“È vero, l’Africa continua ad essere una terra di conquista”

Ogni Stato fa un po’ quello che gli pare, anche perché nel battibecco quotidiano sono entrati fattori che, se presi da soli, nulla hanno a che fare con il fenomeno migratorio. L’Africa possiede il 30% delle risorse naturali dell’intero pianeta, il suo Pil vale il 3% di quello mondiale.

 

È vero, l’Africa continua ad essere una terra di conquista

Povertà in Benin (Foto di Toundea, Wikimedia Commons)

 

Ogni Stato fa un po’ quello che gli pare, anche perché nel battibecco quotidiano sono entrati fattori che, se presi da soli, nulla hanno a che fare con il fenomeno migratorio. L’Africa possiede il 30% delle risorse naturali dell’intero pianeta, il suo Pil vale il 3% di quello mondiale.

L’Africa continua a essere una terra di conquista, oggi più che ieri nonostante le indipendenze ottenute. Non si tratta più di colonialismo o di influenze determinate dalla guerra fredda, ora si tratta di neo-colonialismo. Di un tutti contro tutti, dal punto di vista economico, politico e, anche, militare. Sullo sfondo rimangono i paesi e i popoli che abitano il continente africano. E oggi, nella polemica politica globale è entrata, a pieno titolo, la questione dei migranti. O meglio le politiche che i vari paesi, che si contendono l’Africa, mettono in atto per arginare o fermare un fenomeno che non è possibile arginare con il mostrare i muscoli. Le politiche migratorie globali, e anche quelle dell’Unione europea, possono essere riassunte così: “Liberi tutti”. E non appaia irriverente.

Ogni Stato fa un po’ quello che gli pare, anche perché nel battibecco quotidiano sono entrati fattori che, se presi da soli, nulla hanno a che fare con il fenomeno migratorio. Solo un dato: nel continente africano si muovono, tra Stato e Stato – per ragioni legate alla guerra, alla fame, alle carestie, ai cambiamenti climatici, alla mancanza di prospettive per il futuro – circa 50 milioni di persone. Quelle che arrivano a toccare le coste dell’Unione europee sono solo la punta di un iceberg.

Il caso del franco

E ora, nel bailamme politico, è entrato anche il franco Cfa, la moneta coloniale comune a 14 paesi africani. La Francia, non vi è dubbio, è rimasta ancorata ai propri principi. Forse l’unica realtà che non ha mutato, nella sostanza, la sua politica nei confronti dell’Africa francofona.

Se il continente africano durante l’epoca coloniale era al cappio delle potenze che lo hanno occupato e se lo sono spartito, a partire dagli anni ’60 con le indipendenze anche l’Africa ha risposto a logiche dettate dalla guerra fredda e le influenze erano determinate dai due blocchi. Oggi, se vogliamo usare un’immagine forte, è al cappio della Cina che, grazie ai suoi investimenti miliardari, detiene il debito di decine di paesi africani. Non c’è paese in Africa che non abbia a che fare con l’influenza di Pechino. E questo grazie, e soprattutto, ai governanti o dittatori che agevolano questa influenza per fini propri.

La Cina

Il piano di investimenti di Pechino si inserisce nel piano strategico diplomatico-economico della “nuova via della seta”. Basta questo dato: negli ultimi 15 anni l’interscambio commerciale tra la Cina e il Continente africano aumenta annualmente del 20%. Nell’ultimo vertice sino-africano Pechino ha deciso di stanziare altri 60 miliardi. La Cina è il primo partner commerciale con un volume di scambi pari a 180 miliardi di dollari annui. E tutto ciò non accade per il buon cure di Pechino. I governanti africani sono ben consapevoli di svendere i propri paesi al gigante cinese, gli hanno affidato il proprio debito. Pechino si presenta con offerte che sembrano troppo belle per essere vere e spesso non lo sono. Prima o poi chiederà il conto.

