La campagna per l’asilo chiede abbandono accordo UE e Turchia

La risoluzione dei problemi che affliggono i rifugiati e hanno un impatto negativo sulle comunità locali non consiste in mezze misure per ridurre il loro numero o migliorare temporaneamente le loro condizioni di vita e nemmeno nella criminalizzazione della solidarietà verso di essi.

 

La campagna per l’asilo chiede l’abbandono dell’accordo tra Unione Europea e Turchia

Moria, isola di Lesbo (Foto di Aggelos Barai)

Visto l’intensificarsi dei problemi nelle isole dell’Egeo orientale, per quanto riguarda le condizioni inumane di vita dei rifugiati e l’allarmante aumento degli incidenti di razzismo e intolleranza dovuti all’applicazione dell’accordo tra Unione Europea e Turchia, ribadiamo la nostra posizione:

Il modo di trattare i problemi che i rifugiati devono affrontare, trasformandoli in vittime e ostaggi della politica preventiva applicata dagli Stati dell’Unione Europea e la continua tendenza a eliminare la loro presenza ai margini e fuori dalle frontiere europee non si possono risolvere se non con:

  • L’abbandono dell’accordo tra UE e Turchia e soprattutto la fine delle detenzioni interminabili dei rifugiati, causa di tutti i problemi osservati negli ultimi anni.
  • Il ritorno della vita e della dignità delle persone al centro della pianificazione politica, in contrapposizione all’attuale politica preventiva e alla degradazione del valore umano.
  • La pianificazione strategica per l’integrazione senza problemi dei rifugiati in tutto il territorio greco, promuovendo la coesistenza con le comunità locali invece di renderla più difficile, come fa l’attuale politica di prevenzione e di creazione di ghetti in campi distanti sulla terraferma.

La risoluzione dei problemi che affliggono i rifugiati e hanno un impatto negativo sulle comunità locali non consiste in mezze misure per ridurre il loro numero o migliorare temporaneamente le loro condizioni di vita e nemmeno nella criminalizzazione della solidarietà verso di essi. La situazione va affrontata abbandonando l’accordo tra UE e Turchia, che rappresenta la causa principale del blocco dei rifugiati nelle isole e dei problemi a esso collegati.

Organizzazioni firmatarie:

AITIMA http://www.aitima.gr

ARSIS – Associazione di Appoggio Sociale alla Gioventù http://www.arsis.gr

Rete di Appoggio Sociale a Rifugiati e Migranti http://migrant.diktio.org

Consiglio Greco per i Rifugiati http://www.gcr.gr

Forum Greco dei Rifugiati http://refugees.gr

Greek Helsinki Monitor https://greekhelsinki.wordpress.com

Iniziativa per i diritti dei detenuti http://www.tokeli.gr

“LATHRA?” Comitato di Solidarietà con i rifugiati di Chios http://www.lathra.gr

Avvocati per i diritti di rifugiati e migranti http://www.omadadikigorwn.blogspot.com

PRAKSIS http://www.praksis.gr

Refugees Support Aegean http://rsaegean.org

Mondo senza Guerre e senza Violenza, Grecia http://www.kosmosxorispolemous.gr

26.10.2018 Pressenza Athens

Quest’articolo è disponibile anche in: Spagnolo, Francese, Greco

 


L’incoerenza della manovra economica dell’Italia

Posted: 26 Oct 2018 12:31 PM PDT

Siamo incoerenti. A questa conclusione si arriva inevitabilmente leggendo la lettera che il 18 ottobre scorso la Commissione Europea ha inviato al Ministro dell’Economia e delle Finanze dell’Italia, chiedendo spiegazioni sulla manovra economica per il 2019 presentata pochi giorni prima. Ecco il passaggio più significativo della missiva europea: «stiamo scrivendo per consultarvi sui motivi per […]

Rocco Artifoni

Europa: Cambiare i Trattati dell’Unione

Posted: 26 Oct 2018 04:32 AM PDT

trattato_lisbona«Vogliamo che i trattati fondativi della UE siano riscritti su basi completamente diverse, per garantire l’esercizio della sovranità popolare, che include come uno degli elementi prioritari la sovranità monetaria», lo sostengono in molti. Oggi, infatti, l’UE è evidentemente governata da «organismi non democratici e palesemente strumento degli interessi della finanza internazionale». E’ questo è quel […]

Natale Salvo

Il 27 ottobre 1962 Vassili Arkhipov salvò il mondo dall’olocausto nucleare, 21 anni prima di Stanislav Petrov

Posted: 26 Oct 2018 04:10 AM PDT

Accade che certi personaggi vengano elevati ad “icone” di imprese memorabili nella storia dell’umanità, ma a volte questo porta a delle semplificazioni, in particolare a dimenticare altri personaggi che non sono stati meno importanti e significativi: ristabilire un’equità storica è importante non solo per riconoscere la presenza di altri meriti, ma anche perché dimostra che […]

Angelo Baracca

Immigrazione, la verità in numeri

Posted: 26 Oct 2018 03:51 AM PDT

Il Centro Studi e Ricerche IDOS, in partenariato con il centro studi Confronti e con la collaborazione dell’Unar, l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, ha redatto quest’anno, grazie al sostegno dei fondi Otto per Mille della Tavola Valdese, il Dossier Statistico Immigrazione 2018, presentato il 25 ottobre in varie città d’Italia. Il Centro Studi e Ricerche IDOS […]

Redazione Italia

Affrontare i tempi dell’odio – Brianza Rise Up

Posted: 26 Oct 2018 03:31 AM PDT

Sabato 27 ottobre 2018 dalle 9,30  Arci Scuotivento Monza Via Monte Grappa 4B, Monza Organizzato da BRIANZA ANTIFASCISTA E ANTIRAZZISTA Un convegno per fare luce sul clima di odio e intolleranza del nostro tempo, per darci gli strumenti per combattere ogni giorno i nuovi fascismi e per confrontarci sulle pratiche di lotta quotidiana e resistenza. ore […]

Redazione Italia

Lettera alla Rai sulla mancata messa in onda del reportage sui migranti in Grecia e Bosnia

Posted: 26 Oct 2018 01:54 AM PDT

Il testo della lettera inviata dalle associazioni aderenti a “Carta di Roma” all’attenzione dell’Amministratore delegato della Rai Fabrizio Salini e alla Direttrice del Tg2 Ida Colucci sulla mancata messa in onda del reportage sui migranti in Grecia e Bosnia. Alla c.a. dell’Amministratore delegato della Rai dott. Fabrizio Salini Alla c.a. della Direttrice del Tg2 dott.ssa Ida […]

Amnesty International

Una protesta e un sogno dal liceo Mamiani occupato

Posted: 26 Oct 2018 01:37 AM PDT

Oggi noi studenti del Liceo Mamiani abbiamo deciso di lanciare una protesta. Un appello allo Stato, ai cittadini e soprattutto a noi studenti che da anni chiediamo un cambiamento nella politica italiana. Un cambiamento ben diverso da quello proposto dall’attuale governo. Siamo convinti che la chiusura dei porti sia l’emblema di una linea politica superficiale, […]

Redazione Italia

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.