Annual Report WAS 2018: la fotografia italiana dell’industria dei rifiuti

Termovalorizzatori sì o no? E gli impianti di trattamento dei rifiuti per sviluppare l’economia circolare, quali e quanti ne servono davvero? In realtà il problema è più ampio: in Italia manca, e da molto tempo, una visione strategica che definisca un piano di azione concreto e risolutivo.

 

Annual Report WAS 2018: la fotografia italiana dell’industria dei rifiuti

Annual Report WAS 2018: la fotografia italiana dell’industria dei rifiuti
(Foto di wikipedia.org)

Termovalorizzatori sì o no? Manca una visione strategica e si agisce solo sull’emergenza: Althesys presenta l’Annual Report WAS 2018 dei rifiuti

Termovalorizzatori sì o no? E gli impianti di trattamento dei rifiuti per sviluppare l’economia circolare, quali e quanti ne servono davvero? In realtà il problema è più ampio: in Italia manca, e da molto tempo, una visione strategica che definisca un piano di azione concreto e risolutivo. Il rapporto WAS 2018 – che riporta l’analisi del settore del waste management nel nostro Paese – denuncia un grave gap infrastrutturale che investe tutta la filiera del trattamento e del riciclo dei rifiuti. E mentre si avvia a partire la regolazione indipendente dell’Arera, le aziende si scontrano con la difficoltà di fare investimenti a causa di un quadro normativo complesso e che di fatto blocca l’innovazione e, paradossalmente, proprio la crescita dell’economia circolare.

È quanto emerge dal Rapporto WAS 2018 “Il waste management tra industria e policy, la sfida della regolazione” che come ogni anno scatta una fotografia puntuale del settore della gestione dei rifiuti urbani, mappando gli investimenti e le operazioni straordinarie per tracciare i trend strategici prevalenti. È stato presentato oggi a Roma all’Auditorium Vittorio Veneto alla presenza dei vertici delle maggiori aziende del settore e i principali interlocutori istituzionali che si sono confrontati sui profili industriali e sulle politiche nazionali. Dopo l’introduzione dell’AD di Althesys, Alessandro Marangoni che ha illustrato i trend del settore industriale del waste management, sono intervenuti tra gli altri Stefano Besseghini, presidente dell’Autorità per l’energia, i rifiuti e l’acqua-Arera; Giovanni Vivarelli, di Acea Ambiente; Andrea Ramonda, Ad HERAmbiente; Massimo Centemero, presidente del Consorzio Italiano Compostatori; Chicco Testa, presidente di Fise-Assoambiente; Filippo Brandolini, vicepresidente di Utilitalia; la senatrice Paola Nugnes.

Anche per l’economia circolare servono impianti.

“Sviluppare la raccolta differenziata e il riciclo è basilare” spiega Alessandro Marangoni, “ma serve ragionare sull’intera filiera del waste management. Raccolti materiali riciclabili e rifiuti organici servono gli impianti per trattarli e valorizzarli. Servono anche termovalorizzatori per recuperare energia dai rifiuti non recuperabili altrimenti, distribuiti in modo coerente con i fabbisogni sul territorio in modo da limitare gli impatti ambientali, sia dello smaltimento in discarica, o peggio illegale, sia del trasporto dei rifiuti su lunghe distanze. Serve, insomma, quella pianificazione strategica che è sempre mancata nel nostro Paese”.

Tra i più necessari, gli impianti per trattare la frazione umida, sia per produrre compost che biometano. Nel caso in cui, pur centrando gli obiettivi europei del 65% di riciclo dei rifiuti urbani al 2030 il Paese non riesca a ridurre la produzione procapite, occorreranno – secondo i calcoli del WAS – 56 nuovi impianti di trattamento dei rifiuti organici. Se invece l’intera Italia arrivasse agli standard attuali di riduzione dei rifiuti del Veneto (molta raccolta differenziata e bassa produzione procapite) ci sarebbe comunque bisogno di nuovi impianti di compostaggio, circa 16.
In tutti e due i casi, la raccolta differenziata e il riciclo spinti abbasserebbero il fabbisogno nazionale di inceneritori. Che possono invece essere necessari in regioni, come la Sicilia, dove oggi mancano totalmente. Infatti, sempre proiettando i calcoli degli impianti necessari al 2030, nello scenario a bassa produzione di rifiuti, l’isola per essere autonoma avrebbe bisogno di capacità per oltre 1 milione di ton.
La situazione diventa più critica nello scenario “alta produzione” di rifiuti, dove gli impianti delle regioni del Nord non sono sufficienti a coprire i deficit di Centro e Sud, con un fabbisogno totale di nuova capacità per 260.000 ton. Anche in Sardegna aumenta il deficit (34.000 ton), mentre è ancora più critica la situazione siciliana (1,1 milioni di ton).

Il rapporto WAS 2018.
Nel suo complesso l’analisi 2018 dell’industria italiana della gestione dei rifiuti evidenzia come il settore stia attraversando una fase di profonda trasformazione giungendo a uno snodo cruciale per il suo sviluppo: da una parte si registra un positivo sviluppo verso la circular economy e dall’altra il comparto è in attesa di confrontarsi con la nuova regolazione.

Il report delinea dunque lo scenario competitivo, analizzando i 238 maggiori player attivi nel comparto della raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti urbani e in quello della selezione e valorizzazione dei materiali. Nel complesso, un settore con 11 miliardi di euro di valore delle produzioni, con operatori che spaziano dalle grandi multiutility quotate alle piccole-medie imprese locali e familiari, il cui operato vede un incremento del 3% delle tonnellate di rifiuti raccolte rispetto al 2016 e una percentuale di raccolta differenziata cresciuta, passando dal 53,4% al 56,6%.

Tuttavia a fronte del dinamismo delle maggiori aziende e dell’evoluzione verso la circular economy, l’ultimo anno ha visto un sostanziale immobilismo delle policy nazionali. Sul piano industriale il panorama è articolato, caratterizzato dal consolidamento dei top player, ma anche dal persistere della frammentazione e da varie gestioni locali fragili e di corto respiro.

“Lo sviluppo dell’economia circolare”, conclude Alessandro Marangoni AD di Althesys,  “cambierà sempre più la fisionomia dei mercati, che diventeranno sempre più interconnessi, integrati, e globalizzati. La crescita delle materie prime seconde, l’ingresso di attori esterni al settore ambientale, il progresso tecnologico renderanno sempre più arduo definire i confini e gli scenari futuri. La trasformazione dell’industria del waste management sta accelerando e il settore sarà nei prossimi anni molto diverso da come lo conosciamo oggi. Serve dunque un salto in avanti anche dei policy maker italiani per disegnare una vera politica industriale.

A QUESTO LINK LA SINTESI DEL RAPPORTO

Ufficio stampa WAS Strategy

21.11.2018 – Redazione Italia

 


Messico, Fontanini (ONU): offerti a migranti lavoro e solidarietà

Posted: 21 Nov 2018 09:52 AM PST

“Il Servizio per l’impiego del Messico ha messo a disposizione 10mila posti di lavoro temporanei per rifugiati, migranti e stranieri residenti. I posti sono disponibili in tutto il Paese, e in particolare nelle città attrversate dalla carovana. E’ un modo concreto per rispondere all’arrivo della carovana, per aiutare persone che non possono tornare indietro e […]

Agenzia DIRE

DL fisco: presentati emendamenti che mettono in vendita le spiagge italiane

Posted: 21 Nov 2018 09:32 AM PST

“Nel decreto fiscale in discussione presso la Commissione Finanze del Senato sono stati presentati emendamenti che prevedono la vendita delle spiagge italiane. Sono gli emendamenti n.25.0.302 del senatore Martelli eletto nel M5S ed oggi nel gruppo misto e il n. 25.0.370 del senatore Mallegni, Gasparri di Forza Italia.” Lo denuncia Angelo Bonelli dei Verdi che […]

