[Cesena] Proiezione “La guerra sporca di Mussolini”

Le atrocità del fascismo che la Repubblica “antifascista” non ama raccontare… «So che a casa vostra siete dei buoni padri di famiglia, ma qui voi non sarete mai abbastanza ladri, assassini e stupratori» (Benito Mussolini ai soldati della Seconda Armata in Dalmazia, 1943). Martedì 17 Aprile ore 21.00 a Cesena presso il Circolo Magazzino Parallelo (Via Genova 70) Proiezione del documentario: “La guerra sporca di Mussolini”.

 

Titolo inglese: Mussolini’s Dirty War 
Anno: 2008 
Durata: 52′ 
Regista: Giovanni Donfrancesco
Producer: Gioia Avvantaggiato
Società di produzione: GA&A Productions srl

Sinossi:
16 febbraio 1943. L’esercito italiano massacra 150 contadini inermi a Domenikon, un villaggio alle pendici del monte Olimpo, in Grecia. Più di sessant’anni dopo, Stathis Psomiadis cerca di ricostruire la storia della strage in cui perse la vita suo nonno e ottenere giustizia. Le ricerche della professoressa Santarelli, della New York University, svelano come quello di Domenikon sia stato soltanto il primo di una lunga catena di massacri. Attraverso una vicenda apparentemente locale, il documentario apre uno squarcio su una inedita e ampia strategia di guerra ai civili, che il fascismo italiano ha condotto durante le sue guerre di espansione, non solo in Grecia ma anche in Jugoslavia e nelle colonie d’Africa. Dalla fine degli anni Venti alla caduta di Mussolini, l’esercito italiano deporta, tortura e assassina decine di migliaia di civili. Degli oltre 1500 Italiani denunciati alla Commissione delle Nazioni Unite per i Crimini di Guerra, nessuno verrà mai estradato e condannato. Stati Uniti e Gran Bretagna, muovendosi ormai nella prospettiva della Guerra Fredda, caldeggiano l’insabbiamento dei processi.

Perchè la Repubblica “antifascista” continua ad occultare le atrocità del fascismo italiano sui popolo aggrediti?

L’impressione è che non si voglia procedere ad un superamento definitivo del mito degli “italiani brava gente” per finalità diverse dal passato, ma sempre connesse al ruolo internazionale dell’Italia. Dal 1991 (prima guerra all’Iraq) ad oggi, si sono moltiplicate le imprese militari in cui è coinvolto il nostro paese, uno dei più presenti, con i suoi soldati, nei cosiddetti “scenari di crisi”. 
Questa politica estera, sostanzialmente aggressiva, ha trovato il consenso di larga parte del quadro politico, dalla destra alla sinistra ufficiale. A determinarla, è senz’altro il vincolo che lega l’Italia all’Alleanza Atlantica ed al blocco dei paesi occidentali in generale. Ma non solo. Sarebbe errato trascurare la spinta che, in questa direzione, viene data da rilevanti settori del capitalismo italiano, interessati a partecipare alla spartizione delle risorse dei paesi occupati militarmente. 
Ora, su queste vicende in Italia non vi è né un’adeguata informazione né un serio dibattito pubblico. Questi elementi vengono deliberatamente ignorati dai principali media, interessati a dipingere le missioni militari all’estero come operazioni umanitarie, sostanzialmente inoffensive e dedite ad assistere le popolazioni locali. 
E’ evidente: se in questo paese vi fosse stato un dibattito reale sulle guerre del passato, se i crimini commessi in altre fasi storiche avessero un maggiore posto nella coscie nza collettiva, un’opera di mistificazione come l’attuale sarebbe senz’altro più difficile. 
E’ per questo che l’ormai imponente documentazione prodotta in questi anni su pagine storiche ingloriose continua ad avere poco spazio sui media. Il nostro compito, dunque, è quello di creare sempre maggiori occasioni di discussione attorno a documentari come quello realizzato da Donfrancesco. Nella consapevolezza che non si tratta solo di un atto dovuto nei confronti delle popolazioni aggredite in passato, ma anche di un contributo alla discussione sulla politica estera portata avanti in questa fase storica. Perché giorno dopo giorno ci appaiono sempre più evidenti le consonanze fra la retorica odierna sui soldati italiani “difensori della libertà” e quella passata che li dipingeva come “portatori di civiltà” . Il fine ultimo è quello di rilegittimare la guerra interna ed esterna, sopratutto fra le giova ni generazioni, perchè è ritornata ad essere una opzione , non più tanto remota, come strumento di risoluzione della crisi strutturale del capitalismo.

Assemblea antifascista Cesena

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.