Gli Stati Uniti

L’America ha deciso, così come altri paesi dello scacchiere mondiale, di contrastare questo strapotere cinese.  Il Senato ha approvato la creazione di una agenzia finanziaria per lo sviluppo: Us International Development Finance Corporation (Usidfc). L’intento americano è quello di arrivare a stanziare 60 miliardi di dollari in investimenti diretti. Non è trascurabile, inoltre, che tornare a essere protagonisti in Africa, significa rafforzare la presenza militare, visto che la Cina ha messo gli “scarponi” sul terreno con una base a Gibuti, dove sono presenti americani e francesi. Tra Corno d’Africa, Sahel e Libia sono 34 le basi militari statunitensi.

La Russia

L’attenzione di Mosca non è affatto trascurabile. Con l’Angola, la Namibia, il Mozambico, l’Etiopia e lo Zimbabwe ha stretto accordi di collaborazione in ambito minerario, di cooperazione militare e per stabilire zone economiche di libero scambio. La Russia non può offrire, come la Cina, prodotti di consumo, ma armi sì e in abbondanza. Ora il centro strategico militare di Mosca è Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana. Ma l’intenzione della Russia, come ha annunciato il ministro degli Esteri Sergej Lavrov, è quello di realizzare un centro logistico in Eritrea, nell’area strategica del Corno d’Africa, già affollato di presenze straniere. Per esempio, la più gande ambasciata turca in Africa è proprio a Mogadiscio, capitale della Somalia. Il Corno d’Africa interessa moltissimo a Recep Tayyip Erdogan.

L’Arabia Saudita

Al Corno d’Africa guarda con attenzione anche Riad, che ha avuto una parte fondamentale nell’accordo di pace tra Etiopia ed Eritrea. Un interesse in funzione anti iraniana e, dunque, strategico per la partita che l’Arabia Saudita sta giocando in Yemen. Ma non è tutto. Riad sostiene e alimenta investimenti in molti altri paesi, specialmente musulmani, africani o anche in aree specifiche di alcuni, come il Kenya. Non solo. Riad da anni ha lanciato una campagna di acquisto di terre coltivabili proprio in Africa, quello che viene definito “land grabbing”, accaparramento delle terre.

La Francia

Parigi ha mantenuto saldi i legami con le ex colonie, che non sono da meno in termini geopolitici e minerari, rispetto ad altri paesi del continente. Uno di questi modi è appunto il franco Cfa, sotto la lente di ingrandimento in questi giorni di una parte politica italiana. Sono 14 i paesi che hanno adottato questa moneta che viene stampata a Parigi, la cui stabilità è garantita dal Tesoro francese al quale i paesi che aderiscono alla moneta devono depositare il 50% delle loro riserve monetarie. L’Economist spiega che “negli ultimi 50 anni l’inflazione ha raggiunto una media del 6% in Costa d’Avorio, che utilizza il franco Cfa, e il 29% nel vicino Ghana, che invece non lo utilizza. La valuta facilita gli scambi con l’Europa, il principale partner, e libera gli investitori stranieri dai rischi delle fluttuazioni dei tassi di cambio”. Moneta, inoltre, adottata anche dalla Guinea equatoriale, ex colonia spagnola, e la Giunea – Bissau, ex colonia portoghese.

Ma sono molti ancora i paesi nel mondo che hanno investito sul continente: Canada, Brasile, Giappone, Italia, India. Paesi che stanno cercando, compresa la Ue attraverso il Fondo fiduciario di emergenza per il continente, di investire e affrontare le cause alla base delle crisi umanitarie nelle aree più critiche.

L’Africa suscita un interesse straordinario grazie alle sue materie prime. L’Africa possiede il 30% delle risorse naturali dell’intero pianeta, il suo Pil vale il 3% di quello mondiale. Gli investimenti sono enormi, il denaro circola eccome. I Pil dei paesi africani crescono molto, a volte a due cifre, ma i tassi di sviluppo umano stagnano, tanto che nell’Africa sub sahariana il 40% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà. Le transazioni commerciali interafricane sono state pari a 128 miliardi di dollari, nel 2017, e nello stesso anno il commercio all’interno del continente è sceso al di sotto del 15% del volume totale degli scambi, mentre quelli con il resto del mondo hanno un valore molto più alto: oltre 900 miliardi di dollari. Insomma la realtà è molto più complessa di quello che ci vogliono far credere.