Redazione Italia

Ddl Pillon, 5 buoni motivi per fermarlo: l’infografica di Pasionaria utile alla mobilitazione sull’affido condiviso

Posted: 21 Nov 2018 09:20 AM PST

L’infografica del progetto Pasionaria.it, un progetto femminista che si occupa di divulgazione e informazione, in cui si riassumono i 5 principali motivi per cui vale la pena partecipare alla mobilitazione #NoPillon indetta da D.i.Re. (Donne in Rete contro la violenza) e promossa dalla rete femminista Non Una di Meno in ogni parte d’Italia. Fonte Pasionaria: […]

Per Un Altra Citta

Perché ‘buoni pianeti sono difficili da trovare’, Extinction Rebellion blocca i ponti di Londra per salvare la madre terra

Posted: 21 Nov 2018 08:29 AM PST

Il giorno della rivolta porta ad arresti di massa nel Regno Unito, in quanto i partecipanti alla protesta sostengono che troppi ancora non “riconoscono la gravità della nostra crisi esistenziale” e quasi nessuno sta facendo abbastanza per porre fine allo sfortunato assalto dell’umanità sui sistemi viventi del pianeta. da Jon Queally, staff  di Common Dreams […]

Pressenza London

Roma, occupato anche il liceo Tasso

Posted: 21 Nov 2018 08:16 AM PST

Pubblichiamo qui di seguito il comunicato diffuso dagli studenti del liceo Tasso di Roma. Oggi, 20 novembre, un gruppo di studenti e studentesse del liceo Torquato Tasso di Roma, in seguito ad una votazione svoltasi in una seduta del Collettivo Politico Tasso, ha deciso a maggioranza di voti di occupare la scuola. Dopo numerosi e […]

Redazione Italia

Maldive: riconosciuto innocente dopo oltre tre anni di carcere duro

Posted: 21 Nov 2018 08:08 AM PST

Un primo positivo segnale del recente cambiamento politico nelle isole Maldive è il rilascio, avvenuto il 21 novembre perché “estraneo ai fatti addebitatigli”, di Lahiru Madhushanka, un cittadino dello Sri Lanka che ha trascorso tre anni d’inferno in un carcere dell’arcipelago. Per 37 mesi, dal 25 ottobre 2015, la giustizia maldiviana ha ritenuto questo ignaro […]

Riccardo Noury

Il reddito di base nelle elezioni europee del 2019. Conferenza a Budapest, 23 novembre 2018

Posted: 21 Nov 2018 05:59 AM PST

Con le elezioni europee del maggio 2019 all’orizzonte, le reti europee per il reddito di base unite sotto la siglia (UBIE) si riuniscono a Budapest in Ungheria il 28 novembre 2018. Vi è la necessità di riunire le idee per un nuovo contratto sociale europeo, che vincoli paesi e cittadini alla solidarietà, preservando al tempo […]

Sandro Gobetti

Maso Notarianni: “Tutti possono salire a bordo di Mediterranea Saving Humans”

Posted: 21 Nov 2018 04:36 AM PST

Politiche migratorie, disubbidienza civile, azioni concrete di solidarietà. Ne parliamo con Maso Notarianni, giornalista, dirigente Arci e membro di Mediterranea Saving Humans. Da dove e quando nasce l’idea di lanciare il progetto “Mediterranea Saving Humans”? L’idea girava nella testa di tanti da tanto tempo. La cacciata delle Ong dal Mediterraneo ha accelerato i tempi e […]

Anna Polo

Genome editing: quando si preferisce il dubbio alla precauzione

Posted: 21 Nov 2018 04:15 AM PST

In questi giorni a Sharm El Sheikh (è in corso Conferenza delle Parti della Convenzione sulla Biodiversità, n.d.r.) si stanno snocciolando molte questioni che i Governi non hanno voluto discutere in altri spazi internazionali decisionali così da avere la possibilità di trattarli in fori più esclusivi per i Governi e per i loro interessi. La […]

Centro Internazionale Crocevia

Domenico Lucano: “Giustizia e umanità al potere”

Posted: 21 Nov 2018 12:57 AM PST

Senza uguaglianza sociale non ci può essere giustizia, soprattutto degli ultimi, di quelli che nell’immaginario collettivo rappresentano gli zero, il sogno del riscatto proletario di migliaia di essere umani in fuga dalle guerre e dalle miserie, che hanno come unica alternativa alla loro sopravvivenza quella di intraprendere i viaggi della speranza, che spesso diventano i […]

Redazione Italia

Preoccupa la nuova accusa alla nave Aquarius

Posted: 20 Nov 2018 01:17 PM PST

La Procura di Catania, ancora per iniziativa di Carmelo Zuccaro, diventato famoso per le sue iniziative contro le ONG che salvano migranti nel Mediterraneo, ha aperto un’inchiesta sul possibile smaltimento di rifiuti potenzialmente tossici in numerosi porti del Mediterraneo. Quest’accusa, a dir poco curiosa, ha portato al sequestro della nave Aquarius di Medici Senza Frontiere. […]

Redazione Italia

Formazione, alfabetizzazione, agricoltura: così si crea lavoro in Senegal

Posted: 20 Nov 2018 12:35 PM PST

I risultati del progetto #Crea finanziato dal ministero dell’Interno presentati nel convegno conclusivo a Dakar con istituzioni, esperti e autorità locali DAKAR – Ragazzi e ragazze che dopo sette mesi di studio adesso sanno leggere, scrivere e far di conto. Donne accompagnate in un percorso di emancipazione grazie a corsi di formazione sulle tecniche agricole, […]

Redazione Italia

Cile: ONU chiede inchiesta per uccisione giovane mapuche

Posted: 20 Nov 2018 10:22 AM PST

L’Alto commissariato per le Nazioni Unite per i diritti umani fa pressioni sul governo del Cile, chiedendo alla magistratura un’inchiesta sulla morte del giovane di 24 anni della comunità mapuche ucciso da un agente di polizia in circostanze da chiarire. L’agenzia Onu, in una nota diffusa via social, ha anche assicurato che continuerà a monitorare […]

Agenzia DIRE

Manifestazione nazionale di Non Una Di Meno contro la violenza di genere e le politiche patriarcali e razziste del governo

Posted: 20 Nov 2018 10:08 AM PST

Sabato 24 novembre 2018 Roma h.14 piazza della Repubblica Siamo la marea femminista che in Italia e nel mondo ha levato il suo grido globale contro la violenza maschile, di genere e razzista e contro i governi che la legittimano. Da più di due anni siamo nelle piazze e nelle strade a ribadire che i […]

Redazione Italia

Giubbetti gialli un monito anche per noi

Posted: 20 Nov 2018 09:45 AM PST

I ceti bassi sono stufi di pagare per quelli alti: questo è il messaggio centrale della rivolta dei giubbetti gialli ed è un avvertimento per tutta l’Europa perché ovunque si perseguono politiche fiscali a vantaggio dei ricchi contro i poveri. In Francia la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato l’aumento del prezzo […]

Francesco Gesualdi

Referendum sull’acqua a Brescia, un successo dei cittadini

Posted: 20 Nov 2018 09:33 AM PST

Lo spoglio delle schede della campagna Referendaria per l’Acqua Pubblica ha sancito la vittoria dei cittadini nei confronti dell’ignavia dei partiti politici. 208.000 cittadini si sono recati alle urne per ribadire con forza la loro contrarietà ad una gestione privata del servizio idrico privato. Il partito dell’acqua può contare su un serbatoio di voti significativo […]

Redazione Italia

Razzismi, odio online e forme di cyberstupidity. Come contrastarli in un libro di Stefano Pasta

Posted: 20 Nov 2018 09:11 AM PST

Odio online, razzismi 2.0, hate speech e ostilità verso l’altro: la diffusione di azioni e linguaggi violenti nel Web preoccupa chi cerca risposte educative. Non si tratta di fenomeni nuovi, ma l’ambiente digitale fa acquisire caratteristiche specifiche e particolari. Emerge una novità: online diventa molto più labile la separazione tra razzismi espliciti e latenti, teorizzata […]

