Apprendiamo con dolore della morte di decine di compagni dell’SGDF, a causa di un attentato dinamitardo avvenuto il 20 luglio all’Amara Culture Center di Suruç dove si erano radunate diverse centinaia di attivisti per dare supporto e solidarietà alla resistenza delle masse popolari di Kobani in Siria.

Read More “Strage di Suruç: solidarietà ai compagni della SGDF”

Intervista a Josi della Ragione, nuovo sindaco di Bacoli

“Le Amministrazioni Locali di Emergenza sono amministrazioni locali (dispongono dei mezzi, delle risorse e dell’autorità conferitegli dagli ordinamenti, dalle leggi e dalle prassi vigenti)
– che nella loro attività pongono gli interessi delle masse popolari davanti alle direttive e alle imposizioni delle autorità centrali: disobbediscono alle direttive delle autorità centrali in ogni caso in cui contrastano con gli interessi delle masse popolari, si danno i mezzi per farlo con efficacia e non esitano ad affrontare le ritorsioni delle autorità centrali (commissariamento, denunce, ecc.);
– che mobilitano le masse popolari a organizzarsi, sostengono con i propri mezzi, risorse e autorità l’attività delle organizzazioni operaie e popolari, le incitano a coalizzarsi e a prendere iniziative che mirano a costituire il Governo di Blocco Popolare.
Si distinguono dalle vecchie amministrazioni perché mettono al centro del loro programma e della loro azione:
– la salvaguardia delle aziende e dei posti di lavoro esistenti e la creazione di nuovi posti di lavoro utili e dignitosi per migliorare le condizioni di vita delle masse popolari (abitazione, istruzione, assistenza, servizi pubblici, ecc.) e per tutelare l’ambiente, il territorio e il patrimonio pubblico;
– l’attuazione della più ampia trasparenza sul funzionamento dell’Amministrazione e la partecipazione delle masse popolari alla scelta e alla gestione delle attività economiche, politiche e sociali e del patrimonio e delle risorse pubbliche” – dalla Dichiarazione Generale approvata dal IV Congresso.

 

Intervista a Domenico Mazzella, Presidente del Consiglio Comunale, e Josi della Ragione, nuovo sindaco di Bacoli
Una coalizione di liste “dal basso”, una straordinaria vittoria elettorale, una grande partecipazione popolare: benché la costruzione di amministrazioni locali di emergenza non passa necessariamente dalle elezioni, nel contesto di disgregazione del teatrino della politica borghese anche le elezioni possono essere uno strumento.
 

 

Domenico, ti chiediamo una sintetica ricostruzione del percorso di coinvolgimento e organizzazione delle masse popolari che avete fatto con FreeBacoli per far fronte ai problemi di cui le istituzioni non si occupavano. Come si è costituita la vostra coalizione?
 
FreeBacoli nasce come associazione di controinformazione, in particolare di denuncia sulla questione ambientale a Bacoli. L’informazione è fondamentale nella costituzione della coscienza civica. All’inizio eravamo quattro o cinque, poi ci siamo rafforzati anche grazie al carisma di Josi, che è stato il nostro “leader” fin dall’inizio. La nostra attività oltre che di denuncia era anche di proposta, ma questa veniva ordinariamente ignorata dalle istituzioni, ma in un certo modo accolta dai cittadini [leggi tutto]
 

 

 

Da Resistenza n. 7/8 – 2015
La crisi della giunta Marino e le prospettive
Roma: un’Amministrazione Comunale di Emergenza per la capitale della Repubblica Pontificia
L’amministrazione comunale di Roma è diversa da tutte le altre. Per alcune caratteristiche è accomunabile a quelle di altre grandi città (Milano che è la capitale finanziaria del paese, Napoli che è la “capitale del sud”), ma in definitiva è unica per il ruolo che ricopre nel sistema della Repubblica Pontificia, di cui è capitale politica, sede del Vaticano e delle sue congregazioni e delle sue ambasciate, dei suoi traffici e intrighi. Per questo motivo l’amministrazione comunale di Roma è stravolta dalla combinazione di due fenomeni: la contraddizione fra governo centrale ed enti locali (che la accomuna a ogni altro ente locale del paese, grande e piccolo, nel dover resistere al taglio dei finanziamenti e alla trasformazione da ente di governo del territorio a esattore di tasse e imposte per conto del governo centrale) e la guerra per bande fra gruppi e fazioni che compongono i vertici della Repubblica Pontificia e che a Roma hanno base e specifici interessi. Fra i due fenomeni, questo secondo è il principale ed è quello che, contemporaneamente, fa di Roma e delle sue istituzioni uno dei centri del malaffare e della speculazione a livello nazionale e fa dell’Amministrazione di Roma un anello debole della Repubblica Pontificia [leggi tutto]
 

 

 
Resistenza n.7-8/2015
Il sommario
La Grecia insegna: darsi i mezzi per la propria politica Passare dalla difesa all’attacco, costruire il Governo di Blocco Popolare            
IV Congresso nazionale: gli interventi degli operai        
Dalla crisi nessuno si salva da solo. Intervista a un operaio toscano
Riflessioni a margine dei lavori congressuali. “Se non avessi tutti questi problemi, sarei dei vostri”
Dal saluto del (nuovo) PCI al IV Congresso nazionale    
Appello degli operai del porto di Napoli per un’assemblea popolare e nazionale            
Coordinamento, formazione, dibattito. Class Unions e festa operaia a Pontedera         
Appello per il coordinamento nazionale dei lavoratori del Trasporto Pubblico Locale    
L’USB ha firmato il Testo Unico sulla Rappresentanza. La lotta di classe è una guerra, chi avanza travolge chi si ferma              
Una Coalizione Sociale per promuovere l’organizzazione delle masse popolari
Cresce l’ingovernabilità del paese. I risultati delle elezioni regionali e amministrative   
Intervista a Domenico Mazzella, Presidente del Consiglio Comunale, e Josi della Ragione, nuovo sindaco di Bacoli              
L’emergenza immigrazione è propaganda di guerra: solo le organizzazioni operaie e popolari hanno la forza per imporre una soluzione dignitosa per tutti          
Grecia: la luna e il dito, il Referendum e i NO Euro         
Roma: un’Amministrazione Comunale di Emergenza per la capitale della Repubblica Pontificia               
Nasce la sezione di Pisa!             
Il rilancio della sezione di Quarto. Ricostruire una sezione su basi nuove            
Iniziativa a Spoleto sull’unità dei comunisti        
Lenin: Stato e rivoluzione. Un classico della letteratura comunista di grande attualità

 

 

Partito dei Comitati di Appoggio alla Resistenza – per il Comunismo (CARC)
Via Tanaro, 7 – 20128 Milano – Tel/Fax 02.26306454
e-mail: carc@riseup.net – sito: www.carc.it

 

Consumo di suolo: le classifiche in cui è meglio essere agli ultimi posti

Lo scorso 6 maggio a Milano è stata presentata la mappa italiana del consumo di suolo. Un rapporto tanto interessante quanto preoccupante: secondo i dati nazionali sono in diminuzione suolo agricolo, fasce costiere ma anche aree protette.

Read More “Consumo di suolo: le classifiche in cui è meglio essere agli ultimi posti”