https://www.agi.it/blog-italia/africa

22.01.2019 – Angelo Ferrari

 


Women’s March Milan, manifestazione domenica 20 gennaio

Posted: 22 Jan 2019 01:01 PM PST

Domenica 20 gennaio 2019, Women’s March Milan ha celebrato il suo secondo anniversario. Quest’anno il tema dell’evento, scelto a livello globale, era “End Violence Against Women”, la lotta alla violenza di genere, che Women’s March Milan ha onorato con un corteo silenzioso in memoria delle oltre cento donne vittime di violenza maschile uccise nell’ultimo anno […]

Women’s March Milan

Castelnuovo di Porto, solidarietà al sindaco Travaglini contro la chiusura del Cara

Posted: 22 Jan 2019 12:33 PM PST

“Quello che sta avvenendo nel Cara di Castelnuovo di Porto, dove c’è il secondo centro rifugiati più grande d’Italia, è qualcosa di indegno, che offende la nostra storia e i principi sanciti nella Costituzione italiana”. A sostenerlo è Alessio Pascucci, coordinatore nazionale di Italia in Comune e sindaco di Cerveteri. “Il ministro dell’interno ha mandato […]

Redazione Italia

Italia, allarme nazismo

Posted: 22 Jan 2019 12:24 PM PST

Gli effetti del decreto Salvini, ormai purtroppo legge, si stanno facendo sempre più devastanti arricchendosi di corollari di crudeltà che mostrano senza più dubbi la “filosofia” pericolosamente disumana che ne è alla base. E’ di poche ore fa l’appello angosciato, lanciato sui social come un disperato SOS, che comunicava la decisione del Viminale di inviare […]

Patrizia Cecconi

ATTAC Italia: petizione contro la direttiva Bolkenstein

Posted: 22 Jan 2019 09:57 AM PST

STOP TTIP Nordest rilancia l’appello per firmare la petizione contro la direttiva Bolkenstein: firmate la petizione italiana ed europea promossa da ATTAC Italia contro la direttiva Bolkenstein che troverete aprendo il seguente link https://www.cognitoforms.com/ODG2/StopTheEUsServicesNotificationProcedureMunicipalismNeedsDemocraticSpaceToProtectTheInterestsOfCitizens E’ molto semplice aderire, scrivete i vostri dati, se volete anche l’appartenenza al Comitato StopTTIP di Udine oppure sia la scelta […]

Stop TTIP Italia

Decolonializziamoci dai!

Posted: 22 Jan 2019 08:34 AM PST

Quando mi trasferii in Perù, intorno al 2000, iniziai a fare delle attività di educazione alla nonviolenza nelle scuole pubbliche e private in alcune città. Mi stupì immediatamente vedere che i libri di storia dei ragazzini parlavano della storia Europea in un modo assolutamente sproporzionato in comparazione a quanto avevo potuto studiare io, in Italia, […]

Silvia Nocera

Migranti, Maestri: con motovedette alla Libia governo arma la disumanità

Posted: 22 Jan 2019 08:17 AM PST

“Il ministro Danilo Toninelli ha confermato ormai che il Movimento 5 Stelle ha accettato l’annessione alla Lega: con l’intervista di oggi ha seguito, senza nemmeno simulare un distinguo, la linea di Matteo Salvini parlando di gestione dei flussi migratori. Inoltre, in continuità con il precedente governo, ha garantito l’arrivo di motovedette ai libici: si tratta di un passaggio drammatico, perché il governo […]

Possibile

Nigeria, l’agenzia anti-tratta individua 20.000 ragazze in Mali

Posted: 22 Jan 2019 07:43 AM PST

L’agenzia anti-tratta nigeriana fa sapere di essere riuscita a individuare ben 20.000 giovani donne di nazionalità nigeriana intrappolate nelle maglie dei trafficanti di esseri umani. La scoperta riguarda il Mali.  A darne notizia alla testata nigeriana ‘Pulse’ è stata Julie Okah-Donli, la direttrice dell’Agenzia nazionale per il contrasto al traffico di esseri umani (Naptip). “Abbiamo […]

