Netanyahu promette vendetta per ingresso Palestina nell’Interpol

In una nota di denuncia presentata all’inviato speciale degli Stati Uniti in Medio Oriente, Jason Greenblatt, e all’ambasciatore degli Stati Uniti nei territori palestinesi occupati, David Friedman, Netanyahu sostiene che un tale passo palestinese “viola gli accordi firmati con Israele” in passato.

 

Netanyahu promette vendetta per l’ingresso della Palestina nell’Interpol

Il primo ministro del regime israeliano Benyamin Netanyahu dopo l’ingresso della Palestina come Stato membro dell’ Interpol promette “risposte” a questa “violazione”.

Il premier del regime israeliano Benyamin Netanyahu non ha nascosto la sua furia per l’ennesimo riconoscimento globale dello Stato palestinese. Ieri l’Interpol ha approvato l’ingresso della Palestina come un altro membro di questo organismo.

“Le azioni dei leader palestinesi nei giorni scorsi minacciano seriamente le prospettive di pace … La lotta diplomatica palestinese non resterà senza risposta”, ha dichiarato Netanyahu .

In una nota di denuncia presentata all’inviato speciale degli Stati Uniti in Medio Oriente, Jason Greenblatt, e all’ambasciatore degli Stati Uniti nei territori palestinesi occupati, David Friedman, Netanyahu sostiene che un tale passo palestinese “viola gli accordi firmati con Israele” in passato.

Nel frattempo, l’Autorità Nazionale Palestinese (Anp) ha celebrato il successo della sua “intifada diplomatica” che l’ha portata ad entrare nell’Interpol con 75 voti a favore, 24 contrari e 35 astensioni.

“È una vittoria per la nostra gente”, ha affermato il ministro degli Esteri palestinese Riad al-Maliki.

Secondo Al-Maliki, la Palestina è disposta ad adempiere ai propri obblighi e responsabilità come membro della comunità internazionale e continuerà a cercare di aumentare il proprio status e ruolo.

Dopo aver denunciato i “tentativi di manipolazione cinica e di intimidazione politica” di Israele e degli Stati Uniti. nei giorni scorsi per impedire l’ingresso della Palestina nell’Interpol, il leader palestinese ha sottolineato che questo organismo internazionale di sicurezza non sarà l’ultima organizzazione dove i palestinesi aspirano ad entrare.

“La Palestina continuerà ad aspirare a elevare la sua posizione e la sua funzione a livello internazionale difendendo i diritti palestinesi con tutti i mezzi diplomatici e giudiziari a nostra disposizione”, ha concluso.

L’adesione della Palestina all’Interpol si somma a quella nell’UNESCO nel 2011, alla Corte penale internazionale (CPI) nel 2015, e al riconoscimento come Stato osservatore presso l’Organizzazione delle Nazioni Unite nel 2012.

Fonte: The Times of Israele – Hispantv

Notizia del: 28/09/2017

da: www.lantidiplomatico.it
 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.