Clamori dalla Colombia

Puoi donare il tuo 5 per 1000 alla Pace con Giustizia Sociale in Colombia: Nel riquadro indicato come "SOSTEGNO DEL VOLONTARIATO ..."  scrivi il codice fiscale di Nuova Colombia Onlus: 97710030152   		20/04 - PARAMILITARI ASSALTANO COMUNITA' DI PACE DI SAN JOSE' DE APARTADO' <http://www.nuovacolombia.net/Joomla/clamoridallacolombia/6482-2004-paramilitari-assaltano-comunita-di-pace-di-san-jose-de-apartado.html>;   Lo scorso 18 aprile la Comunità di Pace di San José de Apartadó è stata assaltata dal gruppo paramilitare delle (autoproclamatesi) “Autodifese Gaitaniste della Colombia”, che ha agito col chiaro intento di intimidire la popolazione e di far vedere di poter accedere ovunque, senza restrizione alcuna da parte delle forze armate e di polizia del regime.   Una preoccupante ondata di attività paramilitari scuote la Colombia, proprio quando, come rileva   l'analista Sergio de Zubiría, “vengono coniati molti termini strumentali per negare o sminuire l'orrore: bande criminali, semplice delinquenza comune, bande emergenti, etc”, utilizzati da un ampio settore dei mezzi di comunicazione che “in maniera più o meno consapevole ammortizzano la gravità del fenomeno”, negando implicitamente il ruolo controinsorgente e anti-sovversivo, l'influenza politica e/o territoriale, così come la struttura gerarchico-militare.  I dati statistici tuttavia chiariscono brutalmente la situazione reale nel paese: i gruppi paramilitari sfollano forzosamente dalle proprie terre ogni anno 300.000 colombiani, mentre 346 membri di organizzazioni sociali e popolari sono stati assassinati.  I paramilitari colombiani sono uno strumento dell'oligarchia volto a terrorizzare la popolazione civile secondo una precisa strategia ed una ben definita regia politica; nascondere questa verità, per inerzia intellettuale o più facilmente per tutelare gli interessi degli oligarchi che controllano i grandi media, vuol dire lavorare attivamente contro lo pace.   		10/04 - FARC PROPONGONO CHE SIMON TRINIDAD COORDINI LA CESSAZIONE DELL’USO DELLE ARMI <http://www.nuovacolombia.net/Joomla/clamoridallacolombia/6479-1004-farc-propongono-che-simon-trinidad-coordini-la-cessazione-delluso-delle-armi.html>;   Le FARC propongono che il comandante guerrigliero Simón Trinidad, prigioniero politico detenuto ingiustamente negli Stati Uniti, coordini la cessazione dell'uso delle armi qualora la guerriglia sottoscriva un trattato di Pace con il governo.   Dal novembre del 2012 le FARC hanno nominato Simón Trinidad membro della Delegazione di Pace, richiedendone la liberazione e l’arrivo all’Avana. Simón era stato prima estradato dal   narcomafioso Uribe e poi condannato in virtù di una montatura giudiziaria a 60 anni di prigione negli USA.  Secondo il Comandante Ricardo Téllez, membro del Segretariato dello Stato Maggiore Centrale delle FARC-EP, Simón è l'uomo che deve coordinare “la questione della ricollocazione delle armi e la vigilanza dei luoghi dove saranno custodite”.  Simón Trinidad si trova da 11 anni negli Stati Uniti, detenuto in regime di isolamento ed in condizioni disumane nella prigione di massima sicurezza “Florence Supermax”, nel Colorado, la “Guantanamo delle Montagne Rocciose”. E' tempo che gli Stati Uniti dimostrino il loro sbandierato “appoggio” ai Dialoghi di Pace, liberandolo e permettendogli di essere parte attiva nello svolgimento dei lavori del Tavolo dell'Avana.   		DICHIARAZIONE DI SOLIDARIETA' CON LA GIOVENTU' COMUNISTA DELLA COLOMBIA <http://www.nuovacolombia.net/Joomla/clamoridallacolombia/6478-dichiarazione-di-solidarieta-con-la-gioventu-comunista-della-colombia.html>;   	 <http://www.nuovacolombia.net/Joomla/clamoridallacolombia/6478-dichiarazione-di-solidarieta-con-la-gioventu-comunista-della-colombia.pdf>;  <http://www.nuovacolombia.net/Joomla/clamoridallacolombia/6478-dichiarazione-di-solidarieta-con-la-gioventu-comunista-della-colombia.html?tmpl=component&;print=1&page=>   Federazione Mondiale della Gioventù Democratica (WFDY)| wfdy   Traduzione da senzatregua.it   La Federazione Mondiale della Gioventù Democratica condanna la persecuzione e molestie contro dirigenti della Gioventù Comunista di Colombia (JUCO). Questa situazione è aumentata negli ultimi giorni, arrivando all'estrema conseguenza di deportare   da Città del Messico, senza una motivazione dichiarata, la compagna Cindy Luz Pérez, membro del Comitato Centrale della Gioventù Comunista di Colombia che avrebbe dovuto partecipare al IV Congresso della Gioventù Comunista del Messico.  In Colombia il mese di Marzo ha rappresentato un periodo di repressione, assassinii e persecuzioni contro dirigenti di organizzazioni politiche e movimenti sociali di sinistra, tutto ciò va nella direzione di contrastare i progressi che si stanno raggiungendo nel Processo degli Accordi di Pace. Ciò dimostra una franca violazione dei diritti umani così come l'impunità delle forze che eseguono questi atti repressivi.  Quanto successo alla compagna membro dell'Esecutivo Centrale della JUCO in Messico, che inoltre è stata anche vittima di una serie di molestie, interrogatori e offese alla sua integrità, dimostra come si è estesa la repressione al di fuori dei confini della Colombia evidenziando un complotto regionale contro i dirigenti giovanili delle organizzazioni progressiste e della sinistra colombiana.  La Federazione Mondiale della Gioventù Democratica condanna chi promuove la violazione dei diritti dei giovani e specificatamente la discriminazione e la persecuzione alla quale sono sottomessi i giovani di sinistra in Colombia.  Per una pace vera e il rispetto dei diritti dei giovani!