Redazione Italia

Landmine Monitor: nel 2017 673 milioni per lo sminamento, è il record ma non basta

Posted: 20 Nov 2018 07:21 AM PST

Record nei fondi stanziati per lo sminamento a livello globale, oltre 673 milioni lo scorso anno: a certificarlo è il Landmine Monitor 2018, rapporto presentato oggi a Ginevra che conferma però la necessità di un impegno maggiore, in particolare nell’assistenza alle vittime. Secondo lo studio, realizzato dall’International Campaign to Ban Landimines (Icbl), rete insignita del […]

Agenzia DIRE

Associazioni e ONG denunciano l’astensione dell’Italia durante l’adozione della Dichiarazione sui Diritti dei contadini all’ONU: ennesima occasione persa in tema di diritti e agricoltura

Posted: 20 Nov 2018 07:20 AM PST

Comunicato stampa di Centro Internazionale Crocevia   Associazioni e ONG denunciano l’astensione dell’Italia durante l’adozione della Dichiarazione sui Diritti dei contadini all’ONU: ennesima occasione persa in tema di diritti e agricoltura Ieri, lunedì 19 novembre 2018, rimarrà una giornata storica per i diritti dei contadini. Dopo la lunga battaglia durata più di un decennio cui […]

Centro Internazionale Crocevia

Dopo le dichiarazioni di Bolsonaro Cuba ritira la sua partecipazione al programma brasiliano “Más Médicos”

Posted: 20 Nov 2018 06:54 AM PST

Comunicato ufficiale del Ministero della Salute della Repubblica di Cuba Il Ministero della Salute Pubblica della Repubblica di Cuba, fermo nei principi solidali e umanisti che da 55 anni guidano la cooperazione medica cubana, partecipa dal suo inizio nell’agosto 2013 al Programma Más Médicos per il Brasile. L’iniziativa di Dilma Rousseff, allora presidente della Repubblica […]

Redacción Cuba

Irruzione delle forze armate libiche sulla nave Nivin

Posted: 20 Nov 2018 06:02 AM PST

“Dalla #Nivin arrivano notizie drammatiche” denuncia la pagina Facebook di Mediterranea Saving Humans. La nave è rimasta bloccata per giorni al porto di Misurata con a bordo oltre settanta profughi provenienti da Eritrea e Sudan, che si rifiutavano di sbarcare in Libia per timore di vendette e violenze. La Ong aveva chiesto ripetutamente di organizzare l’evacuazione dei […]

Redazione Italia

Messico: invito alle celebrazioni per il 25° Anniversario zapatista

Posted: 20 Nov 2018 04:18 AM PST

Vieni con noi a fine anno nelle comunità zapatiste dal 26 dicembre 2018 a gennaio 2019. * Dal 26 al 30 dicembre Incontro di Reti di Resistenza e Ribellione, di appoggio al CIG, che si realizzerà al Centro “Huellas de Memoria. Subcomandante Insurgente Pedro cumplió”, (nelle terre recuperate vicino a Guadalupe Tepeyac, MAREZ San Pedro […]

Cooperazione Rebelde Napoli

Mercoledì 21 il Parlamento Europeo discute la denuncia WFTU sulle gravissime condizioni dei braccianti nel Ghetto di Rignano

Posted: 20 Nov 2018 03:59 AM PST

Il prossimo 21 novembre il Parlamento Europeo discuterà  la petizione n. 0075/2018 presentata il 22 gennaio 2018 dal Segretario Generale del WFTU (World Federation of Trade Unions – Federazione sindacale mondiale) George Mavrikos, che denuncia la grave condizione  in cui si trovano molti migranti che lavorano nei campi a Rignano, in provincia di Foggia. Nella petizione si sottolinea  lo stato di abbandono […]

Unione Sindacale di Base

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *