“L’anno che verrà”

Un capitalismo ridotto a una logica insensata sembra non avere nessun altro mezzo a cui ricorrere se non la rapina continua e la barbara distruzione