TTIP e CETA: il letame StopTTIP nelle mani del Ministro Calenda

Un barattolo di letame biologico Stop TTIP e Stop CETA consegnato al Ministro Carlo Calenda dalle mani dell’europarlamentare GUE Eleonora Forenza, della Campagna Stop TTIP Italia e di Real Shit, la startup che produce letame biologico di campagna per contadini di città.

 

TTIP e CETA: il letame StopTTIP nelle mani del Ministro Calenda

 

ministro calenda

Un barattolo di letame biologico Stop TTIP e Stop CETA consegnato al Ministro Carlo Calenda oggi in vista all’europarlamento dalle mani dell’europarlamentare GUE Eleonora Forenza, della Campagna Stop TTIP Italia e di Real Shit, la startup che produce letame biologico di campagna per contadini di città.

“La consegna del nostro regalo al Ministro” chiarisce Monica Di Sisto, portavoce della Campagna Stop TTIP Italia “vuole ancora una volta sottolineare come l’applicazione di trattati come CETA e TTIP potrà avere impatti molto negativi sulla nostra produzione agricola di piccola scala, buttando fuori mercato migliaia di piccoli produttori, disarticolando i mercati locali e col rischio di abbattere i nostri standard di qualità”.
“Noi di Real Shit crediamo in un’agricoltura piccola, sana, biologica e sostenibile” sottolinea Riccardo Mercati, cofondatore di Real Shit, “crediamo che sia fondamentale riscoprire un rapporto consapevole ed autentico con il cibo, crediamo che gli animali, nostri principali partner ed amici, vadano rispettati. Per questi motivi sosteniamo la battaglia contro TTIP e CETA”.
“La consegna del barattolo è per noi un gesto simbolico di un impegno concreto” aggiunge Eleonora Forenza, europarlamentare italiana del GUE, “che ha visto nell’europarlamento un lavoro costante nel tentativo di rendere pubblici i documenti e di bloccare le politiche insostenibili della Commissione Europea, troppe volte a vantaggio di pochi grandi gruppi economici”.

Per informazioni su Real Shit e su Stop TTIP Italia: https://stop-ttip-italia.net/16-settembre-anche-il-letame-diventa-stopttip/

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *