“Tra democrazia e violenze non si può avere alcun dubbio da che parte stare”

“Chi non conosce nulla della situazione del Venezuela sta speculando sull’ennesimo golpe eterodiretto dagli Stati Uniti, le sta mal interpretando di proposito e giudicando queste parole come un endorsement del Presidente Mattarella al golpe in corso”.

Venezuela. Ha ragione Mattarella, tra democrazia e violenze non si può avere alcun dubbio da che parte stare


di Fabrizio Verde

Mattarella, presidente della Repubblica italiana, ha oggi rilasciato queste dichiarazioni sulla crisi in Venezuela:
 
“Non ci può essere incertezza o esitazione sulla scelta tra volontà popolare e richiesta di autentica democrazia da un lato e dall’altro la violenza della forza e le sofferenze della popolazione civile”.
 
Chi non conosce nulla della situazione del Venezuela sta speculando sull’ennesimo golpe eterodiretto dagli Stati Uniti, le sta mal interpretando di proposito e giudicando queste parole come un endorsement del Presidente Mattarella al golpe in corso.  Ha, al contrario, perfettamente ragione il Presidente Mattarella che implicitamente o esplicitamente abbraccia la linea dell’Onu, del multilateralismo e della pace sposata, oltre che – lo ripetiamo – dalle Nazioni Unite, da parte di tutte gli organismi internazionali. Persino in seno all’Osa, definito non a torto da Fidel Castro “il ministero delle colonie”, il tentativo di colpo di Stato in Venezuela è stato sconfitto in modo chiaro.
 
E questo Mattarella implicitamente o esplicitamente lo sa. E ha detto di non avere esitazione tra la democrazia, qui in questo video Monedero spiega alla perfezione la legittimità legale e costituzionale delle elezioni che hanno portato alla conferma di Nicolas Maduro per il periodo 2019-2025:

https://www.youtube.com/watch?v=zIyh2NbEl_s

e le violenze di chi, in particolare il partito di estrema destra Voluntad Popular isolato anche dagli altri partiti dell’opposizione, è teleguidato al quarto colpo di Stato dopo 2002, 2014 e 2017.

Qui alcune immagini delle violenze golpiste:

https://www.youtube.com/watch?v=ig6yFP8HjVQ

https://www.youtube.com/watch?v=1elA0VsogX8

https://www.youtube.com/watch?v=UaUz3exTEIk

Quindi ha perfettamente ragione Mattarella tra la democrazia, il rispetto del diritto internazionale, l’Onu e il multilateralismo, da una parte; e le violenze e le sofferenze dalla popolazione civile non si devono avere dubbi.

P.s… Lui è Orlando Figueroa. Lavoratore ambulante, Orlando Figuera si trovava a bordo di un bus in compagnia della sorella. Giunto ad Altamira – quartiere ricchissimo di Caracas ed epicentro delle proteste violente – nel 2017 quando il golpista attuale e gli altri estremisti di destra provavano l’ennesimo colpo di stato per conto degli Stati Uniti. Una guarimbas (barricata) costrinse tutti i passeggeri a lasciare l’autobus per proseguire il proprio tragitto a piedi. Una volta sceso dal bus, Orlando Figuera viene riconosciuto come chavista e per questo dapprima pugnalato e poi dato alle fiamme. Chavista e nero erano due crimini intollerabili per i golpisti di ieri e di oggi

da:  www.lantidiplomatico.it

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.