Roma, ‘Una discarica a Monte Mario tra un asilo nido e un condominio?’

“Anni di lettere e appelli, ma la proposta di riqualificazione dell’area nel Municipio XIV dall’ex direttore del San Filippo Neri non è stata mai approvata perché l’ospedale non voleva assumersi gli oneri di bonifica”.

 

 

UNA DISCARICA A MONTE MARIO TRA UN ASILO NIDO E UN CONDOMINIO

 

Le ‘EX-OFFICINE’ dell’ospedale SAN FILIPPO NERI

 

Le domande e l’appello dell’associazione CULTURAMO ai candidati Sindaco

Fassina, Giachetti, Marchini, Meloni, Raggi e Mini-sindaco Municipio XIV Barletta, Campagna, Modoni, e Pirandola

 

per “Le ex-Officine al servizio di tutti”

Comunicato Stampa –  Roma, 30 maggio 2016

 

Attrezzature mediche, sedie a rotelle, computer, macchinari ospedalieri … è lungo l’elenco di ‘reperti’ nei capannoni fatiscenti ed abbandonati delle EX-OFFICINE del SAN FILIPPO NERI a Monte Mario. Ed ancora …. Pezzi di marciapiedi, reti metalliche, barattoli di vernici e solventi emersi dal sottosuolo. Molti i rifiuti ancora non emersi, addirittura molti ipotizzano amianto. Il tutto a pochi passi da un asilo nido, dagli abitanti di Via Pier Paolo Pasolini e all’interno della Riserva Naturale Integrale dell’Insugherata.

<<NOI, ragazzi dell’associazione CULTURAMO – dichiara Daniele Giustozzi membro dell’associazione – denunciamo da anni alle istituzioni preposte il totale abbandono di quest’area ed abbiamo proposto un progetto di riqualifica con orti urbani, laboratori teatrali e una biblioteca civica, tutto gestito da giovani. Vogliamo riqualificare l’area-discarica e creare un luogo di incontro e scambio sociale per i cittadini>>.
 

Anni di lettere e appelli…. Ma la proposta di riqualificazione dell’area nel Municipio XIV dall’ex direttore del San Filippo Neri non è stata mai approvata perché l’ospedale non voleva assumersi gli oneri di bonifica. L’associazione ha deciso quindi di raccogliere le firme dei cittadini e, con queste, ha iniziato la ripida strada in salita di denunce scritte: l’ARPA non ha dato alcuna risposta, lo stesso ha fatto la Regione Lazio nonostante vari incontri.

5 mesi fa alcune ‘verifiche’ nelle ex-officine hanno portato alla luce tutto ciò che per oltre 30 anni il terreno, e chi lo gestiva, aveva ben nascosto. Ma emersi i rifiuti, improvvisamente tutto si fermato. L’area è stata ‘pietosamente’ coperta con dei teli. Non sappiamo da chi, e perché, siano stati fatti questi ‘pseudo’ scavi.

Il 24 febbraio scorso uno spiraglio: discussione sulle Ex Officine in Consiglio Municipale e delibera, approvata all’unanimità da tutti i partiti della Giunta, per l’impegno del Municipio a farsi carico della questione. Ma a distanza di due mesi, e dopo anni di lotte, non è cambiato nulla.

Ciò che è paradossale è che l’area ex-officine è dell’Ospedale San Filippo Neri, che ha lasciato che diventasse una discarica a cielo aperto, incurante dei possibili danni alla salute della popolazione. Dopo i contatti con l’ex Direttore Generale Sommella abbiamo scritto nel gennaio 2015 al Commissario Straordinario dell’Asl Rm1 Dr. Tanese per informarlo del progetto, ma ci è stato risposto, in una breve mail della sua segreteria, che il direttore non aveva interesse per la nostra proposta, poiché molto impegnato.

 

Noi i ragazzi dell’Associazione Culturamo facciamo un appello a tutti i candidati minisindaco del Municipio XIV ed ai candidati a sindaco di Roma, per il progetto a Monte Mario “Le ex-Officine al servizio di tutti”. Nonostante le belle promesse fatte da istituzioni e politica, il nostro Progetto è ancora fermo. E ancor più grave è la mancata bonifica dell’area.

L’associazione CULTURAMO vuole quindi sapere: chi ha il compito di intervenire? Chi sapeva dell’area usata come discarica a Monte Mario e non è intervenuto nonostante le nostre segnalazioni? E, soprattutto, sono presenti al suo interno materiali e ‘rifiuti speciali’ pericolosi per la salute dei cittadini e dei bambini dell’ asilo nido adiacente? Tutti noi aspettiamo risposte.

http://culturamo.it  —–  info@culturamo.it   Associazione Culturamo

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *