Corteo “Mai più lager”, Davide e Golia a Milano

Non permettere l’apertura di un centro di detenzione per immigrati, un CPR, un centro per il rimpatrio, un lager per persone che non hanno un pezzo di carta. Da una parte un movimento nascente, una rete ampia di associazioni, gruppi, centri sociali, studenti, sindacati, partiti. Dall’altra un governo, il potere.

 

Corteo “Mai più lager”, Davide e Golia a Milano

 

Corteo “Mai più lager”, Davide e Golia a Milano

(Foto di Dario Perini)

Non permettere l’apertura di un centro di detenzione per immigrati, un CPR, un centro per il rimpatrio, un lager per persone che non hanno un pezzo di carta. Da una parte un movimento nascente, una rete ampia di associazioni, gruppi, centri sociali, studenti, sindacati, partiti. Dall’altra un governo, il potere.

In mezzo loro: gli immigrati.

Molti di loro oggi non c’erano: troppa paura.

I milanesi, le milanesi e tutti coloro che sono arrivati da altre province lombarde e che hanno avuto a che fare con i migranti c’erano, tutti.

In migliaia a sfilare per la fredda e grigia Milano che al passaggio del corteo sembra svegliarsi, scaldarsi. Dal corteo musica, parole, slogan, sfottò: uno sfogo enorme dopo le tante settimane passate ad ascoltare e vedere le peggiori notizie susseguirsi: i barconi respinti, gli sgomberi, il decreto che viene approvato, il ministro sulla ruspa, Riace, i racconti dalla Libia, i dinieghi che fioccano di fronte alle domande di protezione umanitaria.

Oggi in tanti e tante hanno gridato la loro indignazione, la loro rabbia, per difendere coloro che non potevano esserci, per non doversi vergognare di ciò che avviene nel proprio paese.

Ma quando gli italiani si accorgeranno che la causa dei loro mali non sono gli immigrati? Com’è possibile che siano riusciti a concentrare in loro tutte le nostre contraddizioni? Come è possibile che la nostra enorme frustrazione di fronte a condizioni di lavoro che peggiorano, a servizi che vengono meno, allo scadere di scuole, sanità, trasporti, all’aumento dell’età della pensione, ricada tutta su queste persone
che scappano da situazioni durissime, tanto che affrontano un viaggio a rischio della vita?

Questo il difficile compito di questo movimento che oggi ha ruggito a Milano, ma che dovrà fare ancora tanta strada.

E’ un buon primo passo, la determinazione c’è stata.

Ora si tratta di continuare nel difficile e minuzioso compito di costruire relazioni e creare coscienza rispetto a temi sui quali ignoranza e pregiudizi imperversano.

Non sarà facile, ma opporsi in primis alla costruzione di un inferno di CPR è fondamentale.
Oggi si è messa una bella zeppa perché non si chiuda nessun cancello. Andiamo avanti.
Ne va della libertà e dignità di tutti/e noi.

01.12.2018 – Milano Andrea De Lotto

Foto di Antonella Freggiaro, Andrea De Lotto e Daniela Padoan

 


Sempre più drammatica la situazione a bordo del peschereccio Nuestra Madre de Loreto

Posted: 01 Dec 2018 07:24 AM PST

Un incalzante appello arriva dalla pagina Facebook di Mediterranea Saving Humans: “Ieri sera uno dei dodici naufraghi del peschereccio Nuestra Madre de Loreto è stato trasportato d’urgenza a Malta in stato d’incoscienza. Altre undici persone rimangono a bordo, in mezzo alle onde, nel Mediterraneo centrale. Nei loro occhi e nei loro corpi ci sono i […]

Redazione Italia

Regno Unito, quindici attivisti rischiano l’ergastolo per aver bloccato la deportazione di migranti

Posted: 01 Dec 2018 04:04 AM PST

La criminalizzazione della solidarietà non riguarda solo l’Italia, con la martellante campagna contro le Ong che salvano vite nel Mediterraneo. In Francia sette attivisti rischiano 10 anni di carcere e 750mila euro di multa per “associazione a delinquere finalizzata all’immigrazione clandestina”. Nel Regno Unito altri quindici rischiano addirittura l’ergastolo per aver bloccato nella notte del […]

Redazione Italia

Amal Fathy, “ostaggio” nelle mani del governo egiziano

Posted: 01 Dec 2018 02:27 AM PST

In pochi giorni sono accaduti alcuni fatti nuovi nella ricerca della verità sul sequestro, la sparizione, la tortura e l’omicidio di Giulio Regeni. Di fronte all’ennesimo infruttuoso vertice tra le procure di Roma e del Cairo, la prima ha annunciato la prossima iscrizione nel registro degli indagati di una serie di funzionari egiziani, appartenenti all’Agenzia […]

Riccardo Noury

Julian Assange con le spalle al muro

Posted: 01 Dec 2018 02:09 AM PST

di Sally Burch Il cerchio si stringe intorno al fondatore di Wikileaks, Julian Assange, ancora rifugiato nell’Ambasciata dell’Ecuador a Londra. La persecuzione internazionale è in aumento e i suoi diritti vengono limitati. A metà novembre è trapelata (pare involontariamente) l’esistenza negli Stati Uniti di un’accusa sommaria contro Assange, la cui natura non è stata ancora […]

ALAI

Honduras: sette uomini condannati per l’omicidio dell’attivista Berta Cáceres

Posted: 01 Dec 2018 01:12 AM PST

Un tribunale honduregno ha condannato sette uomini per l’assassinio della leader ambientalista indigena Berta Cáceres. Cáceres, vincitrice del Premio Goldman per i difensori dell’ambiente, lottava contro la costruzione di un’enorme diga idroelettrica nelle terre sacre indigene quando, nel marzo 2016, è stata uccisa in casa sua appena due giorni prima del suo 45° compleanno. Il […]

Democracy Now!

 

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *