Denuncia alla Corte Penale Internazionale contro il governo italiano per crimini razzisti

L’Ufficio della Procura della Corte Penale Internazionale de L’Aja ha comunicato al responsabile del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo di aver acquisito la denuncia contro il governo italiano per crimini razzisti.

 

LA PROCURA DELLA CORTE PENALE INTERNAZIONALE DE L’AJA HA ACQUISITO LA DENUNCIA DEL “CENTRO DI RICERCA PER LA PACE E I DIRITTI UMANI” DI VITERBO CONTRO IL GOVERNO ITALIANO PER CRIMINI RAZZISTI

L’Ufficio della Procura della Corte Penale Internazionale de L’Aja ha comunicato al responsabile del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo di aver acquisito la denuncia contro il governo italiano per crimini razzisti.
L’acquisizione della denuncia non garantisce automaticamente l’avvio di un’inchiesta, ma e’ comunque evidentemente il primo passo che puo’ portare ad essa.
Il responsabile della struttura nonviolenta viterbese, Peppe Sini, nell’esprimere apprezzamento per l’acquisizione della denuncia da parte della Corte Penale Internazionale ricorda come anche altre istituzioni internazionali abbiano gia’ dato riscontro alle reiterate denunce dei crimini razzisti commessi dal governo italiano, e confida che le competenti magistrature italiane ed internazionali possano al piu’ presto efficacemente intervenire per far cessare la commissione di abominevoli crimini razzisti da parte del governo italiano.
E’ infatti assolutamente necessario l’intervento piu’ tempestivo e adeguato in considerazione del fatto che il governo italiano persevera nella commissione di abominevoli crimini razzisti violando leggi nazionali (e la stessa Costituzione della Repubblica Italiana) e convenzioni internazionali che l’Italia ha sottoscritto.
Occorre che le competenti magistrature intervengano nei confronti di ministri che istigano all’odio razziale, ministri che commettono il delitto di omissione di soccorso nei confronti dei naufraghi, ministri che diffamano, minacciano e sabotano i soccorritori volontari salvatori di vite umane nel Mediterraneo, ministri che agiscono per respingere nei lager libici i superstiti in fuga da quell’orrore, ministri che varano misure razziste criminali e criminogene, ministri che perseguitano i migranti presenti in Italia, ministri gia’ accusati finanche di sequestro di persona.
Occorre fermare questi crimini.
Occorre salvare le vite umane in pericolo.
Ogni vittima ha il volto di Abele.
Salvare le vite e’ il primo dovere.
*
Alleghiamo in calce:
1. Lettera del 28 gennaio 2019 della Procura della Corte Penale Internazionale de L’Aja al responsabile del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo (testo originale in inglese e in francese);
2. Esposto del 17 gennaio 2019 del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo al Presidente della Corte Penale Internazionale de L’Aja;
3. Denuncia del 25 gennaio 2019 per vari reati di matrice razzista e per attentato contro la Costituzione, reati commessi e promossi dal Governo italiano.

Il “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo

Viterbo (Italia), 29 gennaio 2019

Mittente: “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: centropacevt@gmail.com

* * *

Allegato 1.

Lettera del 28 gennaio 2019 della Procura della Corte Penale Internazionale de L’Aja al responsabile del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo
Testo originale in inglese:
The Hague, 28 January 2019
Dear Sir,
The Office of the Prosecutor of the International Criminal Court acknowledges receipt of your documents/letter.
This communication has been duly entered in the Communications Register of the Office. We will give consideration to this communication, as appropriate, in accordance with the provisions of the Rome Statute of the International Criminal Court.
Please note this acknowledgement letter does not mean an investigation has been opened, nor that an investigation will be opened by the Office of the Prosecutor.
As soon as a decision is reached, we will inform you, in writing, and provide you with reasons for this decision.
Mark P. Dillon
Head of Information & Evidence Unit
Office of The Prosecutor of the International Criminal Court
*
Testo originale in francese:
La Haye, le 28 janvier 2019
Monsieur,
Le Bureau du Procureur de la Cour pénale internationale accuse réception de vos documents / de votre lettre.
Les informations y figurant ont été inscrites comme il se doit au registre des communications du Bureau et recevront toute l’attention voulue, conformément aux dispositions du Statut de Rome de la Cour pénale internationale.
Veuillez noter que cet accusé de réception ne signifie en aucun cas qu’une enquête a été ou sera ouverte par le Bureau du Procureur.
Nous ne manquerons pas de vous communiquer par écrit la décision qui aura été prise à ce sujet, ainsi que les motivations qui la justifient.
Veuillez agréer, Monsieur, l’assurance de notre considération distinguée.
Mark P. Dillon
Chef de l’Unité des informations et des éléments de preuve
Bureau du Procureur de la Cour pénale internationale

* * *

Allegato 2.

Esposto del 17 gennaio 2019 del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo al Presidente della Corte Penale Internazionale de L’Aja
Al Presidente della Corte Penale Internazionale

Oggetto: ulteriore segnalazione di gravissimi crimini razzisti commessi dal governo italiano, e reiterazione della richiesta di intervento

Egregio Presidente Chile Eboe-Osuji,

facendo seguito alla mia precedente segnalazione del 20 dicembre 2018 avente ad oggetto “Segnalazione di atti di persecuzione razzista commessi dal governo italiano e conseguente richiesta di intervento della Corte Penale Internazionale”, confermando pienamente quanto in essa contenuto, con la presente le segnalo inoltre che:
I. i Sindaci di importanti Comuni italiani e i Presidenti di importanti Regioni italiane hanno evidenziato come il cosiddetto “decreto sicurezza” recentemente imposto dal governo italiano rechi misure di persecuzione razzista nei confronti di persone del tutto innocenti, misure palesemente in contrasto sia con la Costituzione della Repubblica Italiana, sia con il diritto internazionale, sia con la Dichiarazione universale dei diritti umani; tale decreto e’ stato autorevolmente definito “disumano, criminale e criminogeno” e tale da configurare elementi di “apartheid”;
II. l’effettivo “dominus” del governo italiano ed i suoi caudatari persistono in una delirante e scellerata propaganda che costituisce flagrante istigazione all’odio razzista;
III. il governo italiano persiste tuttora nel commettere l’abominevole delitto di omissione di soccorso nei confronti di naufraghi in pericolo di morte, e di sabotaggio dei soccorritori volontari che salvano vite umane nel Mediterraneo, negando loro approdo in porti sicuri in Italia.
Nuovamente sollecito un tempestivo intervento nelle forme appropriate e per quanto di competenza al fine di contribuire a far cessare la commissione di crimini gravissimi che ledono fondamentali diritti umani.
Voglia gradire distinti saluti ed auguri di buon lavoro,
Peppe Sini, responsabile del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo
Viterbo (Italia), 17 gennaio 2019

* * *

Allegato 3.

Denuncia del 25 gennaio 2019 per vari reati di matrice razzista e per attentato contro la Costituzione, reati commessi e promossi dal Governo italiano
Alla Presidente del Tribunale di Viterbo
al Procuratore della Repubblica del Tribunale di Viterbo
e per quanto di competenza:
al Segretario generale dell’Onu
agli Alti commissari dell’Onu per i diritti umani e per i rifugiati
al Presidente della Corte Penale Internazionale
al Presidente della Corte di giustizia dell’Unione Europea
al Presidente della Corte europea dei diritti dell’uomo
al Segretario del Consiglio d’Europa
al Presidente della Commissione Europea
al Presidente della Repubblica Italiana
alla Presidente del Senato della Repubblica
al Presidente della Camera dei Deputati
a tutti i parlamentari italiani
e per opportuna conoscenza:
alla Corte Costituzionale
al Consiglio Superiore della Magistratura
a tutti i Commissari dell’Unione Europea
al Presidente del Parlamento Europeo
a tutti i parlamentari europei
al Prefetto di Viterbo
al Questore di Viterbo
ai mezzi d’informazione

Oggetto: Denuncia per vari reati di matrice razzista e per attentato contro la Costituzione dello Stato, reati commessi e promossi dal Governo italiano

Egregia Presidente del Tribunale di Viterbo,
egregio Procuratore della Repubblica del Tribunale di Viterbo,
egregie signore ed egregi signori,

ad integrazione di numerosi precedenti esposti segnaliamo quanto segue:
1. che il Tribunale dei Ministri di Catania, nella richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti del Ministro dell’Interno per sequestro di persona (“fatto aggravato dall’essere stato commesso da un pubblico ufficiale e con abuso dei poteri inerenti alle funzioni esercitate, nonche’ per essere stato commesso anche in danno di soggetti minori di eta’”), ha tra l’altro evidenziato come il governo italiano da mesi violi la legislazione internazionale dall’Italia sottoscritta che fa obbligo di soccorrere i naufraghi (scilicet: le Convenzioni internazionali in materia di soccorso in mare e le correlate norme di attuazione nazionali);
2. che il Rapporto di monitoraggio approvato dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa rileva come i politici italiani incitino all’odio, cosa peraltro fin troppo evidente a tutti gli italiani che ogni giorno da tutti i media sono sommersi da messaggi di istigazione all’odio razziale da parte di esponenti del governo e delle forze politiche che lo sostengono;
3. che ancora nelle sue ultime esternazioni il Ministro dell’Interno evidenzia la pretese di porre se’ e il suo agire al di sopra delle leggi, cosi’ peraltro evidenziando altresi’ l’ideologia anomica, palesemente antidemocratica in quanto violatrice dei diritti umani e vagheggiatamente assolutista nella pretesa di negare la separazione ed il controllo dei poteri, ergo: tendenzialmente totalitaria, che in ampia e decisiva misura pare caratterizzare il concreto porsi ed operare suo, della sua organizzazione politica, e del governo di cui piu’ che magna pars e’ effettuale dominus.
Tutto cio’ conferma ad abundantiam quanto da mesi andiamo segnalando sia alle competenti magistrature italiane ed internazionali, sia alle istituzioni internazionali di cui l’Italia fa parte, sia al Parlamento italiano, sia a varie articolazioni del sistema istituzionale italiano (i cui pubblici ufficiali in presenza di una flagrante notitia criminis hanno l’obbligo di promuovere l’azione penale).
Ovvero conferma che cio’ che il governo italiano sta facendo specificatamente in materia di immigrazione non e’ una qualunque politica piu’ o meno discutibile, ma un insieme di crimini, di crimini razzisti, ed in flagrante violazione della stessa Costituzione della Repubblica Italiana.
Lo ripetiamo: un insieme di crimini il cui fondamento e’ il razzismo, ed il razzismo e’ gia’ in se stesso un crimine contro l’umanita’.
Ricordiamo ancora una volta cio’ che da mesi denunciamo:
I. il governo italiano da mesi e tuttora commette l’abominevole delitto di omissione di soccorso nei confronti di naufraghi in pericolo di morte, e di sabotaggio dei soccorritori volontari che salvano vite umane nel Mediterraneo, negando loro approdo in porti sicuri in Italia;
II. addirittura nelle circostanze in cui il soccorso sia agevolmente effettuabile ed effettuato, il governo italiano giunge all’orrore di esprimersi e di operare affinche’ i superstiti siano respinti in Libia, dove essi tornerebbero con tutta probabilita’ ad essere vittime di segregazione in lager, schiavitu’, torture e costante pericolo di morte; e non e’ chi non veda come con tale agire il governo italiano si renda e si riveli pertanto effettuale complice delle mafie schiaviste dei trafficanti di esseri umani, effettuale complice della riduzione in schiavitu’ delle loro vittime, effettuale complice delle violenze e torture loro inflitte;
III. come anche i Sindaci di importanti Comuni italiani e i Presidenti di importanti Regioni italiane hanno evidenziato, il cosiddetto “decreto sicurezza” imposto dal governo italiano reca misure di persecuzione razzista nei confronti di persone del tutto innocenti, misure palesemente in contrasto sia con la Costituzione della Repubblica Italiana, sia con il diritto internazionale, sia con la Dichiarazione universale dei diritti umani; tale decreto e’ stato autorevolmente definito “disumano, criminale e criminogeno” e tale da configurare elementi di “apartheid”;
IV. l’effettivo “dominus” del governo italiano ed i suoi caudatari persistono in una delirante e scellerata propaganda che costituisce flagrante istigazione all’odio razzista e apologia del delitto di omissione di soccorso;
V. nel commettere e per commettere i crimini razzisti il governo non solo viola convenzioni internazionali dall’Italia sottoscritte, non solo viola leggi ordinarie dello Stato, ma viola la stessa Costituzione della Repubblica Italiana cui tutti i ministri hanno giurato fedelta’ all’atto di assumere il loro incarico.
Nuovamente chiediamo l’intervento delle competenti magistrature per far cessare crimini razzisti il cui esito e’ finanche la morte di persone innocenti (come nel caso dei naufraghi che muoiono in mare per assenza di soccorsi).
Nuovamente chiediamo l’intervento delle istituzioni internazionali di cui l’Italia fa parte per far cessare questi crimini razzisti.
Nuovamente chiediamo l’intervento del Parlamento italiano affinche’ deliberi la sfiducia a un governo che commette crimini razzisti e viola la Costituzione.
Nuovamente chiediamo a tutti i pubblici ufficiali cui inviamo questa ennesima denuncia di promuovere a loro volta l’azione penale, avendone l’obbligo in quanto raggiunti da notitia criminis.
Il razzismo e’ un crimine contro l’umanita’.
E’ un crimine contro l’umanita’ omettere di soccorrere i naufraghi in pericolo di morte .
E’ un crimine contro l’umanita’ rifiutarsi di salvare esseri umani innocenti, ed anzi adoperarsi per impedire che gli esseri umani resi schiavi e detenuti in condizioni disumane nei lager libici possano tornare liberi giungendo in salvo in un paese in cui vivere una vita degna.
E’ un crimine contro l’umanita’ istigare all’odio razzista.
E’ un crimine contro l’umanita’ attuare persecuzioni razziste.
Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita’, alla solidarieta’.
Vi e’ una sola umanita’ in un unico mondo vivente casa comune dell’umanita’ intera.
Salvare le vite e’ il primo dovere.
Confidando nella massima tempestivita’ di una vostra azione che puo’ salvare innumerevoli vite umane, augurandovi ogni bene porgiamo distinti saluti.

Peppe Sini, responsabile del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo

Viterbo (Italia), 25 gennaio 2019

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.