Agenzia DIRE

Ungheria: Il sindacato sfida il governo sulla “legge schiavitù”

Posted: 22 Jan 2019 07:24 AM PST

Sabato 19 gennaio si è svolta la manifestazione generale indetta dai sindacati ungheresi in segno di protesta rispetto all’approvazione di quella che le opposizioni hanno soprannominato “legge schiavitù”. Al grido di “Chiudiamo il paese”, i manifestanti hanno marciato a Budapest, Sopron, Debrecen, Székesfehérvár, Keszthely e convogli di auto hanno rallentato il traffico a Salgótarján, Zalaegerszeg, Veszprém, Szekszárd […]

East Journal

Pressenza, convegno a Milano: attivismo di base? C’è chi lo racconta

Posted: 22 Jan 2019 06:56 AM PST

Conferenza Pressenza Milano - SalaPressenza, nel decimo anniversario della nascita, ha rilanciato la propria attività di “intermediazione” tra attivisti e cittadini fruitori dell’informazione promuovendo domenica scorsa un incontro-dibattito al circolo Arci Bellezza di Milano. Quello milanese è stato il primo di una serie d’incontri che si concluderanno il prossimo 6-7 aprile al Monastero del Bene Comune a Sezano (Verona), […]

Natale Salvo

Stop ISDS – Diritti per le persone, Regole per le Multinazionali

Posted: 22 Jan 2019 06:53 AM PST

ll 22 gennaio a Davos al via la campagna europea per la difesa dei diritti dei cittadini e dell’ambiente contro la minaccia di sanzioni e ritorsioni da parte delle grandi imprese. Il 22 gennaio 2019, in occasione del World Economic Forum (WEF) di Davos, organizzazioni della società civile, sindacati e movimenti, coordinati in Italia dalla […]

Stop TTIP Italia

Il M5s accetta i diktat del presidente americano e un’Italia a sovranità limitata

Posted: 22 Jan 2019 06:05 AM PST

Avete mai sentito Di Maio criticare Trump?No. Ed è bene chiarire il perchè: Trump aveva chiesto al governo italiano tre cose: MUOS, F-35 e TAP. E il governo italiano sta eseguendo gli ordini, confermando la tradizione della nostra nazione di sudditanza. Una sovranità limitata che implica l’accettazione di basi militari Usa che un tempo Beppe […]

Alessandro Marescotti

Un Governo che ha emarginato il Parlamento

Posted: 22 Jan 2019 05:39 AM PST

“Vogliamo rafforzare la fiducia nella nostra democrazia e nelle istituzioni dello Stato. Intendiamo incrementare il processo decisionale in Parlamento e la sua cooperazione con il Governo.” Inizia con queste parole il “contratto per il governo del cambiamento” stipulato tra Lega e Movimento 5 Stelle. La Fondazione Openpolis ha recentemente presentato un report sul rapporto tra […]

Rocco Artifoni

Nuovo sondaggio: il 61% dell’opinione pubblica di 26 Paesi si oppone ai “killer robots”

Posted: 22 Jan 2019 05:13 AM PST

Anche il 58% degli italiani contrario a queste armi. Nei 26 Paesi esaminati nel 2018 tramite sondaggio, più di tre persone su cinque (il 61%) si oppongono allo sviluppo di sistemi d’arma che siano in grado di selezionare e attaccare obiettivi senza l’intervento umano. Due terzi (66%) di coloro che osteggiano sistemi di armi autonome letali hanno […]

Rete Italiana per il Disarmo

Appello di solidarieta’ alla resistenza del popolo curdo e allo sciopero della fame di Leyla Guven

Posted: 22 Jan 2019 05:07 AM PST

Sono ormai più di 70 giorni che la deputata del Partito Democratico Popolare (HDP), Leyla Guven, attualmente in carcere, è in sciopero della fame per chiedere libertà e giustizia in Kurdistan e per denunciare le condizioni disumane delle carceri turche. Lo sciopero si è allargato a 226 detenuti in Turchia e a decine di solidali […]

 

Redazione Italia

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.